L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Philomena – La recensione della dramedy con Judie Dench

Philomena – La recensione della dramedy con Judie Dench

Di Valentina Torlaschi

_D3S8512.NEF

[In occasione dell’uscita del film nelle sale italiane il 19 dicembre, ripubblichiamo la recensione scritta durante il Festival di Venezia]

Una storia strappalacrime di quelle semplici-semplici in cui i buoni devono essere davvero buoni, i cattivi davvero cattivi e il finale sfacciatamente felice o terribilmente triste. Naturalmente, per essere ancor più lacrimevole, la storia in questione deve essere tratta da episodi veri. Costretto a dimettersi dalla rigorosa BBC, il cinico giornalista Martin Sixsmith (Steve Coogan) si ritrova a lavorare per una sorta di tabloid e scrivere un articolo di “vita vissuta” su un’anziana signora irlandese (la grande Judi Dench) che vuole ritrovare il figlio dato in adozione 50 prima, quando, ragazza-madre, era stata mandata in un convento di perfide suore. Quelle della razza di Magdalene, per intenderci. 

Un materiale narrativo del genere, così intrinsecamente melodrammatico e indigesto per quanto zuccheroso, potrà mai dar vita a un film dignitoso? La risposta è sì. Philomena – la pellicola diretta da Stephen Frears e tratta da questa storia vera – è un ottimo esempio di come un soggetto altamente (e pericolosamente) commovente venga raccontato con stile e soprattutto con un british humor irresistibile. Le battute sulla Ryanair compagnia aerea sanguisuga che riesce a farti pagare anche l’aria che respiri, o sui romanzetti rosa stile Harmony dai titoli improbabili tipo “Scarpetta e ferro di cavallo” o sui gay che suonano l’arpa perché, va be’, sono gay, sono – almeno in versione originale, non sappiamo nel doppiaggio – da manuale.

Philomena è un film scritto benissimo, un film che si basa sulle fondamenta sicure di una sceneggiatura costruita con precisione chirurgica nel soppesare una sana commozione e un sarcasmo tagliente. Un’opera che colpisce dritto al cuore ma che puntuale stempera il dramma con battute ciniche e dialoghi briosi. Gran parte della forza ironica deriva dal rapporto forzato tra i due protagonisti: l’adorabile vecchietta irlandese sempliciotta e fiduciosa in Dio e nella vita, nonostante le angherie subite, e al suo fianco lo sprezzante giornalista inglese che non crede più in nulla, figuriamoci nel Padre eterno… Come insegnano le fortunate commedie di cui Quasi amici è solo uno degli ultimi esempi, la migliore ironia scaturisce proprio dall’incontro degli opposti, dal cultural crash, dal mettersi faccia a faccia col diverso, e questo non perché i protagonisti siano persone “aperte” e curiose ma perché il corso degli eventi li ha costretti in tale situazione. In  Philomena la coppia forzata di opposti funziona alla perfezione anche perché i poli antitetici sono rappresentati da Judi Dench e Steve Coogan. Entrambi sorprendenti; per lei la nomination all’Oscar è data per scontata.

Certo Philomena non è film rivoluzionario, non è un capolavoro. È un’opera semplice, una dramedy classica, che scorre via briosa tra lacrime e risate e che piacerà al grande pubblico. Un film che però regala una lezione importante: anche la storia più popolare, melensa e che si nutre di facili sentimenti, può essere plasmata in grande cinema. Grazie Stephen Frears per avercelo ricordato. I lunghi applausi alla fine della proiezione stampa al Festival di Venezia erano stati anche per questo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Venezia: a Walter Hill il premio Cartier Glory to the Filmmaker 12 Agosto 2022 - 14:00

Il regista, che presenterà fuori concorso il suo western Dead for a Dollar, riceverà il premio alla carriera sponsorizzato da Cartier

The Punisher: Rob Zombie e Walter Hill avrebbero potuto dirigere il sequel con Thomas Jane 12 Agosto 2022 - 13:15

La star del Punisher del 2004 ha rivelato che i due registi sono stati presi in considerazione, e Hill voleva scrivere e dirigere

The Batman: il sequel non ha ancora ricevuto il via libera 12 Agosto 2022 - 12:30

Il sequel di The Batman è ancora in fase di sviluppo e non ha ancora ricevuto il via libera.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.

MCU, perché è molto importante aver annunciato due nuovi film degli Avengers 25 Luglio 2022 - 10:06

Quello che mancava nell'MCU: una nuova pianificazione, per i prossimi tre anni, con due film degli Avengers in chiusura.