L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Rush – La recensione del film di Ron Howard sulla Formula 1

Di Valentina Torlaschi

Rush-film-recensione-Ron-Howard-Formula-1

«Quando scendo in pista sono consapevole di avere il 20% della possibilità di morire». Così, con la sua disarmante razionalità e freddezza, Niki Lauda immortala l’ineluttabile “componente assassina” di uno sport come la Formula 1. E allora perché farlo? Perché «solo quando sei così vicino alla morte, ti puoi sentire realmente vivo» risponde con il suo compiaciuto romanticismo James Hunt.
Siamo nel 1976 e sui circuiti mortali del campionato mondiale di quell’anno sono proprio loro i protagonisti assoluti: l’austriaco Lauda, pilota della Ferrari, e l’inglese Hunt della scuderia McLaren. Due uomini agli antipodi, nello sport come nella vita. Due uomini incatenati da una rivalità accanita e da un’ossessione reciproca ma tra i quali s’innescherà una sottile amicizia, di quelle che si nutrono più di stima a distanza che non di una condivisione di idee o di vita vissuta. Questa la storia di Rush.

Dopo Frost/Nixon – Il duello, ancora una volta supportato da una testa di serie della sceneggiatura come Peter Morgan (penna candidata agli Oscar per The Queen), Ron Howard racconta di un’altra sfida dove i “combattenti” sono sempre personaggi veri e, curiosità, sempre proveniente dagli anni ’70. Rispetto però all’ottima pellicola sulla battaglia televisiva tra il Presidente Richard Nixon e il giornalista David Frost, sebbene avvincente ed emozionante, Rush risulta tuttavia più semplice e didascalico. E questo anche perché sono gli stessi duellanti protagonisti a essere assai meno sfaccettati, sfuggenti, ambigui. Rispetto alle “figure a tutto tondo” di Frost e Nixon, il Niki Lauda interpretato da un perfetto Daniel Brühl e il James Hunt impersonato da un convincente Chris “Thor” Hemsworth sono i classici “personaggi tipo”: caratterizzati da tratti molto netti e qualità specifiche, Niki è tanto razionale-brutto-calcolatore quanto James è passionale-bello-spericolato. Siamo di fronte a due figure antitetiche, due uomini granitici nei loro caratteri, che non cambiano quasi in nulla nel corso della storia sebbene tra loro scorra la sfida e si instauri il dialogo.

Ma questo non significa che i protagonisti di Rush non siano affascinati o coinvolgenti, anzi. Sono solo più immediati, popolari, più genuini. Più semplici. E riescono comunque, rimbalzandosi perfettamente a vicenda la palla del protagonista e dell’empatia con lo spettatore (notevoli, lo ribadiamo, le interpretazioni di Hemsworth e Brühl), a costruire un bellissimo ed emozionante “elogio del nemico”. Con retorica, sì, ma con una retorica che, a parte certi passaggi pomposi delle musiche di Hans Zimmer, è inevitabile e perfino giusta.

Con una regia classica (perfettamente al servizio della storia nel sottolineare l’adrenalina che corre sui circuiti percorsi così come la drammaticità nelle stanze d’ospedale o anche certa ironia nei dialoghi) e una fotografia vivida (le scene sotto la pioggia sono “dipinte” con grande intensità), Rush riesce a trascinare lo spettatore per due ore pur procedendo esattamente come ce lo si aspetta per strade visive battute, senza guizzi registici o sperimentali di nessun tipo. Ma del resto, un po’ anche questo è il fascino e il mistero della Formula 1: il circuito è noto, le curve sono quelle e i sorpassi spesso sono pochi, eppure gli occhi di chi guarda restano incollati allo schermo. Perché, come spiegava lo stesso Hunt nella frase riportata a inizio articolo, la Formula 1 ha a che fare con la morte, ma anche con la vita. E questo ha a che vedere col cinema e viene raccontato dal grande e semplice film di Ron Howard.

Rush uscirà nelle sale italiane il 19 settembre.Nel film troviamo anche Olivia Wilde nel ruolo della modella Suzy Miller nonché moglie di Hunt e il nostro Pierfrancesco Favino nei panni del pilota svizzero Clay Regazzoni.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La regina degli scacchi – Magnus Carlsen commenta la finale in un video 24 Gennaio 2021 - 21:00

Netflix ha pubblicato un video in cui il gran maestro norvegese Magnus Carlsen commenta la finale tra Beth e Borgov ne La regina degli scacchi.

Tilda Swinton in The Eternal Daughter della Hogg e Immunodeficiency di Christopher Doyle 24 Gennaio 2021 - 20:07

I prossimi progetti di Tilda Swinton sono The Eternal Daughter, già girato da Joanna Hogg e Immunodeficiency di Christopher Doyle

WandaVision – Paul Bettany dice che l’episodio 4 ci “sbalordirà” 24 Gennaio 2021 - 20:00

Rispondendo agli elogi di Chris Hewitt su Twitter, Paul Bettany assicura che il quarto episodio di WandaVision sarà sbalorditivo. Inoltre, un nuovo spot con le reazioni della critica.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.