L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

ScreenWeek al Museo Ghibli: uno sguardo ai corti di Miyazaki Hayao

Di Redazione SW

mizugumo3_opt

ScreenWeek dal Giappone.

Mizugumo Monmon («Il ragno d’acqua Monmon»)
Sono 12 minuti di vita del microcosmo di uno stagno, in particolare la delicata e leggera storia d’amore tra due diversi tipi di ragno d’acqua, uno che vive nelle profondità dello stagno e l’altro che “pattina” delicato sulla sua superficie. Il corto è ancora una volta incredibilmente vivido nella sua qualità visiva, la cura maniacale dei particolari è da Studio Ghibli, con queste splendide immagini Miyazaki riesce a trasmetterci tutto l’amore ed il rispetto verso il naturale e l’ambiente dove l’umano è del tutto marginale ed in fin dei conti non necessario. Ciò che colpisce di più di questi pochi ma intensi minuti di animazione, assieme al rispetto per la vita intesa in tutte le sue innumerevoli declinazioni, è la poetica che esalta l’effimero, ciò che passa, un incontro o un caso fortuito. Mizugumo Monmon ci sussurra come anche in un microcosmo vegetale/animale esistano la bellezza e l’amore, sentimenti che qui sono tanto gioiosi ed intensi quanto destinati a passare ed è infatti così che si conclude il corto, con i due insetti che dopo vari inseguimenti, balletti a filo d’acqua e carezze d’amore, si separano inesorabilmente a causa di un colpo di vento, un finale tanto delicato quanto poetico.

mizugumo

Yadosagashi («In cerca di casa»)

yadosagashi

Pezzo più innovativo, scanzonato e leggero ma allo stesso tempo sorta di sperimentazione e ritorno alle origini dell’animazione è Yadosagashi («In cerca di casa»). Disegni grezzi e a bassa definizione compongono questo corto che è privo di dialoghi ma abbonda di suoni e rumori che sono qui prodotti, come nell’ultimo The Wind Rises, da due attori, rumori che vengono visualizzati sullo schermo attraverso le scritte onomatopeiche e che in questo modo diventano parte integrante dell’animazione.

yadosagashi2

È bene qui ricordare che nella lingua giapponese molti verbi che esprimono i suoni o i rumori in natura, come lo scroscio dell’acqua, il soffio del vento ed il tuonare, sono resi con delle onomatopee. Ed è anche grazie a questo che alla fine ne viene fuori un corto comicamente surreale, scabro ma vivo che preannuncia per certi versi il tratto che poi Miyazaki avrebbe adoperato in Ponyo, di due anni seccessivo.

Hoshi wo katta hi («Il giorno in cui allevai un pianeta»)

hoshiwokattahi

Ma è l’ultimo corto che prendiamo qui in considerazione, Hoshi wo katta hi («Il giorno in cui allevai una pianeta»), il pezzo migliore del trittico, originato da un’idea dell’artista Inoue Naohisa. All’inizio ci fornisce uno sguardo su un paesaggio che sembra quello di una normale campagna con tanto di casetta rustica un po’ retrò e campi coltivati a verdure. Da qui un ragazzo un giorno se ne va al mercato per vendere delle enormi rape ma per la strada incontra due buffi personaggi, una rana e una talpa che lo convincono a barattare gli ortaggi per il seme di una stella. Ritornato a casa il ragazzo lo pianta in un vaso e lo accudisce con dedizione e amore giorno e notte, finché il seme si sviluppa e incomincia a assumere le fattezze di un pianeta, sospeso a mezz’aria sopra il vaso. Pian piano assistiamo alla bellissima nascita di un pianeta in miniatura, si formano così l’atmosfera, gli oceani e quindi le terre emerse. Qui davvero il gruppo di Miyazaki si supera, la delicatezza dello sviluppo del piccolo pianeta, le musiche e le atmosfere rarefatte ci trasmettono tutto l’amore del ragazzo per l’atto di accudire e allevare qualcosa di vivo, che sia un pianeta piuttosto che un gattino o un bambino cambia poco, il sentimento che si mette in moto è lo stesso e riempie di gioia anche quando lo si dovrà abbandonare a sè stesso. Si scoprirà nel proseguo della storia che il luogo dove il protagonista abita è la periferia rurale di un enorme città alveare, una sorta di metropoli coperta d’erba, con macchine volanti, bazar popolati d’ogni sorta di strambi esseri, teste che rotolano (che rivedremo anche in I racconti di Terramare del figlio Goro) elefanti parlanti e così via. Saranno ancora i suoi buffi amici, la rana e la talpa, a guidarlo con una navicella in una Via Lattea fantastica, popolata di asteroidi multiformi, pianeti e stelle varie e dove il ragazzo rilascerà il suo pianeta-stella ormai cresciuto. Esempio perfetto di molte delle poetiche dell’autore e di temi a lui cari, Hoshi wo katta hi, è un’avventura in quella scienza fantastica che Miyazaki ha saputo intessere durante tutta la sua lunga carriera.

hoshiwokattahi2_opt

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

After: la saga si espande, in arrivo un prequel e un sequel 20 Aprile 2021 - 16:00

La saga After, ispirata alle pagine di Anna Todd, si è rivelata una grande successo. Un terzo capitolo è pronto per arrivare nelle sale nel corso del 2021 ma i progetti per il franchise sono decisamente ambiziosi.

Edgar Ramírez protagonista della serie Florida Man per Netflix 20 Aprile 2021 - 15:15

Un ex poliziotto in cerca della ragazza di un ganster, un viaggio angosciante tra Brivido caldo e Out of Sight

Il cosmonauta – Anche Paul Dano e Kunal Nayyar nel film Netflix 20 Aprile 2021 - 14:30

Paul Dano e Kunal Nayyar sono entrati nel cast di Spaceman, film Netflix con Adam Sandler e Carey Mulligan tratto da Il cosmonauta di Jaroslav Kalfar.

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.