L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2013 – The Way Way Back, la recensione del film con Steve Carell e Sam Rockwell #Torino2013SW

Di Filippo Magnifico

The Way Way Back

Nat Faxon e Jim Rash, che molti di voi conosceranno per essere stati gli interpreti di serie televisive come My name is Earl, Mad Man e La vita secondo Jim, hanno fatto il loro esordio dietro la macchina da presa con The Way Way Back (nelle nostre sale arriverà con il titolo C’era una volta un’estate), pellicola che è stata presentata all’interno della sezione Festa Mobile del Torino Film Festival 2013.

Un’opera prima indipendente in tutto e per tutto (è costata meno di 5milioni di dollari), animata da un cast che non si può certo definire dell’ultimo minuto, dato che comprende nomi come Steve Carell, Toni Collette (presente anche nel cast di Non dico altro, sempre presentato qui a Torino) e Sam Rockwell.

Protagonista di questa storia Duncan (Liam James), un quattordicenne particolarmente introverso e con una situazione familiare non troppo felice. I suoi genitori hanno divorziato e la madre (Toni Collette) si è trovata un nuovo compagno (Steve Carell) che di certo non lo aiuta a combattere la sua timidezza. Ciononostante questa famiglia tutt’altro che unita si reca a Cape Cold per trascorrere le vacanze. Lì il giovane Duncan conosce Owen (Sam Rockwell), manager di un parco acquatico con cui stringerà una profonda amicizia.

Ancora una pellicola che parla della maturazione di un adolescente, ma che ha il pregio di non cedere agli eccessi tipici delle “teen comedy”: l’evoluzione interiore del giovane protagonista, infatti, non è rappresentata tramite una netta contrapposizione. Non c’è nessun passaggio da zero (o per meglio dire tre, come sottolinea il personaggio di Steve Carell) a mito, ma una crescita graduale, che riguarda un semplice ma fondamentale tassello: quello della consapevolezza personale. Una cosa non da poco, che contribuisce ad allontanare The Way Way Back dalla miriade di altri titoli simili che affollano il grande schermo.

Il cast risulta particolarmente azzeccato, primo fra tutti il camaleontico Sam Rockwell, un attore che sul serio riesce a dare il meglio di sé in ogni ruolo. È proprio lui a regalarci i momenti più divertenti di questa storia, a tal punto che la sua presenza si può benissimo definire fondamentale. Bravo anche Steve Carell, perfettamente a suo agio in un ruolo distante da quelli che gli vengono affidati di solito.

Quella diretta da Nat Faxon e Jim Rash è una pellicola leggera e godibilissima, non priva di difetti, è vero, ma in grado di lasciare un senso di serenità che permane anche dopo qualche minuto che la si è vista.

Per tutti gli articoli e le recensioni della 31° edizione del Torino Film Festival potete consultare questo link o seguire i nostri social network (FacebookTwitter e Instagram) cercando l’hashtag #Torino2013SW.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Willow: iniziate le riprese della serie targata Disney+ 19 Giugno 2021 - 15:00

Le riprese di Willow, la serie Disney+ che farà da sequel al classico di Ron Howard, sono iniziate in quel di Bridgend, nel Galles.

Candyman – Nuovo poster, Nia DaCosta parla del Juneteenth in un nuovo video 19 Giugno 2021 - 14:00

La regista Nia DaCosta parla del Juneteenth e della funzione dell'horror in un nuovo video di Candyman, che include varie scene inedite. È inoltre disponibile il nuovo poster.

Papà, non mettermi in imbarazzo: Netflix cancella la sit-com di Jamie Foxx 19 Giugno 2021 - 13:00

La serie, co-creata da Foxx e Jim Patterson, non tornerà per una seconda stagione sulla piattaforma streaming

800 eroi e il successo delle Termopili cinesi 18 Giugno 2021 - 10:00

800 eroi, il film di guerra che racconta una fase particolarmente sanguinosa - e surreale - della battaglia di Shanghai. La morte per una speranza, in mezzo agli stranieri che fanno da pubblico.

Loki: ma quindi chi è la Variante e perché è così importante? 17 Giugno 2021 - 17:01

Chi è realmente il personaggio che appare nel secondo episodio di Loki? (Spoiler alert, ovvio)

Luca, la recensione (senza spoiler) del nuovo film Pixar 16 Giugno 2021 - 18:00

Luca e la vacanza di Pixar in Italia: un'estate al mare, in compagnia di amici, nemici e di una grande speranza per tutti.