L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

X-Men: Giorni di un futuro passato – Kinberg spiega perché Wolverine viaggia nel tempo al posto di Kitty Pride

Di Marlen Vazzoler

x-men-days-of-future-past-kitty-iceman

Perché in X-Men: Giorni di un futuro passato vedremo Wolverine viaggiare nel tempo e non Kitty Pryde, come invece avviene nell’omonimo fumetto? Lo sceneggiatore Simon Kimberg ha spiegato che il motivo dietro a questa scelta è molto semplice: Logan era l’unico personaggio che poteva assecondare le regole del viaggio nel tempo senza creare una situazione assurda, visto che il personaggio di Kitty non poteva esistere negli anni settanta.

“Abbiamo preso questa decisione per diversi motivi, alcuni dei quali sono evidenti mentre altri hanno più sfumature, sul perché Wolverine va indietro nel tempo. Un motivo è che lui è il protagonista della franchise, e probabilmente il personaggio più amato dal pubblico di massa.
Probabilmente il motivo principale è che quando abbiamo iniziato a pensare alla realtà logistica della coscienza di Kitty che viene inviata indietro nel tempo, alla sua versione più giovane, invece di mandare indietro il suo corpo fisico… era impossibile. Ovviamente nel fumetto è Kitty… ma stiamo parlando di un’attrice (Ellen Page), che, nel periodo di Michael Fassbender e James McAvoy, avrebbe avuto 20 anni in negativo. Così abbiamo iniziato a pensare di nuovo, e la prima risposta di riflesso a tutto questo è stata un personaggio che non invecchia. Wolverine è l’unico personaggio che avrebbe lo stesso aspetto nel 1973 e nel futuro”.

Effettivamente il ragionamento di Kimberg non fa una piega, il modo migliore per attirare il pubblico nelle sale è usare come protagonista il mutante più conosciuto di tutta la franchise, da parte del pubblico di massa, anche se questo significa realizzare un altro film con Logan come protagonista, e non Kitty.
Il cast comprende nomi come James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Ian McKellen, Halle Berry ed Ellen Page. Scritto da Simon Kinberg, X-Men: Days of Future Past si svolge nell’arco narrativo di Giorni di un futuro passato del 1981, ambientato in un futuro alternativo distopico in cui gli USA sono dominati dalla Sentinelle e i mutanti vivono in campi di concentramento, un’adulta Kitty Pryde torna indietro nel tempo e impedisce un assassinio causato dalla Fratellanza che scatenerà una catastrofica isteria anti-mutanti. La trama alterna scene nel futuro e nel presente.
L’uscita del film è prevista in Italia per il 22 maggio.

Fonte geek tyrant


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Julia Butters da C’era una volta a Hollywood al biopic di Spielberg 16 Giugno 2021 - 10:30

L'attrice, attualmente impegnata sul set di The Gray Man dei fratelli Russo, sarà la sorella del protagonista, ispirato a Steven Spielberg

Morbius farà parte del MCU? Secondo Tyrese Gibson sì, ma la Sony smentisce 16 Giugno 2021 - 10:09

Nelle ultime ore Morbius, il cinecomic con Jared Leto basato sull’omonimo vampiro della Marvel, è tornato alla ribalta.

Bullet Train – Sony fissa l’uscita americana per aprile 2022 16 Giugno 2021 - 9:45

Bullet Train, l'atteso action di David Leitch con Brad Pitt e altre star, uscirà l'8 aprile 2022 nelle sale americane, stesso giorno di Sonic 2 e The Northman.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.