L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Escape from Tomorrow – La Disney preferisce utilizzare la strategia del silenzio al posto delle querele

Di Marlen Vazzoler

escape-from-tomorrow

Fin dalla sua presentazione al Sundance Film Festival, il film Escape from Tomorrow, girato senza permesso nei parchi di Disneyland e Disney World, ha fatto alzare diverse sopracciglia. Vuoi perché descrive le principesse Disney come delle prostitute d’alta classe, o per la scena in cui degli iconici personaggi della Disney cercano di schiacciare un bambino. Contrariamente a quello che tutti si aspettavano, il film in bianco e nero di Randy Moore, non è diventato oggetto di nessuna azione legale da parte della casa del topo, e uscirà nelle sale il mese prossimo, in America.

Il professor della Loyola Law School, Jay Dougherty ha spiegato che le riprese del film all’interno di un parco Disney non sono soggette ad azioni legali, oltre al possibile reclamo sullo sconfinamento, in violazioni delle regole del parco, e per le eccezioni sul diritto d’autore, che potrebbe essere usate dalla difesa per l’utilizzo dei personaggi di una narrazione più ampia. Ma la

“Disney potrebbe avere un caso più forte per quanto riguarda il diritto dei marchi e la diluizione del marchio”.

escape-from-tomorrow-poster

Ma quando questo poster è stato rilasciato online, dalla Producers Distribution Agency, ci siamo davvero stupiti che la Disney non abbia reagito in alcun modo. Il titolo della pellicola è stato scritto con un font che richiama quello usato dallo studio, che spinge il pubblico generalista a credere che la pellicola sia stata approvata dallo studio, ma sappiamo che non è questo il caso. E come non notare quella mano insanguinata, che sembra appartenere a Topolino?
Secondo le fonti di THR, la Disney ha deciso di non dare la benché minima attenzione al film. Il portavoce della compagnia non ha voluto commentare questa indiscrezione, ma una fonte dello studio dice che la strategia utilizzata dalla Disney è di evitare di dare attenzione alla pellicola di Moore, per non rischiare di contribuire al suo successo al botteghino.
Secondo uno studio di marketing supervisionato da THR, il silenzio della Disney potrebbe danneggiare Escape from Tomorrow. Se la Disney non si degna nemmeno di rispondere alle provocazioni del film, il chiacchiericcio attorno alla pellicola potrebbe sgonfiarsi molto velocemente.

Fonte THR

Cinema chiusi fino al 15 gennaio, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Cinderella: Olivia Colman, Helena Bonham Carter, Anya Taylor-Joy nella pantomima prodotta da Richard Curtis 3 Dicembre 2020 - 21:56

Olivia Colman, Helena Bonham Carter e Anya Taylor-Joy protagoniste nella pantomima di Cinderella prodotta da Richard Curtis per BBC

Cynthia Erivo nel biopic di Sarah Forbes Bonetta, principessa “regalata” alla Regina Vittoria 3 Dicembre 2020 - 21:30

Un'incredibile storia vera, dimenticata dai libri di storia; Benedict Cumberbatch sarà il produttore esecutivo

House of The Dragon: un drago ritratto nei primi concept del prequel di Game of Thrones 3 Dicembre 2020 - 21:09

Prime immagini per House of the Dragon, la serie prequel di Game of Thrones che racconterà la storia della Casa Targaryen.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.