L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

#Venezia70, Night Moves – La recensione del film con Dakota Fanning in concorso

Di emanuele.r

night-moves-reichardt-venezia-toronto-03

Niente a che vedere con l’omonimo film di Arthur Penn, in Italia Bersaglio di notte, purtroppo. Il Night Moves presentato in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia è un dramma dai risvolti thriller diretto da Kelly Reichardt che racconta il fondamentalismo ecologista e prova ad addentrarsi in territori opposti al suo stile e alla sua idea cinema, peccato che la commistione non funzioni.
Protagonisti sono 3 appassionati ecologisti, capitanati da un uomo più adulto, che decidono di organizzare un attentato a una diga per protestare contro lo sfruttamento delle acque lacustri. Ma l’operazione avrà dei risvolti drammatici che i 3 non potevano prevedere.

Jesse

Scritto dalla stessa Reichardt con Jonathan Raymond, Night Moves cerca di creare una storia di suspense nella prima parte e tensione psicologica nella seconda attraverso uno stile apparentemente antitetico e un punto di vista interessante, quello degli eco-terroristi, sebbene improvvisati, del fondamentalismo e dei suoi risvolti più pesanti visti con le lenti della giusta causa, del bene superiore che poco a poco si sgretola a confronto con il fattore umano.
Il vero limite del film però è proprio nella scelta stilistica che non trova praticamente mai la giusta via espressiva, o perchè il montaggio rigido non si sposa con i meccanismi dell’attesa o perché Reichardt sembra non essere in sintonia con il progetto stesso, tanto da far soccombere anche la più interessante e dolorosa parte umana verso il finale.

night-moves-reichardt-venezia-toronto-01-1

A ciò va aggiunto uno script il cui intreccio e sviluppo diventano via via più prevedibili e consueti e una regia che mostra una pesante inadeguatezza nello snodare il film, come la scena madre della sauna, potenzialmente grandiosa e invece quasi fallimentare. Dispiace soprattutto per Dakota Fanning, sempre più brava e sempre più raffinata nello stile di recitazione (come nei dialoghi con Peter Sarsgaard), che regge il film anche contro l’afasia di Jesse Eisenberg, che a voler essere cattivi sembra voler imitare lo stato d’animo della regia.

Anche quest’anno ScreenWEEK è al Lido per seguire la 70. Mostra del Cinema di Venezia. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti dal Festival.

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

L’ombra dello scorpione – Bene e Male si affrontano nel nuovo poster 28 Novembre 2020 - 16:00

Le fazioni della luce e dell'oscurità si affrontano nel poster di The Stand, miniserie di CBS All Access tratta dall'omonimo romanzo di Stephen King, noto in Italia come L'ombra dello scorpione.

Il ritorno dell’action italiano: la recensione de La Belva 28 Novembre 2020 - 15:30

Su Netflix un action prodotto da Matteo Rovere che non ha niente da invidiare ai prodotti internazionali

Utopia – Amazon cancella la serie dopo una stagione 28 Novembre 2020 - 15:00

Il remake americano di Utopia ha avuto vita breve: uscito lo scorso ottobre su Prime Video, è stato cancellato da Amazon dopo una sola stagione.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.