Warning: getimagesize(https://n7m3z4b2.stackpathcdn.com/wp-content/uploads/2013/10/ouat-in-wonderland-1x01-alice-promo02_mid1.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 404 Not Found in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Once Upon a Time in Wonderland, il commento allo spin-off di C’era una volta

Once Upon a Time in Wonderland, il commento allo spin-off di C’era una volta

Di emanuele.r

Attenzione, contiene spoiler.

SOPHIE LOWE

Il successo di C’era una volta ha fatto credere a Kitsis, Horowitz, Estrin ed Espenson di poter declinare la formula degli intrecci tra varie fiabe, dei piani ontologici tra realtà e mondi immaginari, in molti modi, prendendo magari uno dei più amati personaggi romanzeschi: Alice e il suo paese delle meraviglie. Ma Once Upon a Time in Wonderland dimostra che hanno sbagliato di grosso.
Alice torna a casa dal padre; tutti pensavano fosse morta. Per le sue storie sul Paese delle Meraviglie verrà rinchiusa in un manicomio, dove il Dr. Lydgate cercherà di curarla. Prima dell’operazione, viene salvata dal Fante di Cuori e dal Bianconiglio che le rivelano che Cyrus, il suo amato, è ancora vivo.

MICHAEL SOCHA

Scritto dai 4 creatori e diretto da Ralph Hemecker, Down the Rabbit Hole – il pilot dello spin-off – sembra direttamente collegarsi alla versione burtoniana (già deludente di suo) del romanzo di Carroll mischiando i colori luminosi e le tinte dark, ma sembrando più una cattiva produzione anni ’90 che la versione XXI secolo delle fiabe.
L’idea è piuttosto buona, ossia raccontare lo scontro tra la realtà e l’immaginazione, la follia di ciò che è vero e la sensatezza di ciò che creiamo con la mente, ed è interessante dipingere il Paese delle meraviglie come un mondo post-apocalittico dominato dalla Regina Rossa, con tutto ciò che ne consegue, odio per Alice incluso (vedere come reagisce il Gatto del Cheshire). Peccato che non funzioni nulla: la storia fa acqua e confusione con trame inesistenti e innesti deliranti (Jafar che fa il doppio gioco con la Regina?), il casting è davvero ridicolo e tra un’imbambolata Alice (Sophie Lowe), una tremenda Regina al silicone (Emma Rigby) e Iggy Pop sprecato nel Brucaliffo, si salva solo il fante di Michael Socha, per non parlare di una realizzazione tremenda, in cui la regia e il montaggio non hanno idea di come si racconti una storia, si crei un minimo di suspense, si diriga e realizzi ogni scena.

PETER GADIOT, SOPHIE LOWE

Come si fa nel 2013, in epoca di alta definizione e di televisori enormi che svelano ogni difetto minimo, a concepire e realizzare effetti speciali visivi e scenografie in digitale di quella bruttezza, come se la CGI fosse stata barattata per un programmino gratuito per fare le grafiche sui video fai da te? Come si può far passare una scena come quella finale, in cui ci si aspetta solo che un conduttore degli anni ’80 arrivi a parlare con l’eco? Misteri dell’ABC e del dilettantismo anche nella professionalissima America.

EMMA RIGBY

Commentate la recensione e restate su Screenweek ed Episode39.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Three Thousand Years of Longing: nuovo, breve trailer per il film di George Miller 14 Agosto 2022 - 17:00

Il regista di Mad Max: Fury Road torna al cinema con una storia fantastica interpretata da Tilda Swinton e Idris Elba

District 10: Sharlto Copley promette le riprese tra un anno 14 Agosto 2022 - 15:00

Le riprese del sequel di District 9 potrebbero partire tra un anno, un anno e mezzo: lo rivela la star - e co-sceneggiatore - Sharlto Copley

Seoul Vibe: il trailer dell’action coreano, dal 26 agosto su Netflix 14 Agosto 2022 - 13:00

Un team di piloti, che sogna di concorrere alle Olimpiadi di Seoul, si ritrova coinvolto suo malgrado in affari loschi

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.

MCU, perché è molto importante aver annunciato due nuovi film degli Avengers 25 Luglio 2022 - 10:06

Quello che mancava nell'MCU: una nuova pianificazione, per i prossimi tre anni, con due film degli Avengers in chiusura.