L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Torino 2013, Frances Ha – La recensione in anteprima del film con Greta Gerwig

Di emanuele.r

FrancesHaDance

Attesissimo dai fan del cinema indipendente americano e della sua musa Greta Gerwig, Frances Ha – opera numero 7 del regista americano Noah Baumbach – arriva al Festival di Torino nella sezione fuori concorso Festa Mobile circondato da un’aura mitologica, vuoi per le grandi recensioni dagli USA e dal mondo, vuoi per il posizionamento nella top 10 di tarantino. Fanatismi a parte, Frances Ha è un gioiello.
La protagonista che dà il titolo al film è una ragazza precaria nelle ambizioni, nelle abitazioni, nei sentimenti. Non nell’amicizia con l’amica Sophie, che però un giorno va a vivere con il fidanzato costringendo Frances a un pellegrinaggio tra amicizie e nuove case, forse nuovi amori. Scritto da Baumbach con Gerwig, Frances Ha è una commedia in bianco e nero che ravviva con leggerezza e originalità il cinema di Woody Allen – come Manhattan al femminile e senza cinismo -, i tocchi Nouvelle Vague di François Truffaut e le modalità del cinema indipendente americano.

08

Frances Ha è un film doppiamente raro: perché da una parte racconta il pellegrinaggio urbano di una ragazza che non ha una casa propria, non si può permettere uno degli esosissimi affitti – anche in zone non di tendenza – di New York ed è costrette a ripiegare su esperienza di convivenza e coinquilinato difficili; dall’altra, mette in scena una storia di dipendenza femminile, un’amicizia dipinta quasi come una more finito, un legame di cui non si può fare a meno e che è talmente forte da voler superare anche le costanti delusioni. Su questo doppio e originale binario, Baumbach e Gerwig riflettono sull’adeguatezza delle persone nel mondo, sulla consapevolezza mediata dagli occhi altrui, dai rapporti con gli altri e lo fa con un film lieve e pensoso, illuminato nonostante il bianco e nero quasi monocromo, che nelle movenze della sua protagonista, ballerina goffa, trova una perfetta sintesi.
Baumbach amplia il bagaglio stilistico del suo cinema già molto interessante (recuperare per credere Il calamaro e la balena e Lo stravagante mondo di Greenberg) e realizza un’opera completa, matura e ricca, in cui il lavoro sui tempi, i modi e i corpi degli attori – da sempre al centro del suo lavoro – si sviluppa assieme allo sguardo più composto e composito, alla cura per la messinscena, all’uso inventivo di musiche (tra cui David Bowie, Rolling Stones, Harry Nilsson e varie musica classica e da camera) e del montaggio di Jennifer Lame. E’ chiara però che alla base tutto c’è il magnifico e sbilenco carisma di Gerwig, pietra angolare di un film e di un genere. A ben vedere, forse, di un intero mondo.

Mickey Sumner and Greta Gerwig in Franes Ha

Per tutti gli articoli e le recensioni della 31° edizione del Torino Film Festival potete consultare questo link o seguire nostri social network (Facebook, Twitter e Instagram) cercando l’hashtag #Torino2013SW.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Ci sarà un revival di Nash Bridges, sarà un film e questo sarà il cast… 7 Maggio 2021 - 21:15

Ecco gli attori che affiancheranno Don Johnson e Cheech Marin nel film che potrebbe anche lanciare una nuova serie

Belle: Un dietro le quinte di cinque minuti del film di Mamoru Hosoda 7 Maggio 2021 - 21:08

Primo appuntamento con una serie di dietro le quinte dedicati al film Belle di Mamoru Hosoda. Annunciati quattro doppiatori tra cui Shōta Sometani. A fine mese si concluderanno le audizioni a livello mondiale per una piccola parte vocale nel film

Il regista di Tyler Rake dirigerà Idris Elba in Stay Frosty 7 Maggio 2021 - 20:30

Sarà un film nella vena degli action natalizi anni '80 come Arma letale e Die Hard

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.