Warning: getimagesize(https://n7m3z4b2.stackpathcdn.com/wp-content/uploads/2013/12/108tocchi_opt.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Il capodanno giapponese, attesa ed abitudini

Il capodanno giapponese, attesa ed abitudini

Di Redazione SW

108tocchi_opt

Il Capodanno è probabilmente la festività più importante e sentita in Giappone, tradizione vuole che il 31 dicembre (Omisoka) la famiglia si riunisca banchettando ed aspetti insieme lo scoccare della mezzanotte. Molte famiglie durante il cenone si sintonizzano sul canale nazionale NHK per l’abituale Kohaku uta gassen, una gara canora fra due squadre di cantanti quella rossa e quella bianca, da una sessantina di anni a questa parte quasi un abitudine, una specie di Sanremo per intenderci che come l’evento ligure sta però perdendo popolarità fra i più giovani. Alla fine di questo programma, quasi tutte le emittenti si sintonizzano in diretta con i più importanti templi buddisti del paese da dove si sentono i 108 rintocchi di campana che simbolizzano i desideri mondani da allontanare per purificarsi e cominciare così l’anno nuovo. Dopo il rintocco delle campane e lo scoccare della mezzanotte quindi, è abitudine molto diffusa anche mangiare un piatto di soba, sorta di noodles, che vista la loro lunghezza simbolizzano la speranza per una vita lunga e sana.

kohaku

Il primo gennaio e solitamente fino alla fine della prima settimana dell’anno le principali compagnie sono chiuse e quindi si trascorre questo periodo a casa con la propria famiglia, di solito mangiando dei cibi preparati durante i giorni precedenti denominati Osechi-ryori. Una serie di pietanze servite in una specie di lunch box laccato, ognuno dei quali riveste e simbolizza un significato particolare, di solito un augurio per l’anno appena cominciato. Il primo giorno dell’anno è anche quello in cui ci si reca al santuario scintoista per fare la prima preghiera dell’anno (hatsumode) in televisione invece il due ed il tre gennaio domina l’Hakone ekiden, una corsa podistica a squadre nata nel 1920 che porta gli alteti da Tokyo alla cittadina di Hakone, in cui competono le varie università giapponesi e che viene molto sentita anche perchè rappresenta quel valore di lottare/gareggiare tutti insieme per ottenere una causa comune che ben rappresenta certo spirito nipponico.

hakone ekiden

I primi giorni di gennaio, visto che sono un periodo di vacanze e di riposo dal lavoro, rappresentano anche un’ottima occasione per andare al cinema, il primo film dell’anno ha un valore speciale in Giappone come del resto tutte le azioni che vengono fatte per la prima volta nei primi giorni dell’nuovo anno.
Yoi otoshi wo omukae kudasai! (buon anno – detto prima della fine dell’anno)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Box Office Giappone: One Piece Film Red è ufficialmente il film di maggior successo del franchise 19 Agosto 2022 - 0:07

Dopo 13 giorni One Piece Film Red ha superato ¥8 miliardi al Box Office Giapponese, ha venduto 5,7 milioni di biglietti, superando così i 5.67 milioni di One Piece Film Z (2012).

Finalmente l’alba: anche Joe Keery di Stranger Things nel film di Costanzo 18 Agosto 2022 - 21:30

Keery affiancherà Willem Dafoe e Lily James nel film di Saverio Costanzo, le cui riprese si svolgeranno in Italia

American Gigolo: nuovo trailer per la serie con Jon Bernthal 18 Agosto 2022 - 20:45

La serie, ispirata al film di Paul Schrader con Richard Gere, debutterà in USA il 9 settembre, e ora ne possiamo vedere il secondo trailer

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?