L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Oprah Winfrey – 60 anni per la donna più potente dell’intrattenimento (snobbata gli Oscar)

Di Leotruman

Making-a-scene-Janusz-Kaminski-Oprah-Winfrey

In Italia il suo nome è popolare, ma mai quanto in patria dove è a tutti gli effetti una delle donne più potenti non solo dell’intrattenimento ma degli interi Stati Uniti d’America. Parliamo di Oprah Winfrey, presentatrice americana diventata in qualche anno una delle più seguite opinion leader in assoluto, capace di influenzare masse e politica.

Nata a Kosciusko, cittadina dello stato del Mississippi, il 29 gennaio del 1954, Oprah taglia oggi l’importante traguardo dei 60 anni.

La sua nascita artistica la leghiamo in particolare al biennio 1985-1986. Infatti nel 1985 partecipa al dramma Il Colore Viola, una delle pellicole più intense della filmografia di Steven Spielberg. Interpreta Sofia, e la sua partecipazione alla pellicola, incentrata su figure femminili, abusi sessuali, razzismo e coraggio delle donne violentate, le vale la sua prima nomination agli Oscar come Miglior Attrice non Protagonista (e ai Golden Globe). Purtroppo il film non vincerà nemmeno una statuetta su 11 candidature, quasi un record (negativo).

Nel 1986 invece prende il via il suo talk show, il celebre Oprah Winfrey Show. In breve tempo lo show fu completamente trasformato dalla forte personalità della conduttrice in una vetrina, o meglio un tavolo di discussione per richiamare l’attenzione del pubblico verso i problemi sociali, anche scottanti e non : violenza sessuale, droga, problemi familiari, tematiche LGBT.

Oprah è capace di influenzare anche mode e costumi. Gli argomenti o i casi trattati nel corso delle puntate dello show diventano fenomeni e argomenti di pubblico dibattito. I libri presentati diventano best-seller, i film finiscono in cima al boxoffice, il consumo della carne crolla se afferma che non mangerà più un hamburger durante lo scandalo della Mucca Pazza (fu pure denunciata). In ogni caso per vent’anni Oprah ha letteralmente dominato il campo dei talk show televisivi, tanto da permettersi di creare un suo canale via cavo (Own TV). D’altronde ci sono annate nelle quali è stata capace di racimolare introiti per quasi 300 milioni di dollari: una delle donne più ricche e potente degli USA, finendo spesso al primo posto della classifica annuale di Forbes.

Sul canale Own ora Oprah presenta anche alcuni speciali, nei quali incontra le più popolari star al mondo (Oprah Next Chapter), finendo spesso per far parlare loro dei momenti più difficili della propria vita e carriera. In pratica: tutti finiscono sempre per farsi dei gran pianti e il momento viene definito in gergo Oprahfication.

Mettete però in conto una cosa: non importa quanto siate potenti o celebri, perché Oprah non vi abbraccerà mai! Il “finto abbraccio” alla Oprah fa parte del costume americano, come celebrato anche in una puntata di Will & Grace:

Ecco la prova: nemmeno la povera Barbara Walters è riuscita nell’impresa di abbracciare Oprah, schivata all’ultimo istante come sempre… (ma l’agguerrita Barbara non cederà questa volta).

La vita di Oprah non è tutta rose e fiori. Purtroppo alla vigilia dei suoi 60 anni è stata snobbata agli Academy Awards nonostante sia tornata a recitare al cinema nel film di Lee Daniels, The Butler. Acclamato dalla critica, così come la sua interpretazione, il film è stato completamente snobbato dagli Oscar nonostante i quasi 120 milioni di dollari incassati solamente negli USA (quasi 5 milioni di euro persino in Italia!).

Oprah ha deciso di consolarsi organizzando una festa in grande stile nella sua tenuta di Montecito in California. Nella lista degli invitati si parte con i nomi di Michelle e Barack Obama (almeno un milione di voti sarebbero andati all’attuale inquilino della Casa Bianca grazie a lei) e star come Julia Roberts, Tom Cruise, ma anche Beyoncé e Diana Ross, pronte ad esibirsi per l’amica.

“Ero riluttante, difficilmente festeggio i miei compleanni. Ma poi ho pensato: che diavolo! Questa volta faccio una grande festa! Di solito mi sento molto più a mio agio quando organizzo feste per gli altri, ma questa volta lo farò per me stessa”.

Non resta che augurare… Buon compleanno Oprah!

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

What If…? La serie Marvel su Disney+ la prossima estate? 13 Aprile 2021 - 12:15

La serie Marvel What If…? arriverà su Disney+ la prossima estate? Secondo quanto rivelato da Hayley Atwell sì...

Starlight: Joe Cornish dirigerà l’adattamento del fumetto di Mark Millar 13 Aprile 2021 - 11:15

Il regista di Attack the Block racconterà la storia di Duke McQueen, un vecchio eroe in partenza per l'ultima grande avventura nel cosmo

Powerpuff: ecco le Superchicche nella prima foto ufficiale 13 Aprile 2021 - 10:30

Dove Cameron, Chloe Bennet e Yana Perrault sono Dolly, Lolly e Molly nell'immagine diffusa da The CW

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.