L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

12 Years a Slave vince il Festival di Toronto

Di Valentina Torlaschi

12 years slave Toronto

Sembra essere uno dei film più affascinanti in circolazione. Tutti lo aspettavamo al Festival di Venezia, ma poi, con gran dispiacere anche dello stesso direttore della Mostra Alberto Barbera, 12 Years a Slave è stato presentato al Festival di Toronto. E lì, giusto ieri, ha vinto il primo riconoscimento: il prestigioso People’s Choice Award (il premio del pubblico).

Accolta da critiche entusiate alla manifestazione canadese, 12 Years a Slave rappresenta davvero uno dei film da cui ci si attende qualcosa di molto importante. E questo innanzitutto perché dietro la macchina da presa siede il grande regista Steve McQueen: ossia l’autore di Hunger e Shame, due film che sono due saggi di pura arte e poesia cinematografica. E poi perché la pellicola racchiude un cast da brivido che vede sfilare nomi quali Michael Fassbender (alla sua terza collaborazione con McQueen), Brad PittBenedict CumberbatchRuth NeggaPaul DanoTaran Killam (Saturday Night Live) e Scoot McNairy (Killing Them Softly). E poi anche Paul GiamattiSarah PaulsonGarrett DillahuntMichael Kenneth Williams e la giovanissima Quvenzhane Wallis (la piccola candidata agli ultimi Oscar per Il re della terra selvaggia).

Estremamente toccante, 12 Years a Slave racconta la drammatica storia di Solomon Northup: un uomo di colore che viveva libero nella New York del 1840 ma che venne ingannato con una falsa promessa di un buon lavoro a Washington ritrovandosi poi ridotto a lavorare come schiavo in una piantagione in Louisiana per più di una decina d’anni. Il film approderà nelle sale americane il 18 ottobre, mentre non è stata ancora programmata un’uscita italiana ma sappiamo che la pellicola sarà distribuita dalla BIM.

In seconda posizione  nella palmarès del Festival di Toronto troviamo invece la riuscitissima dramdey del regista inglese Stephen Frears Philomena con una bravissima Judi Dench (pellicola presentata anche a Venezia; qui la nostra recensione) e l’oscuro thriller Prisoners del promettente autore canadese Denis Villeneuve con Hugh Jackman e Jake Gyllenhaal.

Quello del pubblico di Toronto è un riconoscimento significativo perché da anni ormai rappresenta un termomentro molto rappresentativo della “febbre da Oscar”, spesso anticipando la tendenza dei premi di Hollywood: negli anni passati, sono stati premiati al Festival canadesi film come Il lato positivo, Il discorso del re e The Millionaire che poi, come sappiamo, hanno sbancato alle notte degli Academy Awards.

Di seguito l’elenco completo dei premi del Toronto Film Festival

People’s Choice Award: 12 Years a Slave di Steve McQueen
Altri finalisti: Philomena e Prisoners
People’s Choice Award per la Sezione Midnight Madness: Why Don’t You Play In Hell? di Sion Sono
People’s Choice Award al Documentario: The Square
Altri finalisti: Beyond the Edge e Hi-Ho Mistahey di Alanis Obomsawin
Miglior film canadese: When Jews Were Funny di Alan Zweig
Miglior opera prima canadese: Asphalt Watches
Miglior cortometraggio canadese: Noah (potete guardarlo qui)
Premio FIPRESCI (premio dei critici) per la Sezione Special Presentations: Ida
Premio FIPRESCI (premio dei critici) per la Sezione Discovery: The Amazing Catfish
NETPAC Award per il miglior film asiatico: Qissa
Grolsch Film Works Discovery Award: All The Wrong Reasons

Fonte: Collider

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Them – La serie Amazon conquista Stephen King: “Mi ha spaventato a morte” 11 Aprile 2021 - 20:00

La serie horror Them ha da qualche giorno fatto il suo debutto su Amazon Prime Video e ha già trovato un fan che non passa certo inosservato: sua maestà Stephen King.

Spider-Man: No Way Home – Un riferimento a Cap nelle nuove foto dal set 11 Aprile 2021 - 19:00

Due foto dal set di Spider-Man: No Way Home contengono un riferimento alla Statua della Libertà e allo scudo di Capitan America.

Creed 3: Michael B. Jordan spiega perché non ci sarà Sylvester Stallone 11 Aprile 2021 - 18:00

Come sappiamo, in Creed III, il prossimo capitolo della saga che sarà diretto e interpretato da Michael B. Jordan, non tornerà Rocky Balboa. Ecco il motivo.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.