L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Nebraska – La recensione del film di Alexander Payne, candidato a 6 Oscar

Di laura.c

NEBRASKA - Official Film Clip -  Remember Me   - YouTube

Un viaggio in bianco e nero al cuore degli Stati Uniti. Un confronto tra due generazioni che, nonostante la parentela, sembrano aver poco da dirsi e, al centro di tutto, come sempre i soldi. Un bel mucchio di quattrini, non importa se reali o presunti, che riescono a smuovere persone, sentimenti e situazioni incancrenite da anni. C’è sempre un altro rischio di retorica quando il cinema tenta di affrontare queste piccole grandi storie americane, dove le esperienze quotidiane di persone qualunque vogliono farsi specchio di  problemi di natura molto più ampia. Bisogna però ammettere che, a differenza di altri film, in questa sua ultima prova il regista Alexander Payne è riuscito a mantenere in grande equilibrio la componente “macro” e “micro” del racconto, portando sullo schermo  in modo non banale sia la storia di un padre e di un figlio che non si sono mai voluti conoscere fino in fondo, sia quella di un Paese dai sogni spezzati e  arrugginiti, cui restano solo desolazione, meschinità e rari barlumi di tenerezza.

NEBRASKA - Official Film Clip -  Having Kids  - YouTube

La trama è semplice e lineare: un anziano signore taciturno, burbero e testardo, si convince di aver vinto un milione di dollari e di dover andar a ritirare il proprio premio in Nebraska, a chilometri e chilometri da casa. Peccato che la sua vincita sia solo una trovata promozionale di cattivo gusto, che non inganna neppure per un attimo i suoi parenti. Nonostante tutto il più giovane dei due figli, commesso senza grandi prospettive né ambizioni di vita, decide di assecondarlo e di tenere in piedi ancora per qualche giorno quell’inspiegabile illusione. Tempo più che sufficiente perché tra parenti e conoscenti del “milionario” si scateni il putiferio, e perché tornino a galla tante vecchie questioni sepolte dal tempo, dalla noia e dalla perdita collettiva  del senso dell’esistenza.

NEBRASKA - Official Film Clip -  What a Whore  - YouTube

Sarebbe però limitativo dire che in Nebraska si parla dell’ipocrisia e della viltà di una cittadina di provincia, in piena crisi non solo economica ma anche morale e identitaria. Questa è solo la parte più evidente del film, e anche quella sottolineata in modo forse troppo ridondante con personaggi e situazioni che si ripetono in maniera molto simile l’una all’altra. Ciò che aleggia in modo meno palese, ma più interessante ed inquietante, è il senso di sconfitta, la disperazione insita in questo ultimo, folle e cieco tentativo di lasciare la propria vita da vincente anzi che in modo mediocre e anonimo. L’ispirazione del film è tutta in quelle rughe e in quello sguardo perso di  Bruce Dern, che si fa ritratto di una disillusione così profonda da andare ben oltre il livello personale. La sua sembra più che altro la testarda ostinazione di un mondo che non vuol smettere di credere nel Sogno Americano, anche a costo di ingannare se stesso. Mentre il figlio,  Will Forte, che decide di accollarsi questa ovvia pazzia, sembra l’incarnazione di una moderna pietas un po’ goffa.  Una pietas che non può salvare un genitore dal suo mondo in rovina, ma può cercare di attutire la caduta con un piccolo e pallido gesto di speranza, meglio comunque del vuoto che circonda lui e la sua famiglia.

NEBRASKA - Official Film Clip -  Why Don't You Take Me   - YouTube

Particolarmente azzeccata anche la scelta del bianco e nero, che in realtà è più che altro grigio: uno spesso strato di polvere da cui viene coperto tutto, luoghi, persone e relazioni umane, e che comunque nessuno dei personaggi riesce mai a scrollarsi di dosso. Un tocco di amarezza non scontato, utile a smorzare il sentimentalismo e a rendere più dura una piccola grande storia di provincia, che sotto l’aspetto country e sempliciotto, nasconde un’ispirazione epica nel vero senso del termine, e non in quello che si sente ormai impropriamente usare per ogni blockbuster sfornato da Hollywood.

Candidato a ben 6 premi Oscar, Nebraska è adesso nelle sale italiane, distribuito da Lucky Red. 

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Just Beyond: Mckenna Grace e Lexi Underwood nella serie Disney+ tratta da R.L. Stine 13 Aprile 2021 - 20:45

La serie antologica è stata creata da Seth Grahame-Smith a partire dai fumetti dell'autore di Piccoli brividi

The Falcon and The Winter Soldier: Chi è la speciale Guest Star che vedremo nel prossimo episodio? 13 Aprile 2021 - 20:05

Una Guest Star d'eccezione è attesa nel nuovo episodio di The Falcon and the Winter Soldier: di chi potrebbe trattarsi?

I giorni dell’abbandono: Natalie Portman nel film dal romanzo di Elena Ferrante 13 Aprile 2021 - 19:30

Il film sarà diretto da Maggie Betts per HBO Films. Tra i produttori anche Fandango

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.