Condividi su

23 febbraio 2014 • 09:50 • Scritto da

Arisa vince il Festival di Sanremo 2014 con “Controvento”

Il favorito era un altro, ma alla fine è stata lei ad alzare il trofeo: Arisa è la vincitrice di Sanremo 2014. La cantante lucana, già vincitrice nella sezione giovani nel 2009 e seconda nel 2012 con “La Notte”, ha finalmente conquistato il primo posto nella categoria Big; dopo di lei Raphael Gualazzi e Renzo […]
Post Image
0

Il favorito era un altro, ma alla fine è stata lei ad alzare il trofeo: Arisa è la vincitrice di Sanremo 2014. La cantante lucana, già vincitrice nella sezione giovani nel 2009 e seconda nel 2012 con “La Notte”, ha finalmente conquistato il primo posto nella categoria Big; dopo di lei Raphael Gualazzi e Renzo Rubino.

Arisa sanremo

E’ felice Arisa, ma non lascia tradire troppo dall’emozione mentre alza il Leoncino di Sanremo 2014; la cantante si è aggiudicata favore del pubblico e della critica con “Crontrovento”, scritta dal suo paroliere ed ex fidanzato Giuseppe Anastasi. Arisa ha battuto nella finale a 3 Raphael Gualazzi e Bloody Beetrots e Renzo Rubino, ma soprattutto ha scalzato dalla prima posizione il super favorito Francesca Renga.

“Tutto ok, cioè sono veramente felice. Se posso vorrei fare i complimenti a Raphael e a Renzo. E’ molto bello condividere questo palco con loro” ha detto Arisa a Fabio Fazio dopo la premiazione; niente lacrime per lei, però, nemmeno urla di gioia, ma un entisiasmo contenuto, dignitoso, di classe, come la sua musica.

Ecco il momento della vittoria di Arisa a Sanremo 2014: 

Tra i momenti più belli della Finale di Sanremo ci sono stati Ligabue, per la prima volta al Festival con le sue canzoni, e Maurizio Crozza che è riuscito a fare il suo monologo sulla bellezza, con un piccolo sketch su Renzi alla fine. Se dobbiamo pensate a tutto questo Sanremo, però, i migliori sono stati sicuramente Pif con il suo geniale Sanremo e SanRomolo e il ritorno dell’ex vincitore Marco Mengoni che ha cantato Sergio Endrigo.

Vi è piaciuto Sanremo 2014? Siete felici per Arisa?

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *