L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

#Venezia70, The Unknown Known – Dalla Mostra, la recensione del documentario su Rumsfeld

Di emanuele.r

the-unknown-known

Il potere non è solo questione di azioni, forse è soprattutto questione di parole: prova a mostrarlo Errol Morris, uno dei più grandi autori di documentari viventi, con The Unknown Known, il suo nuovo film presentato in concorso (ed è un caso raro) alla 70^ Mostra del Cinema di Venezia, il cui protagonista è Donald Rumsfeld.
Ex-segretario della Difesa sotto l’amministrazione Ford e Bush jr., Rumsfeld è al centro di una lunga e capillare intervista che ripercorre tutta la sua carriera politica, dall’elezione a deputato fino ai momenti decisivi della sua carriera puntando soprattutto sugli ultimi 6 anni di carriera (2001-06) quando dovette gestire l’attacco alle Torri Gemelle e la successiva guerra al terrore.

unknown-knowns-by-ami-clarke

Morris parte dai milioni di memo che Rumsfeld ha scritto da quando lavora a vario titolo alla Casa Bianca e realizza un documentario serratissimo che informa come una biografia, analizza come un saggio e non dimentica mai la funzione creativa del cinema.
Il regista, come spesso, resta fuori campo a fare domande, inquadra solo l’intervistato e arricchisce l’intervista con immagini e materiale di repertorio e archivio, con i memo che lo stesso segretario legge (ne scrisse 20 mila solo negli ultimi 6 mesi al Pentagono) e si confronta direttamente con il principale stratega della politica bellica americana degli ultimi 40 anni. Abituato a trovarsi di fronte personaggi ambigui e discutibili, dalla Sottile linea blu a Mister Morte, il regista ritrae il segretario proprio attraverso la sua ambiguità, fa emergere l’ambizione e il sottile carisma machiavellico del personaggio (nei sorrisi, nelle risate, nelle lacrime e nei primi piani prolungati) e oltre a incalzarlo quando manipola la verità lo inchioda attraverso le immagini che giocano a rimpiattino con le parole.

the_unknown_known_foto_02-620x350

E le parole, scritte, dette, analizzate (in una sequenza memorabile, Rumsfeld legge i memo in cui chiede i significati espliciti di alcuni termini come terrorismo, non convenzionale eccetera) diventano la spina dorsale di un film che sa scoprire con ironia il lato spettacolare del potere e quello nebbioso della verità (non a caso, Morris vinse un Oscar per un The Fog of War), giocando in modo evoluto con la lingua del cinema: la musica di Danny Elfman, l’uso delle immagini originali, il montaggio interagiscono con le parole come un maestro di cinema sa e può fare. Alla faccia di chi pensa al documentario come qualcosa di diverso.

Anche quest’anno ScreenWEEK è al Lido per seguire la 70. Mostra del Cinema di Venezia. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti dal Festival.

Cinema chiusi, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Hugh Keays-Byrne morto a 73 anni 2 Dicembre 2020 - 21:12

Hugh Keays-Byrne, noto per aver interpretato due iconici villain del franchise di Mad Max, è morto a 73 anni

Helen Hunt protagonista della serie Blindspotting 2 Dicembre 2020 - 21:00

La serie comedy sarà ispirata all'omonimo film di Rafael Casal e Daveed Diggs

The Gentlemen: la video recensione del film di Guy Ritchie 2 Dicembre 2020 - 20:25

The Gentlemen, il nuovo film scritto e diretto da Guy Ritchie è da poco sbarcato su Amazon Prime Video. Merita una visione? Trovate la risposta nella nostra video recensione.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.