L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Roma 2013, The Mole Song – La recensione in anteprima del film di Miike Takashi

Di emanuele.r

the-mole-song-toma-ikuta-in-una-delle-locandine-del-film-290316

E’ probabilmente il più prolifico regista del mondo, Miike Takashi, basta vedere la partecipazione ai festival: l’anno scorso a Roma, in primavera a Cannes e ora di ritorno a Roma in concorso con The Mole Song, travolgente parodia degli yakuza movie che lui ha reso oggetto di culto in tutto il mondo.
Protagonista è Reiji, poliziotto inetto ma volenterosissimo che proprio in quanto tale diventa perfetto per una missione sotto copertura: catturare il boss di un clan, colpevole di traffico di droga, durante una guerra mafiosa in corso. Determinazione e la voglia di non morire vergine lo terranno in vita e lo porteranno a inaspettati risultati. Tratto da un manga di Noburo Takahashi e scritto da Kankuro Kudo, The Mole Song è un film comico demenziale nel corpo di un film di gangster, la versione nipponica del cinema dei fratelli Zucker oppure un noir sceneggiato da Seth MacFarlane, oltre che l’implosione definitivo della maniera con cui il cinema di Miike è conosciuto nel mondo.

the-mole-song-koichi-iwaki-in-una-scena-del-film-di-takashi-miike-290318

Ace Ventura dell’anti-droga, Reiji è la classica figura di forza dell’ordine che crea disordine intorno a sé ma che sa poi risolvere tutto (Clouseau o il tenente Drebin come modelli) e che Miike usa per decostruire e dissezionare i generi e gli stilemi che da sempre lo hanno reso famoso, la violenza, l’eros estremo, i rapporti virili e quelli tra i sessi spesso venati di perversione diventano nel film un caleidoscopio di riletture demenziali che sottolinea per la sua costruzione e ritmo la differenza tra gioco e parodia, tra smontare e distruggere, tra il trash movie che Rodriguez vorrebbe riportare di moda e un film come The Mole Song con le sue idee precise, seppure folli.
Lo spettatore si ritrova così in un vortice invenzioni grafiche, narrative, visive praticamente senza sosta con personaggi geniali (il killer tatuato da leopardo), battute folgoranti (“Non sottovalutare la capacità di gestione crisi di un vergine”) e sequenze esilaranti come la canzone della talpa o il sesso con immagini anti-sessuali per prevenire l’eiaculazione precoce. Due ore e dieci sono molte per un passo simile, e infatti la distanza si fa sentire, ma i colpi di genio non mancano e se si ha voglia di un film che nei cliché trova un’assoluta libertà creativa, quello di Miike è il film giusto.

Mogura-no-Uta

Per tutti gli articoli e le recensioni dell’VIII edizione del Festival Internazionale del Film di Roma consultate la nostra Sezione Speciale o andate sui nostri social network (FacebookTwitter e Instagram) cercando l’hashtag #Roma2013SW

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Ci sarà un revival di Nash Bridges, sarà un film e questo sarà il cast… 7 Maggio 2021 - 21:15

Ecco gli attori che affiancheranno Don Johnson e Cheech Marin nel film che potrebbe anche lanciare una nuova serie

Belle: Un dietro le quinte di cinque minuti del film di Mamoru Hosoda 7 Maggio 2021 - 21:08

Primo appuntamento con una serie di dietro le quinte dedicati al film Belle di Mamoru Hosoda. Annunciati quattro doppiatori tra cui Shōta Sometani. A fine mese si concluderanno le audizioni a livello mondiale per una piccola parte vocale nel film

Il regista di Tyler Rake dirigerà Idris Elba in Stay Frosty 7 Maggio 2021 - 20:30

Sarà un film nella vena degli action natalizi anni '80 come Arma letale e Die Hard

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.