L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Hostages, il commento alla serie con Toni Collette

Di emanuele.r

Pilot

CBS è la patria delle serie poliziesche classiche, procedurali, un episodio = un caso e poche complicazioni. Ma Hostages, la sua nuova serie thriller, punta invece al contrario, ossia raccontare una sola storia di suspense lungo una stagione. Un esperimento magari non riuscito, ma abbastanza interessante.
La trama vede Toni Collette nei panni di una dottoressa di grido che ha il compito di operare il presidente degli Stati Uniti, un’operazione di routine, ma che cela un complotto ordito da Dylan McDermott nei panni di un agente corrotto che gli rapisce la famiglia per costringerla a uccidere il leader degli USA. Cosa si cela sotto?

Pilot

Creato da Chaim Sharir, Rotem Shamir e Omri Givon per la tv israeliana senza però essere prodotto, sviluppato Alon Aranya e Jeffrey Nachmanoff che ne hanno scritto il pilot diretto dallo stesso Nachmanoff, Hostages è un thriller cospirativo che odora di 24 nei temi e che cerca di mescolare l’azione e la suspense con il drama familiare.
Costruito secondo le moderne tecniche narrative tv, con partenze in mezzo all’azione e flashback vari, doppi e tripli giochi svelati solo nell’ultima inquadratura, Hostages è una serie che si basa sui segreti dei personaggi attorno ai quali costruisce segreti sempre più grandi: i tradimenti del marito di Ellen, l’insoddisfazione e la rabbia della stessa dottoressa, il fidanzato della figlia che potrebbe nascondere qualcosa. E soprattutto Duncan, agente dell’FBI con un problematico rapporto con la figlia che nasconde qualcosa a chiunque, costringendo così lo spettatore a seguire una serie di giravolte e salti mortali di sceneggiature per rilanciare di continuo l’intreccio, cambiando strada anche 2 o 3 volte nello stesso episodio.

Pilot

Troppo, sicuramente, ma Hostages ha – almeno in partenza – alcune carte da giocare, come la suspense, la buona produzione e il talento di Collette: restano i dubbi su come una trama del genere possa reggere una stagione se non di più, anche se i primi dati di ascolto (1.5/4 al 2° episodio), non lasciano molte speranze in merito. E allora possiamo goderci una serie imperfetta, senza troppi dubbi o remore.

Pilot

Commentate la recensione e restate su Screeween ed Episode39.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il trailer di Willy’s Wonderland: Nicolas Cage contro gli animatronics indemoniati! 15 Gennaio 2021 - 21:00

Arriverà il 12 febbraio in USA, sia al cinema che on demand, l'horror diretto da Kevin Lewis

Providence: su Peacock una nuova serie dagli autori di You 15 Gennaio 2021 - 20:15

Tratta da un romanzo di Caroline Kepnes, la serie sarà sviluppata da Sera Gamble per la piattaforma di NBCUniversal

Heart of Stone: Netflix compra l’action con Gal Gadot 15 Gennaio 2021 - 19:30

Il film mira a lanciare un nuovo franchise di spionaggio ed è scritto dallo sceneggiatore di The Old Guard

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.