L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Gravity – David Heyman spiega quali tecniche del film devono essere considerate rivoluzionarie

Di Marlen Vazzoler

david-heyman

Questo fine settimana il film di Alfonso Cuarón, Gravity, ha conquistato il botteghino italiano e americano. Ma la realizzazione delle spettacolari scene di cui è costellato il film, in particolare quelle a gravità zero e la sequenza iniziale, un piano sequenza di 13 minuti, sono state le scene più difficili da eseguire, ha confessato il produttore David Heyman.

“Penso che ci siano un paio di cose [che possono essere considerate una rivoluzione per il cinema]. Una è il modo in cui Alfonso ha voluto girare il film, con questi lunghi piani sequenza. Con tre piani sequenza ha coperto 30 minuti del film, il primo è lungo circa 13 minuti. Questo significa che abbiamo dovuto costruire una tecnologia specifica per il film, e quindi quando guardo all’assenza di gravità, o alla micro-gravità nel film, sono letteralmente da colpito da tutto questo. Inoltre la coreografia di Alfonso, è così bella…
Una delle sequenze più importanti del film è una che guardo e penso ‘Uao, non riesco a credere che siamo riusciti a fare questo’, ed è quando Ryan arriva alla camera di compensazione. È stata fuori, ha incontrato tutte queste avversità, arriva alla camera di compensazione, si toglie la sua tuta spaziale e si mette in posizione fetale. Quella è stata una cosa davvero impegnativa da realizzare. Sembra così naturale, e non ti rendi conto, questa è un’altra cosa che amo, del film. E’ un film incredibilmente tecnico, gli attori hanno dovuto letteralmente lasciare il loro segno, e non lo diresti, devi guardare qui a un secondo e 2, qui, a un secondo e 7, e puoi qui a un secondo e tredici. Doveva essere così preciso…
Ma in tutto questo, nessuna di quelle tecniche o tecnologie sono evidenti. Hai la sensazione di essere lì e se con lei in questo viaggio emozionale”.

Per quanto riguarda la durata del film, Heyman spiega che fin dall’inizio avevano detto alla Warner che la loro intenzione era di fare una pellicola da 90 minuti.

“Quando abbiamo parlato per la prima volta con la Warner Brothers, e gli abbiamo proposto il budget, 90 minuti è stato quanto noi, quanto Alfonso ha detto. …Tutto il film è stato fatto in pre-visualizzazione, durante le riprese si è espanso un po’, ma poi lo abbiamo, Alfonso lo ha ridimensionato. Tutto è stato fatto per servire la storia”.

Il figlio di Cuaron, Jonás, co-sceneggiatore della pellicola ha prestato particolare attenzione che il filmaker non espandesse la storia del film durante la lavorazione. Mantenendola snella e a fuoco.

Gravity racconta delle avventure spaziali di un ingegnere medico, Ryan Stone (Bullock), e di un astronauta veterano, Matt Kowalsky (Clooney) che durante una camminata di routine tra i cieli rimangono vittime di un incidente. Il loro shuttle viene distrutto e i due rimangono completamente soli, nell’oscurità della galassia, persi nel buoi dell’universo e della propria anima.

QUI trovate il nostro commento e qui trovate la pagina facebook italiana.

Fonte Collider


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Sonic 2 – Una prima occhiata a Knuckles grazie a una foto dal set 21 Aprile 2021 - 8:45

Le foto dal set di Sonic 2 ci permettono di dare una prima occhiata a Knuckles, molto fedele al videogioco. Inoltre, il Dottor Robotnik prende il volo in un video!

Il produttore Scott Rudin lascia tutti i suoi progetti dopo le accuse di abusi ai dipendenti 20 Aprile 2021 - 21:30

Il mega-produttore, premio Oscar per Non è un paese per vecchi, ha fatto un passo indietro dopo una serie di pesanti accuse

Ted Lasso: la seconda stagione dal 23 luglio su Apple TV+, ecco il trailer! 20 Aprile 2021 - 20:53

Apple TV+ ha diffuso il trailer della seconda stagione di Ted Lasso, la serie sportiva interpretata e creata da Jason Sudeikis.

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.