L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Bond – La fine del feudo tra la MGM e Kevin McClory apre le porte per il ritorno di SPECTRE e Blofeld

Di Marlen Vazzoler

blofeld

Dopo cinquant’anni di battaglie legali, la MGM e il produttore/distributore Danjaq sono entrati in possesso di tutti i diritti di James Bond, anche quelli appartenenti a Kevin McClory e alla sua estate. La notizia è stata data annunciata, dopo aver raggiunto un accordo con l’estate di Kevin McClory. La disputa risale al 1959, quando McClory incontrò Ian Fleming. McClory aveva proposto allo scrittore la realizzazione di un film di Bond ambientato alle Bahamas, nacque così l’idea per il film di Thunderball, sceneggiato da Fleming e Jack Whittingman. Quando nel 1961 uscì il romanzo Thunderball scritto da Fleming, sprovvisto di alcun riconoscimento nei confronti di McClory. Quest’ultimo citò lo scrittore inglese, rivendicando la co-paternità e la creazione di alcuni personaggi ed elementi iconici del mondo di Bond e aver dato ai personaggi una caratterizzazione più amabile. Fleming decise di mandare in produzione Dr. No al posto di Thunderball, che arrivò nelle sale nel 1962. Nel 1963 le due parti arrivarono ad un accordo, in cui McClory ottenne il parziale copyright per la storia di Thunderball. Questa soluzione spianò la strada per il film di Thunderball nel 1965, ma da qui la situazione cominciò a complicarsi a causa di una serie di battaglie in tribunale tra i produttori di Bond, McClory e la MGM. Secondo gli avvocati di McClory:

“L’interpretazione sui diritti di proprietà intellettuale concessi nell’accordo tra McClory / Fleming ha provocato delle azioni legali su Bond per decenni. La più famosa è stata una significativa sentenza del tribunale di Londra, nel 1983 che ha dichiarato che McClory aveva il permesso di produrre dei film di James Bond”.

Servendosi dei suoi diritti su Thunderball, McClory riportò sullo schermo Connery nei panni di Bond, per la realizzazione di Mai dire mai con la Warner Bros mentre i produttori di Bond uscivano al cinema con Octopussy con Roger Moore nei panni del protagonista, ma nel 1997 la situazione si fece ancora più calda, quando la Sony comprò i diritti di McClory per 2 milioni di dollari, per creare una propria franchise di Bond. Ma una veloce battaglia legale tra la MGM e la Sony portò quest’ultima a rinunciare ai suoi piani ma, nonostante una serie di battute d’arresto a livello legale, McClory continuò a combattere e anche dopo la sua morte nel 2006, la battaglia venne portata avanti dalla sua estate. Ecco il comunicato stampa:

Los Angeles, CA (15 novembre 2013) – Danjaq, LLC, il produttore dei film di James Bond, e Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), il distributore di lunga data dei film di James Bond, insieme con l’estate e la famiglia del defunto Kevin McClory, hanno annunciato oggi che Danjaq e MGM hanno acquisito tutto il patrimonio di famiglia e di diritti e degli interessi relativi a James Bond, portando così ad una conclusione amichevole le controversie legali e commerciali che sono sorte periodicamente per oltre 50 anni.

Ma a conti fatti, cosa porterà questo accordo? L’utilizzo ad esempio di Ernst Stavro Blofeld e dell’organizzazione SPECTRE nei prossimi film di di Craig. Non sappiamo se lo studio abbia intenzione di trasformare Quantum nella SPECTRE in Bond 24, e come questa decisione potrà impattare la sceneggiatura di Mendes, ma non possiamo fare a meno di rallegrarci per il raggiungimento di questo accordo.

Fonti THR, Deadline, Bleeding Cool

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Wonder Woman 1984 nelle sale italiane il 28 gennaio 2021 24 Novembre 2020 - 22:48

Wonder Woman 1984 arriverà nelle sale italiane il 28 gennaio 2021, ecco le date di uscita della pellicola nei territori internazionali

GRAMMYs 2021 – No Time to Die di Billie Eilish ottiene una nomination 24 Novembre 2020 - 21:32

Le nomination della 63ma edizione dei Grammy riservono poche sorprese, tra i candidati anche il brano di 'No time to die' di Billie Eilish

Shameless: il trailer della stagione finale, in USA dal 6 dicembre 24 Novembre 2020 - 20:45

La famiglia Gallagher tornerà per un ultimo giro, tra gentrificazione, invecchiamento e Covid

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?