L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Under the Dome – Brian K. Vaughan risponde alle critiche e promette una seconda stagione completamente rinnovata

Di Marlen Vazzoler

under-the-dome-black

Il finale della prima stagione di Under the Dome ha sorpreso tutti, nessuno si sarebbe aspettato lo ‘sviluppo narrativo’ mostrato nell’ultimo episodio, che è stato subissato di critiche sia dalla critica che dal pubblico. Parlando con THR il produttore esecutivo Brian K. Vaughan ha ammesso che la sua preoccupazione ha sempre riguardato:

“’Un membro del pubblico, in particolare, è contento?’ – sto parlando di Stephen King. Ed è stato entusiasta. Siamo così emozionati di averlo a bordo, soprattutto per l’inizio della prossima stagione. Lo show sta per prendere nuove direzioni molto inaspettate, nella prossima stagione, ma io sono molto orgoglioso di quello che abbiamo fatto finora”.

Lo stesso Vaughan ammette che la realizzazione di Under the Dome è stata molto diversa dalla realizzazione di un procedurale:

“Abbiamo dovuto capire che cos’era questo show. Con il tempo siamo arrivati ​​alla fine della stagione e finalmente abbiamo capito, ora è il momento di fare uno show completamente diverso. Se abbiamo imparato una lezione è quella che King ci ha detto in principio: mantenete giù il martello. Dovete sempre andare avanti. Non siamo uno show di flashback o che colma le lacune. È sempre un ‘Continuiamo a cacciare per il nuovo e spingiamo noi stessi nell’andare avanti”.

Per quanto riguarda invece le reazioni negative comparse in rete, in particolare su Twitter dopo la fine della trasmissione del finale, Vaughan ha difeso così lo show ed ha promesso che nella prossima stagione verrà reinventato.

“Noi [abbiamo un piano]. Se ho imparato qualcosa da Lost è che dobbiamo lasciarlo così ai fan, lasciarglielo digerire, lasciarli discutere e lamentarsi. So di essere evasivo perché preferisco non rivelare niente. Abbiamo grandi progetti per la prossima stagione che sarà diversa e più eccitante, ma non vogliamo rivelare ancora niente”.

La prima stagione è basata sulla cornice del romanzo, che dura un paio di settimane. Nella seconda stagione invece verrà esplorato il sogno di King, ovvero:

“Come cambieranno le cose quando si va al di là di questo [periodo di tempo?], quando si parla a persone che non sono intrappolate insieme per giorni o settimane ma potenzialmente per anni e anni? In questa stagione la sfida era di stabilire il tono della città, e abbiamo molto a che fare con la città che deve fare i conti col fatto di essere davvero intrappolata e sulla possibilità che possano uscire. La prossima stagione è eccitante per noi perché è una stagione in cui tutti sanno che non usciranno e che sono chiaramente in trappola – e questa è la nuova normalità. Riusciremo a visitare alcuni posti che il libro mai avuto modo di visitare”.

under-the-dome-season-finale

Vaughan ammette che nella prossima stagione ci sarà un piccolo salto temporale, inoltre ci saranno delle risposte al cliffhanger con cui è finito l’episodio. Alcune saranno addirittura immediate, e molto probabilmente avranno a che fare col destino di Barbie, che abbiamo lasciato con un cappio al collo. Molte risposte verranno fornite quando la cupola riuscirà a contattare gli abitanti e a parlare con loro.

“La cupola è lì solo per metterci l’uno contro l’altro e per sfidare i nostri personaggi. Ci auguriamo di mantenere un dramma umano realistico. Abbiamo sempre descritto la cupola come un bambino da un altro mondo e sta ancora imparando a parlare con noi”.

Nel finale di stagione, la comparsa di Alice (Samantha Mathis) ha fornito la risposta a una delle domande più cruciali della serie: perché Chester’s Mill si trova sotto la cupola. Protezione. Questi esseri ultraterreni, molto probabilmente degli alieni che hanno preso l’aspetto di Alice, non vogliono punire questa piccola comunità ma proteggerla, una scelta molto diversa rispetto al libro di King, dove la popolazione è invece una loro vittima. Naturalmente dovremmo aspettare la seconda stagione per scoprire da cosa Chester’s Mill dovrà essere protetta, per conoscere il motivo dietro la scelta della famiglia Rennie, quale sarà il costo della protezione della città e cosa accadrà al resto della Terra.
L’altra grande rivelazione riguarda l’identità della monarca, adesso sappiamo che si tratta di Julia.

“Sappiamo che Julia ha il potere di abbassare la cupola. Allo stesso modo, Big Jim potrebbe avere il potere di abbattere la cupola, ma vuole che rimanga, per ragioni molto diverse”.

Sicuramente l’uovo giocherà un ruolo importante in tutto questo e molto probabilmente potremmo aspettarci un confronto tra Julia e Jim.

Fonte THR

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La telefonata su… Il mondo di Yor di Antonio Margheriti 17 Aprile 2021 - 10:00

Filippo e Marco della nostra redazione proseguono il loro viaggio alla (ri)scoperta dei film brutti (o presunti tali). Oggi è il turno de Il mondo di Yor, pellicola del 1983 diretta da Antonio Margheriti con lo pseudonimo di Anthony M. Dawson.

Arriva Sky Cinema Oscar, un canale dedicato ai film premiati con l’ambita statuetta 17 Aprile 2021 - 9:00

Manca poco più di una settimana alla Notte degli Oscar. Per l’occasione, a partire da oggi sabato 17 aprile, arriva Sky Cinema Oscar.

The Lord of the Rings: la prima stagione costerà $465M 16 Aprile 2021 - 21:31

La prima stagione di The Lord of the Rings riceverà nuove agevolazioni dalla Nuova Zelanda, il costo delle riprese si aggirerà sui $465M.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.