L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

True Detective, il commento alla serie con Matthew McConaughey e Woody Harrelson

Di emanuele.r

Attenzione, contiene spoiler.

true-detective-1x01-rust-cohle-martin-hart-promo-02_mid

A volte le previsioni e le attese non sono deluse: dall’annuncio ai primi trailer, True Detective è subito sembrata una serie di alto profilo produttivo e realizzativo, tanto nella struttura – antologica, una storia a stagione, sulla scia di American Horror Story – quanto nei nomi coinvolti, su tutti i protagonisti Matthew McConaughey e Woody Harrelson. Il pilot ci ha convinto che le attese erano state ben riposte.
Rust Cohle e Martin Hart vengono richiamati a testimoniare su una loro vecchia indagine riguardante l’uccisione di una prostituta di 17 anni, Dora Lange, quando un nuovo corpo viene ritrovato, ucciso con lo stesso modus operandi del killer che inseguirono nel 1995 quando entrambi lavoravano per il dipartimento di polizia di Stato della Louisiana. Creato da Nic Pizzolato che ne ha scritto anche il pilota The Long Bright Dark e diretto da Cary Fukunaga, True Detective è un poliziesco nero come la notte e torbido, a metà strada tra le migliori serie inglesi e i lavori “d’appendice” di James Ellroy, da qualche tempo vero nume tutelare della narrazione di qualità in tv.

HBO's "True Detective" Season 1 / Director: Cary Fukunaga

Costruito per flashback, partendo dal 2012 e risalendo fino al ’95, con un’andamento temporale che ricorda Zodiac o il capolavoro tv Red Riding, True Detective è – al pari del citato American Horror Story – un viaggio che va al di là delle storie raccontate: se la serie di Murphy è un racconto delle paure dell’America attraverso gli archetipi dell’orrore, lo show di Pizzolato è una riflessione sui lati marci degli Stati Uniti in cui il poliziesco, l’hard boiled e i vari tipi di crime story servono da specchio delle paranoie di un paese. Prostituzione, rapporto con la spiritualità e con il satanismo, sociopatia a più livelli, dai criminali ai poliziotti, e tutte le pervesioni che hanno reso grande l’America: ma sopratutto, anche per emanciparsi dai modelli e allo stesso tempo rendere loro omaggio, un viaggio nella mente degli investigatori, nella loro visione di vita che come dice il titolo del primo episodio, brilla di oscurità.
L’amalgama e l’equilibrio tra indagini e aspetto umano è praticamente perfetto, la suspense è forte e mai invasiva grazie alla regia di Fukunaga e alla grandezza di due magnifici interpreti con McConaughey alla caccia di un criminale, ma anche di un premio che potrebbe fare il paio con l’Oscar nella sua bacheca. Un altro tassello di racconto criminale americano e di bellissima tv targata HBO.

true-detective-1x01-rust-cohle-martin-hart-promo-05_mid

Commentate la recensione e restate su Screenweek ed Episode39.

 

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Gabriele Muccino rinnega Quello che so sull’amore, il film con Gerard Butler “fu un vero incubo” 12 Aprile 2021 - 14:30

Gabriele Muccino è tornato sui social. Lo ha fatto per disconoscere ufficialmente un suo film: Quello che so sull’amore, il suo terzo film americano, realizzato nel 2012 dopo La ricerca della felicità e Sette anime.

Carrie-Ann Moss racconta di aver ricevuto offerte per “ruoli da nonna” subito dopo aver compiuto 40 anni 12 Aprile 2021 - 13:45

Carrie-Ann Moss parla del modo in cui l'industria hollywoodiana vede le donne non appena compiono 40 anni, rivelando la sua esperienza.

Joseph Siravo è morto, aveva recitato in Carlito’s Way e nei Soprano 12 Aprile 2021 - 12:45

Joseph Siravo è morto. Aveva 64 anni e da tempo era malato di cancro. Nel corso della sua carriera era comparso in pellicole come Carlito's Way e in serie come I Soprano.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.