L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Pacific Rim, successo in Cina e snobbato in Giappone: ecco i motivi!

Di Redazione SW

pacific_rim2_opt
Articolo a cura di Matteo Boscarol

Il Giappone è, come molti hanno fatto notare da più parti, la patria “spirituale” e creativa se così possimao dire, di Pacific Rim, le due grandi influenze che innervano l’ultimo lavoro di Guillermo del Toro sono infatti da una parte i kaijū, i mostri che mantengono la denominazione anche nell’originale, e dall’altra i robottoni, o meglio i mecha specialmente quelli creati da Hideaki Anno nel suo Neon Genesis Evangelion che tanto hanno rivoluzionato l’animazione seriale degli ultimi decenni. Perchè allora un siffatto film che ha inoltre come protagonista principale la giapponese Rinko Kikuchi e che è addirittura dedicato a Ishirō Honda, uno dei padri di Gojira/Godzilla, in questi due mesi dal suo debutto in terra nipponica non ha certo ottenuto al botteghino i risultati che molti si aspettavano?

Kikuchi_knifehead
Rinko Kikuchi con Knifehead kun, la mascotte che ha accompagnato la promozione di Pacific Rim in Giappone (foto tratta dall account twitter della stessa attrice)

Nel primo weekend, il 10 e 11 agosto solo un quinto posto al box office giapponese, dietro naturalmente all’imbattibile The Wind Rises, ma anche a Monsters University (al tempo alla sesta settimana di proiezione), World war Z e di poco sopra a The Lone Ranger, con un incasso al momento attuale di poco più di 14 milioni di dollari, non sono certo numeri da gridare allo sfacelo, ma neanche al successo. Le ragioni sono probabilmente multiple e sfacettate, in primis forse va considerato che se i giapponesi spesso culturalmente hanno saputo copiare elaborando idee originali altrui, trovando la creatività proprio in questo processo, il cibo ne è un esempio lampante, un percorso inverso, cioè un’elaborazione da idee giapponesi è sempre visto dalla massa con sospetto e con un certo grado di orgoglio. Generalmente, ma andrebbe naturalmente valutato caso per caso, viene preferito il prodotto “originale” giapponese anche a prescindere, molto spesso perchè si ritiene che gli stranieri non possano intendere fino in fondo un’estetica “tipicamente” giapponese.

In seconda battuta va notato come anche se esiste certamente una forte fanbase super appassionata di mecha e kaijū resta pur sempre una nicchia, ristretta nel numero, di forte impatto sui social network, Pacific Rim è ancora oggi nelle prime posizioni fra gli argomenti trattati su Twitter, ma che non include famiglie e persone della terza età, gruppo quest’ultimo che oramai rappresenta la maggioranza silenziosa giapponese, quella capace di spostare i grandi numeri, coloro che cioè hanno una disponibilità di tempo ed economica che i più giovani non hanno.

pacific_metal2

Poster giapponese di Pacific Rim realizzato per l’occasione da Yōji Shinkawa, artista famoso per aver creato l’universo di Metal Gear

Infine c’è da osservare come spesso i film che rappresentano il Giappone all’estero, quelli più conosciuti nei circuiti festivalieri, in patria non siano enormi successi al botteghino, Kitano funziona parzialmente anche perchè è un personaggio televisivo, molti detestano i suoi lavori, Akira Kurosawa prima del suo successo critico interazionale era, ma lo è ancora, considerato “poco giapponese” nello spirito, per quanto questo possa sembrare paradossale.Lo Studio Ghibli e Miyazaki rappresentano in questo contesto la classica eccezione che conferma la regola.

Perché allora Pacifc Rim ha avuto così tanto successo in Cina dove in sei settimane ha spazzato tutti raccogliendo più di 112 milioni di dollari? La grande potenza asiatica è ancora relativamente “vergine” in questo settore, se abbondano i film storici in costume, le commedie o i film drammatici, un lavoro come quello di del Toro è, per la massa degli spettatori, una novità cinematografica quasi assoluta, il recente successo di Jurassic Park 3D conferma questa tendenza (2 settimane e 50 milioni di dollari). Mentre nel vicino Giappone, film di mostri e robottoni/mecha (specialmente animati) sono parte fondante della programmazione annuale da molti anni a questa parte.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Just Beyond: Mckenna Grace e Lexi Underwood nella serie Disney+ tratta da R.L. Stine 13 Aprile 2021 - 20:45

La serie antologica è stata creata da Seth Grahame-Smith a partire dai fumetti dell'autore di Piccoli brividi

The Falcon and The Winter Soldier: Chi è la speciale Guest Star che vedremo nel prossimo episodio? 13 Aprile 2021 - 20:05

Una Guest Star d'eccezione è attesa nel nuovo episodio di The Falcon and the Winter Soldier: di chi potrebbe trattarsi?

I giorni dell’abbandono: Natalie Portman nel film dal romanzo di Elena Ferrante 13 Aprile 2021 - 19:30

Il film sarà diretto da Maggie Betts per HBO Films. Tra i produttori anche Fandango

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.