Philomena – La recensione della dramedy con Judie Dench

Philomena – La recensione della dramedy con Judie Dench

Di Valentina Torlaschi

_D3S8512.NEF

[In occasione dell’uscita del film nelle sale italiane il 19 dicembre, ripubblichiamo la recensione scritta durante il Festival di Venezia]

Una storia strappalacrime di quelle semplici-semplici in cui i buoni devono essere davvero buoni, i cattivi davvero cattivi e il finale sfacciatamente felice o terribilmente triste. Naturalmente, per essere ancor più lacrimevole, la storia in questione deve essere tratta da episodi veri. Costretto a dimettersi dalla rigorosa BBC, il cinico giornalista Martin Sixsmith (Steve Coogan) si ritrova a lavorare per una sorta di tabloid e scrivere un articolo di “vita vissuta” su un’anziana signora irlandese (la grande Judi Dench) che vuole ritrovare il figlio dato in adozione 50 prima, quando, ragazza-madre, era stata mandata in un convento di perfide suore. Quelle della razza di Magdalene, per intenderci. 

Un materiale narrativo del genere, così intrinsecamente melodrammatico e indigesto per quanto zuccheroso, potrà mai dar vita a un film dignitoso? La risposta è sì. Philomena – la pellicola diretta da Stephen Frears e tratta da questa storia vera – è un ottimo esempio di come un soggetto altamente (e pericolosamente) commovente venga raccontato con stile e soprattutto con un british humor irresistibile. Le battute sulla Ryanair compagnia aerea sanguisuga che riesce a farti pagare anche l’aria che respiri, o sui romanzetti rosa stile Harmony dai titoli improbabili tipo “Scarpetta e ferro di cavallo” o sui gay che suonano l’arpa perché, va be’, sono gay, sono – almeno in versione originale, non sappiamo nel doppiaggio – da manuale.

Philomena è un film scritto benissimo, un film che si basa sulle fondamenta sicure di una sceneggiatura costruita con precisione chirurgica nel soppesare una sana commozione e un sarcasmo tagliente. Un’opera che colpisce dritto al cuore ma che puntuale stempera il dramma con battute ciniche e dialoghi briosi. Gran parte della forza ironica deriva dal rapporto forzato tra i due protagonisti: l’adorabile vecchietta irlandese sempliciotta e fiduciosa in Dio e nella vita, nonostante le angherie subite, e al suo fianco lo sprezzante giornalista inglese che non crede più in nulla, figuriamoci nel Padre eterno… Come insegnano le fortunate commedie di cui Quasi amici è solo uno degli ultimi esempi, la migliore ironia scaturisce proprio dall’incontro degli opposti, dal cultural crash, dal mettersi faccia a faccia col diverso, e questo non perché i protagonisti siano persone “aperte” e curiose ma perché il corso degli eventi li ha costretti in tale situazione. In  Philomena la coppia forzata di opposti funziona alla perfezione anche perché i poli antitetici sono rappresentati da Judi Dench e Steve Coogan. Entrambi sorprendenti; per lei la nomination all’Oscar è data per scontata.

Certo Philomena non è film rivoluzionario, non è un capolavoro. È un’opera semplice, una dramedy classica, che scorre via briosa tra lacrime e risate e che piacerà al grande pubblico. Un film che però regala una lezione importante: anche la storia più popolare, melensa e che si nutre di facili sentimenti, può essere plasmata in grande cinema. Grazie Stephen Frears per avercelo ricordato. I lunghi applausi alla fine della proiezione stampa al Festival di Venezia erano stati anche per questo.

LEGGI ANCHE

Mobile Suit Gundam Seed Freedom diventa il film di maggior successo del franchise 4 Marzo 2024 - 23:37

Dopo 38 giorni nelle sale Mobile Suit Gundam Seed Freedom supera Encounters in Space anche con le presenze

In arrivo un horror ispirato alla disastrosa Wonka Experience 4 Marzo 2024 - 18:59

La disastrosa Willy’s Chocolate Experience di Glasgow, in Scozia, ha ispirato un nuovo film horror.

Godzilla Minus One supera i ¥6 miliardi in Giappone 4 Marzo 2024 - 18:31

Oltre a Godzilla Minus One, solo altri tre film live action sono riusciti a infrangere la soglia dei ¥6 miliardi negli ultimi dieci anni

Oscar 2024: i pronostici quest’anno sono veramente tosti 4 Marzo 2024 - 18:30

Tra ipotesi, attese, supposizioni e complottismi, la serata dell’Academy potrebbe regalare più di qualche sorpresa quest’anno.

Dune – Parte Due, cosa e chi dovete ricordare prima di vederlo 27 Febbraio 2024 - 11:57

Un bel ripassino dei protagonisti e delle loro storie, se è passato un po' di tempo da quando avete visto Dune.

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI