L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

World War Z – Marc Forster spiega la scelta del finale

Di Leotruman

world-war-z-wall itunes
World War Zlo zombie-movie ispirato all’omonimo romanzo di Max Brooks e con protagonista Brad Pittè stato una grossa sorpresa dell’estate 2013. Il kolossal targato Paramount ha fatto registrare incassi eccellenti in tutto il mondo con oltre mezzo miliardo di dollari raccolti ed è già in fase di sviluppo un sequel.

Il regista Marc Forster a quanto pare (ma non ancora ufficialmente) non tornerà per il sequel come vi avevamo svelato. È però tornato a parlare della pellicola, e in particolare dei sostanziosi cambiamenti effettuati in fase di produzione rispetto al progetto originale. Intervenuto al Camerimge Festival Of Cinematograph in Polonia, ha innanzitutto dichiarato di molto felice dell’ottimo risultato del film, soprattutto visto il cattivo hype che lo circondava alla vigilia.

Ha poi parlato del terzo atto, quello che è stato radicalmente modificato con i reshoot qualche mese prima dell’uscita:

Fondamentalmente , in origine c’era un terzo atto che pensavo non avrebbe funzionato. Mentre giravamo ne stavamo discutendo e riscrivevamo.. riscrivevamo…”

Infatti le nuove settimane di riprese hanno cambiato profondamente la parte finale:

“Il motivo per cui sentivo che non avrebbe funzionato è che dalla battaglia in Israele si provava una certa stanchezza. Dopo Israele e l’incidente aereo cercavamo di rendere il tutto ancora più grande ma non funzionava a nostro favore. Il problema con molte di questi grandi film è di iniziare la produzione con lo script non ancora finito, e abbiamo avuto lo stesso problema con Quantum [Of Solace]. Il’ terzo atto non era pienamente concretizzato, ma dovevamo correre per rispettare la data di uscita.”

Il budget è sensibilmente salito per il costo delle riprese delle sequenze aggiuntive e il nuovo montaggio del film, ma allo stesso tempo Forster dichira:

Sono stato molto contento che non abbiamo finito il terzo atto con troppi effetti visivi e tutto il resto, perché sarebbero stati un numero enorme, e abbiamo usato quei soldi per girare un finale molto più semplice . “

QUI trovate la descrizione dell’atto finale originale del film, che si sarebbe dovuto svolgere in Russia.

World War Z è uscito nelle sale italiane il 27 giugno 2013. Qui potete trovare la pagina Facebook del film. Il film è disponibile in Blu-Ray e DVD dallo scorso 16 ottobre.

Fonte: Empire


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Walking Dead: svelati i titoli dei primi otto episodi della stagione 11 25 Giugno 2021 - 15:15

Il 22 agosto su AMC negli Stati Uniti debutterà l’undicesima (e ultima) stagione di The Walking Dead.

Bob Odenkirk da avvocato a “nessuno”, storia di un successo 25 Giugno 2021 - 14:30

Bob Odenkirk si è lanciato nel cinema d'azione con Io sono nessuno, ma la sua carriera ha radici ben diverse: ripercorriamola insieme!

Danny Glover, Samuel L. Jackson, Elaine May e Liv Ullmann premiati con l’Oscar alla Carriera 25 Giugno 2021 - 13:45

Danny Glover, Samuel L. Jackson, Elaine May e Liv Ullmann riceveranno l’Oscar alla Carriera durante la dodicesima edizione dei Governor Awards, prevista per il 15 gennaio 2022.

Shang-Chi e il ritorno di quella vecchia sagoma di Abominio 25 Giugno 2021 - 12:13

Ancora tu? Ma non dovevamo non menarci più? La storia di Abominio, alla Marvel e nell'MCU.

Ewoks, (maledetti) Ewoks ovunque 22 Giugno 2021 - 9:56

La storia degli Ewoks di Star Wars, quei maledetti orsacchiotti tanto amati da George Lucas, che sono sbarcati in massa - con film e serie animata - su Disney+.

800 eroi e il successo delle Termopili cinesi 18 Giugno 2021 - 10:00

800 eroi, il film di guerra che racconta una fase particolarmente sanguinosa - e surreale - della battaglia di Shanghai. La morte per una speranza, in mezzo agli stranieri che fanno da pubblico.