L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

#Venezia70, Ana Arabia – Dalla Mostra, la recensione del film in piano-sequenza di Amos Gitai

Di emanuele.r

Ana_arabia

Il regista Amos Gitai ha spesso abituato gli spettatori, soprattutto nei festival, a sfide di tipo tecnico. Il suo nuovo film Ana Arabia, in concorso alla 70^ Mostra del cinema, è un unico piano sequenza di 84 minuti in cui gli attori, come su un palco teatrale, raccontano storie di confini.
La protagonista è una giornalista che va a trovare una famiglia allargata discendente di una sopravvissuta all’olocausto convertita all’Islam. Qui incontra una famiglia di reietti, che hanno subito il vivere tra due culture ma che attraverso i loro racconti testimoniano di non volersene privare.

ana-arabia-amos-gitai

Scritto dallo stesso Gitai con Marie-Josée Sanselme, Ana Arabia è un dramma a tinte leggere orale più che teatrale, nel senso che basa i suoi temi e il suo scorrere sul racconto, sia in chiave di testimonianza, ma anche in chiave di espressione culturale antica.
Non a caso il veicolo per comunicare con lo spettatore è il giornalismo, versione moderna del racconto orale, che si confronta con la realtà di storie che abitano la quotidianità israeliana (molti personaggi interpretano se stessi o quasi) e ritraggono un luogo in cui i confini anziché separare riuniscono, come mostra l’ultima inquadratura, con le baracche dei personaggi in mezzo ai palazzi e al centro cittadino; Gitai però è anche consapevole che questa realtà è marginale e residuale nella propria terra e infatti, con ironia, riflette sul rapporto tra culture come eccezione.

447238237_640

E’ un’eccezione però che diviene esemplare per lo spettatore avvolto dal movimento della macchina e dalle parole degli attori (favoloso il capo-famiglia Yussuf Abu-Warda), guidato dalla bellezza incredibile di Yuval Scharf: così Ana Arabia diventa un viaggio attraverso varie culture, vari generi e vari modi di vivere la marginalità, di elaborarla e comunicarla, nella spranza che i ue popoli coinvolti, così come le loro lingue, non si separino mai davvero.

Anche quest’anno ScreenWEEK è al Lido per seguire la 70. Mostra del Cinema di Venezia. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti dal Festival.

Cinema chiusi fino al 15 gennaio, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cinderella: Olivia Colman, Helena Bonham Carter, Anya Taylor-Joy nella pantomima prodotta da Richard Curtis 3 Dicembre 2020 - 21:56

Olivia Colman, Helena Bonham Carter e Anya Taylor-Joy protagoniste nella pantomima di Cinderella prodotta da Richard Curtis per BBC

Cynthia Erivo nel biopic di Sarah Forbes Bonetta, principessa “regalata” alla Regina Vittoria 3 Dicembre 2020 - 21:30

Un'incredibile storia vera, dimenticata dai libri di storia; Benedict Cumberbatch sarà il produttore esecutivo

House of The Dragon: un drago ritratto nei primi concept del prequel di Game of Thrones 3 Dicembre 2020 - 21:09

Prime immagini per House of the Dragon, la serie prequel di Game of Thrones che racconterà la storia della Casa Targaryen.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.