L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

David Cronenberg spara a zero su Stanley Kubrick: “Non ha mai veramente capito il genere horror!”

Di Filippo Magnifico

EMBARGO-12th-FEB-2012-007

Se hai sul tuo curriculum grandi pellicole come La Mosca, Il Pasto Nudo, Crash e M. Butterfly puoi permetterti di rilasciare dichiarazioni che nessuno (o qualsi) si permetterebbe di fare? A quanto pare sì.

Durante una recente intervista per il The Toronto Star David Cronenberg ha proprio fatto questo, commentando il lavoro di un regista considerato tra i più grandi della storia del cinema, Stanley Kubrick, e sollevando un polverone nel web:

“Penso di essere un regista più intimo e personale di quanto lo sia stato Kubrick. Per questo non considero Shining un grande film. Non penso che abbia mai veramente capito il genere horror. Non penso che sia mai stato consapevole di quello che stava facendo. Nel libro ci sono delle immagini veramente suggestive e lui le ha riprodotte, ma non penso che le abbia veramente sentite.”

E fin qui niente di nuovo: critiche simili sono già state mosse a Kubrick in passato, si può essere d’accordo o meno. Il problema è che David Cronenberg non si è fermato e ha rincarato la dose, arrivando a definire il suo defunto collega un regista populista:

“In un modo strano, nonostante venga da più parti elogiato come un artista di altissimo livello, io sono convinto che la sua mente fosse guidata in gran parte dall’aspetto commerciale, e che fosse sempre alla ricerca di qualcosa che fosse in grado di ottenere finanziamenti. Penso che sia stato molto ossessionato da questo, a differenza di me. O di altri come Bergman e Fellini.”

A questo punto si potrebbe discutere per ore su cosa abbia spinto il regista a dire certe cose e su quanta verità ci sia in queste dichiarazioni. Anzi, perché non ci fate sapere cosa ne pensate?

Personalmente – tanto per sdrammatizzare – questo discorso mi ha fatto tornare in mente un momento ben preciso di Boris: David Cronenberg come Stanis La Rochelle? A quanto pare sì…

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

I Simpson: Hank Azaria si scusa per il suo doppiaggio di Apu 14 Aprile 2021 - 16:45

Il doppiatore di Apu si è scusato ancora una volta e ha sottolineato come Apu sia "praticamente un'offesa a questo punto"

Hunger Ward: il corto candidato all’Oscar dal 15 aprile su IWONDERFULL 14 Aprile 2021 - 16:00

Il corto di Skye Fitzgerald racconta la battaglia di due donne per alleviare la fame che affligge lo Yemen devastato dalla guerra

Il film Arlington Road potrebbe diventare una serie TV 14 Aprile 2021 - 15:15

Sarà lo stesso regista Mark Pellington a sviluppare la serie ispirata al film con Jeff Bridges, Tim Robbins e Joan Cusack

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.