L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Once Upon a Time in Wonderland, il commento allo spin-off di C’era una volta

Di emanuele.r

Attenzione, contiene spoiler.

SOPHIE LOWE

Il successo di C’era una volta ha fatto credere a Kitsis, Horowitz, Estrin ed Espenson di poter declinare la formula degli intrecci tra varie fiabe, dei piani ontologici tra realtà e mondi immaginari, in molti modi, prendendo magari uno dei più amati personaggi romanzeschi: Alice e il suo paese delle meraviglie. Ma Once Upon a Time in Wonderland dimostra che hanno sbagliato di grosso.
Alice torna a casa dal padre; tutti pensavano fosse morta. Per le sue storie sul Paese delle Meraviglie verrà rinchiusa in un manicomio, dove il Dr. Lydgate cercherà di curarla. Prima dell’operazione, viene salvata dal Fante di Cuori e dal Bianconiglio che le rivelano che Cyrus, il suo amato, è ancora vivo.

MICHAEL SOCHA

Scritto dai 4 creatori e diretto da Ralph Hemecker, Down the Rabbit Hole – il pilot dello spin-off – sembra direttamente collegarsi alla versione burtoniana (già deludente di suo) del romanzo di Carroll mischiando i colori luminosi e le tinte dark, ma sembrando più una cattiva produzione anni ’90 che la versione XXI secolo delle fiabe.
L’idea è piuttosto buona, ossia raccontare lo scontro tra la realtà e l’immaginazione, la follia di ciò che è vero e la sensatezza di ciò che creiamo con la mente, ed è interessante dipingere il Paese delle meraviglie come un mondo post-apocalittico dominato dalla Regina Rossa, con tutto ciò che ne consegue, odio per Alice incluso (vedere come reagisce il Gatto del Cheshire). Peccato che non funzioni nulla: la storia fa acqua e confusione con trame inesistenti e innesti deliranti (Jafar che fa il doppio gioco con la Regina?), il casting è davvero ridicolo e tra un’imbambolata Alice (Sophie Lowe), una tremenda Regina al silicone (Emma Rigby) e Iggy Pop sprecato nel Brucaliffo, si salva solo il fante di Michael Socha, per non parlare di una realizzazione tremenda, in cui la regia e il montaggio non hanno idea di come si racconti una storia, si crei un minimo di suspense, si diriga e realizzi ogni scena.

PETER GADIOT, SOPHIE LOWE

Come si fa nel 2013, in epoca di alta definizione e di televisori enormi che svelano ogni difetto minimo, a concepire e realizzare effetti speciali visivi e scenografie in digitale di quella bruttezza, come se la CGI fosse stata barattata per un programmino gratuito per fare le grafiche sui video fai da te? Come si può far passare una scena come quella finale, in cui ci si aspetta solo che un conduttore degli anni ’80 arrivi a parlare con l’eco? Misteri dell’ABC e del dilettantismo anche nella professionalissima America.

EMMA RIGBY

Commentate la recensione e restate su Screenweek ed Episode39.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Ginny & Georgia: la serie Netflix rinnovata per una seconda stagione 19 Aprile 2021 - 20:08

Ginny & Georgia tornerà su Netflix con una seconda stagione.

Videogame News: Horizon Zero Dawn Gratis, DLC Assassin’s Creed Valhalla Rinviato, Resident Evil 4 Remake 19 Aprile 2021 - 20:00

Ecco tutte le più interessanti notizie degli ultimi giorni relative al mondo dei videogiochi!

Zero, un supereroe per il 99% – La recensione della serie Netflix 19 Aprile 2021 - 19:45

Zero punta a normalizzare la percezione degli italiani afrodiscendenti presso un'opinione pubblica troppo gravata dai pregiudizi, ma le buone idee non sono espresse al meglio.

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.