Condividi su

15 febbraio 2014 • 21:21 • Scritto da Valentina Torlaschi

Berlinale, vince il cinese Black Coal Thin Ice. A Wes Anderson il premio della giuria

Si è da poco conclusa la cerimonia di premiazione della 64^ edizione del Festival di Berlino: ecco tutti i vincitori
Post Image
0

festival berlino 2014 vincitori

Cala il sipario sulla 64^ edizione della Berlinale, uno dei festival cinematografici più importanti in Europa dopo Cannes e Venezia, che si è svolto dal dal 6 al 16 febbraio. A vincere il più importante riconoscimento, ossia l’Orso d’Oro, è stato il noir Bai rin Yan Huo (Black coal Thin ice) diretto dal cinese Diao Ynan in cui si racconta di un rapporto tormentato tra un ex poliziotto e una donna pericola, il tutto in una Cina contemporanea ideologicamente disorientata. Da segnalare il Gran Premio della Giuria andato alla commedia di Wes Anderson The Grand Budapest Hotel.

A decidere il palmarès una giuria presieduta dal produttore da Oscar James Schamus (Brokeback Mountain) e poi composta dalla produttrice Barbara Broccoli (saga di James Bond), l’attrice danese Trine Dyrholm, la regista e pittrice iraniana Mitra Farahani, la giovane e acclamata attrice americana Greta Gerwig, il regista francese Michel Gondry, la star Hong Kong Tony Leung (attore feticcio di Wong Kar-wai) e infine un interprete da 2 Academy Awards che non ha bisogno di presentazioni come Christoph Waltz.

orso oro

Di seguito l’elenco completo dei vincitori

Orso d’oro: Black Coal, Thin Ice (Bai Ri Yan Huo) di Diao Yinan

Orso d’argento Gran Premio della giuria: The Grand Budapest Hotel di Wes Anderson

Orso d’argento Premio Alfred Bauer: Aimer, boire et chanter di Alain Resnais

Orso d’argento Miglior regia: Richard Linklater per Boyhood

Orso d’argento Miglior attore: Liao Fan per Black Coal, Thin Ice (Bai Ri Yan Huo) di Diao Yinan

Orso d’argento Miglior attrice: Haru Kuroki per The Little House (Chiisai Ouchi) di Yoji Yamada

Orso d’argento Miglior sceneggiatura: Dietrich Brüggemann, Anna Brüggemann per Station of the Cross (Kreuzweg) di Dietrich Brüggemann

Premio per il miglior contributo artistico: Zeng Jian per Blind Massage (Tu Na) di Lou Ye

Fonte: Berlinale

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *