Condividi su

27 gennaio 2014 • 15:15 • Scritto da Redazione SW

Ping Pong, la nuova serie animata diretta da Yuasa Masa’aki

Ritorna a dirigere una serie animata per la televisione uno dei più geniali artisti nipponici, quel Yuasa Masa’aki che aveva sorpreso tutti con Mind Game e estasiato il pubblico con Kaiba.
Post Image
0

ping_pong_anime

Yuasa Masa’aki è certamente uno degli animatori e registi giapponesi più eclettici e fuori dalle righe che solchino il panorama animato giapponese, si è fatto conoscere all’estero, anche se ad un pubblico di nicchia, nel 2004 con il lungometraggio sperimentale Mind Game ed è esploso con quello che rimane, almeno per chi scrive, il suo capolavoro, Kaiba, la serie animata andata in onda nel 2006. Per dare un’idea dei lavori che scaturiscono dalla mente dell’artista giapponese a chi non lo conoscesse, ecco due estratti dai due lavori citati:

L’ultimo lavoro di Yuasa è stato Kick-Heart, un mediometraggio realizzato grazie ad un crowdfounding a cui molto, se non del tutto, hanno contribuito anche i suoi sostenitori fuori dal Giappone, un’opera che ha ottenuto moltissimi riconoscimenti in alcuni festival internazionali, anche qui il trailer ci dà un’idea dello stile e della follia visiva che anima il giapponese:

É notizia di pochi giorni fa che Yuasa è tornato a dirigere una serie per la televisione, si tratta di Ping Pong, un lavoro tratto dall’omonimo manga realizzato negli anni novanta da Matsumoto Taiyo. L’anime sarà trasmesso dalla Fuji TV da aprile, nello spazio notturno denominato Noitamina che in passato ha già ospitato altri lavori di Yuasa, quali il già citato Kaiba o Tatami Galaxy nel 2008. La storia è quella di due amici e compagni di scuola superiore, Smile e Peco, entrambi appassionati di ping pong ma dai caratteri assai diversi, più introspettivo e calmo il primo, più aperto ed agressivo il secondo, caratteristica questa che gli consente di vincere contro l’amico quasi sempre.
Qui si possono vedere i trenta secondi della pubblicità andata in onda sulla rete giapponese:

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *