Warning: getimagesize(https://n7m3z4b2.stackpathcdn.com/wp-content/uploads/2013/12/John-Malkovich-60-anni.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Essere John Malkovich e compiere 60 anni

Essere John Malkovich e compiere 60 anni

Di Valentina Torlaschi

John-Malkovich-60 anni

Come solo i grandi sanno essere, John Malkovich è una figura dotata di un carismatico mistero. Assolutamente schivo e con quel suo inconfondibile sguardo trasversale, è uno di quegli artisti che sembra racchiudere una verità nascosta che lo porta, ogni volta, a catturare l’essenza dei personaggi sul grande schermo. Nato il 9 dicembre di 60 anni fa, l’attore (nonché regista) vanta ormai più di 60 film all’attivo, due nomination all’Oscar (per Le stagioni del cuore di Robert Benton nel 1984 e per Nel centro del mirino di Wolfgang Petersen nel 1993) e la collaborazione con i più importanti autori della scena contemporanea da Stephen Frears a Bertolucci, da Manoel De Oliveira a Spike Jonze, da Clint Eastwood ai fratelli Coen.

Prima del cinema, la grande passione di John Malkovich è stato il teatro. Negli anni ’70 fonda e diventa il principale animatore di una delle compagnie drammaturgiche più importanti della scena americana: la Steppenwolf Theater. Nel 1978 partecipa ma viene tagliato in Un matrimonio di Robert Altman, e così il suo debutto effettivo sul grande schermo è nel 1984 con Urla del silenzio di Roland Joffé e poi, sempre nello stesso anno, Le stagioni del cuore diretto da Robert Benton. Dove la magistrale performance nei panni di un cieco sorprende tutti e gli fa guadagnare la nomination all’Oscar come Miglior Attore non protagonista.

Da lì parte una carriera quasi trentennale di performance memorabili (da Le relazioni pericolose a Il tè nel deserto, da Uomini e topi a Nel centro del mirino, da Al di là delle nuvole a I misteri del convento; e questo solo per citare alcuni titoli) che lo consacrano a icona di Hollywood. Un’icona così impressa nell’immaginario collettivo che il geniale regista Spike Jonze dedica alla sua persona-personaggio un intrigante riflessione metacinematografica: Essere John Malkovich, film in cui lo stesso Malkovich interpreta (e gioca) con se stesso.

Non solo attore, nel 2002 ha anche debuttato dietro la macchina da presa con Hideous Man e col corto Danza di sangue mentre è attivo anche come produttore di film come Noi siamo infinito, Young Adult e Juno.

Oltre ai grandi autori e ai grandi ruoli da cattivo, negli ultimi anni Malkovich si è poi divertito a partecipare a blockbuster fracassosi come Transformers 3 o molto (auto)ironici come Red e Red 2 o fantasy dal sapore horror come Warm Bodies. Neanche un anno fa, invece, veniva diretto dal nostro Gabriele Salvatores per dar vita al vecchio e saggio zio Kuzya della comunità dei criminali onesti di Educazione siberiana. Ed era proprio lui a pronunciare una delle frasi più belle del film con cui concludiamo il nostro post: «un uomo non può possedere più di quello che il suo cuore può amare».

Ancora auguri, John Malkovich.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Your Honor: la serie con Bryan Cranston si chiuderà con la stagione 2 6 Luglio 2022 - 13:00

La serie, remake dell'israeliana Kvodo, non tornerà con una terza stagione. Lo ha rivelato lo stesso Bryan Cranston

I Metallica ringraziano Stranger Things 4: “Un onore incredibile” 6 Luglio 2022 - 12:23

Nel secondo volume della stagione 4 di Stranger Things i Metallica occupano un ruolo fondamentale...

Michael Shannon debutterà alla regia con il film Eric Larue 6 Luglio 2022 - 12:15

Il film, tratto dall'omonima pièce teatrale di Brett Neveu, sarà incentrato sulle conseguenze di una sparatoria scolastica

Bastard!! L’oscuro dio distruttore: il dark fantasy – heavy metal scostumato 5 Luglio 2022 - 11:02

Dark Schneider è sbarcato su Netflix, con i suoi due punti esclamativi, le battaglie e la follia vintage del dark fantasy heavy metal.

Stranger Things 4: che mi hai portato a fare sulla collina di Kate Bush se non mi vuoi più bene? 2 Luglio 2022 - 15:42

Alcune considerazioni dopo aver visto per quasi quattro ore due episodi di una serie TV: il finale della quarta stagione di Stranger Things.

Come The Umbrella Academy mi ha venduto un’altra apocalisse 2 Luglio 2022 - 9:53

Cosa funziona, cosa no, e cosa mi spinge a restare a bordo del treno di Umbrella Academy, dopo la terza stagione.