L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2013, La danza de la realidad – La recensione del nuovo film di Alejandro Jodorwsky

Di emanuele.r

120-danza-de-la-realidad-bd

Ritornare a fare cinema dopo 23 anni, per la precisione dal ’90 di Il ladro dell’arcobaleno: Alejandro Jodorowsky ha fatto trascorrere tutto questo tempo prima di dare alla luce La danza de la realidad, autobiografia fuori concorso (After Hours) a Torino dopo essere stato presentato a Cannes. Ed è un ritorno con i fiocchi, sorprendente per molti versi.
Il film racconta l’infanzia del regista, figlio di un ebreo e comunista denigrato da tutti, che decide di andare ad assassinare il generale che tiene il Cile sotto una dittatura militare; l’impresa si mescola con la crescita difficile del bambino, tra ossessioni virili una madre canterina. Scritto e prodotto dallo stesso Jodorowsky che ha coinvolto gran parte della sua famiglia, La danza de la realidad è un racconto in prima persona che si tinge dei toni dell’Odissea, dell’epica politica, del caleidoscopio di invenzioni e generi, dall’opera al circo, dal musical socialista al balletto, da Fellini a Garcìa Marquez.

la-danza-de-la-realidad-8-752x432

Ovviamente il racconto della propria famiglia e dell’infanzia, ampiamente e superbamente romanzato, è solo il punto di partenza di un film che nella storia di due emarginati, doppiamente tanto per credo politico che per origine visto il regime in cui vivono, trova la chiave per raccontare l’odissea di un popolo che ha sempre lottato per conquistare la propria libertà, riflettendo nel frattempo sugli esseri umani come principale ostacolo alla realizzazione di ogni utopia.
Girato in un digitale spesso usato in modo straordinario, il film di Jodorowsky guarda ai temi tipici della sua arte, come l’occultismo e la spiritualità, la rivoluzione e la deformazione surreale, per iniettarvi dosi di humour e per fare irradiare ai suoi personaggi un calore e un pathos che altrove non conoscevamo. Segno di una vecchiaia che, senza dimenticare l’acume e il graffio, sa immaginare e raccontare con un senso epico del cinema e dell’arte che ancora oggi lascia stupefatti.

Realidad-thumb-630xauto-38686

Per tutti gli articoli e le recensioni della 31° edizione del Torino Film Festival potete consultare questo link o seguire i nostri social network (FacebookTwitter e Instagram) cercando l’hashtag #Torino2013SW.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Nine Perfect Strangers: nuovo teaser trailer per la serie Hulu con Nicole Kidman 13 Giugno 2021 - 11:00

Arriverà su Hulu il 18 agosto, e da noi su Amazon Prime Video, la nuova serie realizzata dal team di Big Little Lies

The Book of Boba Fett svelerà cosa è successo al personaggio dopo L’impero colpisce ancora 13 Giugno 2021 - 10:00

La seconda stagione di The Mandalorian si è conclusa da un po’ di tempo, ormai, e ora si pensa a The Book of Boba Fett. Ecco i primi dettagli sulla serie.

Box Office Italia: The Conjuring – Per ordine del Diavolo di nuovo in testa di sabato 13 Giugno 2021 - 9:33

The Conjuring – Per ordine del Diavolo, il terzo capitolo della saga horror creata da James Wan, si dimostra il favorito del pubblico nel secondo sabato dalla sua uscita.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.