L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Roma 2013, It’s Hard to Be a God – La recensione dell’ultimo film di Aleksei German

Di emanuele.r

547705_original

Il festival del film di Roma ha premiato quest’anno una carriera purtroppo chiusa lo scorso 21 febbraio, all’età di 74 anni: Aleksey German, un maestro del cinema russo e non solo è stato ricordato dal festival con un premio postumo consegnato alla vedova – anche sceneggiatrice e produttrice di German – e al figlio a sua volta cineasta e con la proiezione della sua ultima straordinaria opera, It’s Hard to Be a God.
Tratto da uno dei classici della fantascienza russa, il film racconta della missione di un gruppo di scienziati terrestri inviati su Arkanar, pianeta simile alla Terra ora nella fase medievale. Il compito degli scienziati, in particolare di Rumata proclamatosi nobile, è di fermare le barbarie e aiutare i locali a evolversi. Ma sarà un compito ingrato. Scritto da German con Svetlana Karmalita, il film è un’allucinante viaggio nei meandri più oscuri dell’umanità, come un’apocalisse di Tarkovski girata da Ciprì e Maresco, che diventa anche una reinvenzione di certi cardini del cinema e del suo linguaggio.

istoriya-arkanarskoy-rezni-aleksei-german-ultimo-film-01

Allegorico fin dalle prime immagini, It’s Hard to Be a God è una riflessione a tratti agghiacciante sulla decomposizione dell’uomo e della sua civiltà, sulle pulsioni che spingono l’essere umano alla repressione, al controllo, alla sopraffazione tramutate in atti politici, raccontando il fallimento dei regimi e in fin dei conti di ogni forma di divinità. Ma oltre al suo clamoroso impatto filosofico e concettuale, il film di German sconvolge per i suoi risvolti filmici: il regista infatti sembra voler catapultare lo spettatore in un mondo uguale e lontanissimo dal suo, fatto di sangue, fango, escrementi e corpi in putrefazione, attraverso un cinema che sia lontanissimo eppure uguale al cinema convenzionale, riscrivendo alcuni concetti chiave come la messa in quadro, il set, lo spazio scenico, il montaggio, la macchina a mano e i movimenti, la recitazione.
Poche volte come in questo film, l’equazione regista = dio trova terreno fertile: German crea un mondo autonomo e parallelo e fa galleggiare lo spettatore al suo interno, come se non potesse dirigerlo, ma dovesse guardarlo, scavandone ogni centimetro dell’immagine, costringendo lo spettatore a una soggettiva di 3 ore, chiamandolo in causa di continuo. Il passo è monumentale e l’impresa che si richiede allo spettatore è notevole, ma chi ama il cinema più estremo e rivoluzionario troverà in It’s Hard to Be a God un’esperienza rinfrancante, la dimensione parallela di quell’arte che chiamiamo cinema.

547365_original

Per tutti gli articoli e le recensioni dell’VIII edizione del Festival Internazionale del Film di Roma consultate la nostra Sezione Speciale o andate sui nostri social network (FacebookTwitter e Instagram) cercando l’hashtag #Roma2013SW

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Falcon and the Winter Soldier – La recensione del quinto episodio 16 Aprile 2021 - 16:29

Il penultimo episodio di The Falcon and the Winter Soldier tira il fiato in vista del gran finale, ma intanto affronta tematiche fondamentali e piazza una gradita sorpresa.

Non mi uccidere tra grandi sfide e rimandi a Twin Peaks: la nostra intervista al cast 16 Aprile 2021 - 16:00

Il nostro Filippo Magnifico ha incontrato Alice Pagani, Rocco Fasano e il regista Andrea De Sica regista e ha parlato con loro di Non mi uccidere.

House of Gucci: un matrimonio e un omicidio nelle nuove foto dal set 16 Aprile 2021 - 15:30

Negli ultimi giorni sono state diffuse nel web nuove foto dal set di House Of Gucci con Lady Gaga e Adam Driver, tra matrimoni e omicidi.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.