Roma Fiction Fest 2013, Atom Egoyan tra cinema e tv

Roma Fiction Fest 2013, Atom Egoyan tra cinema e tv

Di emanuele.r

Atom-Egoyan

Si è aperto nel nome di John Greyson l’incontro che il regista Atom Egoyan ha tenuto con la stampa al Roma Fiction Fest: prima della Masterclass che si svolgerà all’Università di Viterbo, il regista armeno-canadese ha voluto incitare la stampa e il mondo del cinema a proseguire a mobilitarsi affinché Greyson, regista e attivista arrestato in agosto al Cairo, venga rilasciato. “Ci siamo mobilitati anche durante il festival di Toronto, ma la situazione politica egiziana rende tutto più grave”. Egoyan, dopo l’appello ai giornalisti per diffondere la notizia, ha parlato del suo rapporto tra cinema e tv.
“Ho cominciato negli anni ’80, dirigendo episodi di serie come Alfred Hitchcock presenta, Ai confini della realtà e Venerdì 13, ma all’epoca la tv era davvero povera creativamente, solo un mezzo per poter campare e mettere i soldi da parte per fare i miei film, e così molti altri miei colleghi. Poi è arrivato Twin Peaks, ed è cambiato tutto. Anche se poi prima che l’intero settore cambiasse ce ne è voluto di tempo: quando nel ’92 HBO comprò i diritti del mio film Il perito glieli ho lasciati, perché non m’interessavano, ma oggi correrei a lavorarci, per il modo in cui la tv è cambiata, il livello narrativo e qualitativo è enorme. Tanto che sono arrivato a un patto con mio figlio: lui, che leggeva poco, ha cominciato Delitto e castigo, io I Soprano: sono rimasto folgorato. Ora penso ai grandi show come Mad Men, Breaking Bad eccetera e sono senza parole. E ho capito la differenza tra chi scrive un film, che è come uno scrittore di racconti, e chi scrive una serie contemporanea, che è un romanziere: due miei colleghi, Neil Jordan e John Sayles, che hanno lavorato molto in tv, non a caso sono anche bravi romanzieri”.

90908_programs_photo_200_original

Come regista cinematografico, Egoyan ha da poco finito un film dal titolo Devil’s Knot, su terribile fatto di sangue in Arkansas (“una storia profondamente americana, chissà perché hanno scelto me per dirigerla”) tra thriller, melodramma, documentario e legal drama, e deve montare The Captive, storia di tre coppie con Rosario Dawson e Ryan Reynolds, due film che lo hanno portato a riflettere sul confine anche culturale tra cinema americano e canadese: “Come filmaker canadese devi sempre decidere in quale sistema vuoi lavorare, se vuoi soldi, pubblico e mezzi vai in USA, altrimenti fai come me e resti in Canada con una diversa sensibilità e capacità creativa, avvicinandoti a Hollywood  in modo più semplice e interessante. Il punto per me dolente è che negli States ogni questione è una questione di soldi, ogni idea non può essere realizzata, deve venire opzionata e monetizzata. Questo è alla base anche dell’americo-centrismo che impedisce agli americani di pensare che qualcosa di buono o popolare venga da fuori, o magari che se l’avessero fatto in USA sarebbe stato meglio: così nascono i mille remake”.
Ogni buona storia deve avere un che di circolare, e allora Egoyan è pronto a tornare a lavorare per la tv? “Ho un’idea, una miniserie tratta da Due settimane in un’altra città, ma ci lavorerei solo come regista, perché il passaggio con il cinema è più facile. Come sceneggiatore invece non credo di essere in grado, sono solo uno scrittore di racconti”.

colin-firth-as-ron-lax-in-devils-knot-movie

Commentate l’intervista e restate su Screenweek per tutti gli aggiornamenti dal Roma Fiction Fest 2013.

LEGGI ANCHE

Berlinale 2024: Due film italiani in concorso, la line-up 22 Gennaio 2024 - 20:08

Nella line-up della Berlinale ci sono le ultime opere di Olivier Assayas (Suspended Time), Bruno Dumont (L'Empire, co-prodotto anche dall'Italia), Mati Diop e Hong Sang-soo

Far East Film Festival 26: In anteprima The Goldfinger il thriller che segna la reunion di Tony Leung e Andy Lau 18 Gennaio 2024 - 19:03

Andy Lau e Tony Leung sono tornati a lavorare di nuovo insieme per la prima volta dopo due decenni dalla fine della trilogia di Infernal Affairs, nel thriller finanziario The Goldfinger

Berlinale 2024, Martin Scorsese riceverà l’Orso d’Oro alla Carriera 21 Dicembre 2023 - 14:00

Sarà Martin Scorsese a ricevere l'Orso d'Oro alla Carriera durante il Festival di Berlino 2024, in programma a febbraio.

Angoulême 2024: Lorenzo Mattotti in mostra con “L’Art de courir, Attraper la course” 18 Dicembre 2023 - 13:21

LEGGI ANCHE: Angoulême 2024: Annunciati i primi ospiti, le mostre e le novità della 51a edizione Lorenzo Mattotti, il regista e co-sceneggiatore de La famosa invasione degli orsi in Sicilia, è stato scelto dal Festival d’Angoulême per la partecipazione del Festival alle Olimpiadi della cultura di Parigi 2024, l’alleanza artistica e sportiva dei Giochi di […]

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

Deadpool & Wolverine, il trailer spiegato a mia nonna 12 Febbraio 2024 - 9:44

Tutto quello che abbiamo scovato nel teaser di Deadpool & Wolverine.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI