L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

#Venezia70, L’arte della felicità – La recensione del film d’animazione italiano che ha sorpreso il Lido

Di Valentina Torlaschi

l-arte-della-felicita recensione venezia

Un cartone animato per adulti. Un cartone animato che si nutre di realtà. Se nell’immaginario comune l’animazione è l’universo dei bambini e della fantasia, è anche vero che negli ultimi anni abbiamo assistito a un fenomeno molto interessante in cui il disegno animato è stato utilizzato per raccontare vicende, pensieri, storie per grandi. Per adulti. Gli esempi più noti sono ovviamente Persepolis e Valzer con Bashir ma l’opera più estrema in questo senso è il “documentario d’animazione” – inedito in Italia ma ben conosciuto nel circuito dei festival – The Green Wave in cui si narra la cronaca del movimento rivoluzionario verde in Iran attraversi immagini a disegni.

Ora anche l’Italia ha esplorato questo territorio impervio, poco battuto ma di grande fascino dell’animazione per adulti. L’occasione è stata L’arte della felicità: opera prima del fumettista Alessandro Rak che è stata presentata in questi giorni al Lido come Evento di apertura della sezione collaterale della Settimana della critica. Storia del fortissimo legame tra due fratelli che prenderanno poi strade diverse, questo è un film di sentimenti, musica e domande esistenziali sulla vita, la morte, la felicità. Ma soprattutto è un film – ed è questo l’aspetto più originale, unico della pellicola – che disegna una Napoli livida, piovosa, dove la spazzatura invade le strade e le vite delle persone e dove l’apocalisse incombe dal cielo. Una città-discarica che eppure, beffarda come solo lei sa essere, riesce a mantenere il suo fascino perché come i suoi abitanti – regista compreso – dicono sempre “Napoli è una città dalle mille contraddizioni. Ed è questa è la sua bellezza”.

L’animazione è paradossalmente perfetta per ritrarre questa realtà sfaccettata di Napoli: se le riprese in live-action sarebbero state intrinsecamente più verosimili (ça va sans dire che la cinepresa riproduce la realtà così come la si vede), il disegno di Alessandro Rak è qui più vero. Nel senso che in quei tratti quasi espressionisti il regista ha colto l’anima di una città martoriata, fatta di luce e buio, ma che resiste, ottimista per necessità.

In questo senso l’ambientazione partenopea è la vera protagonista del film. E, purtroppo, finisce per mangiarsi tutto il resto. La storia dei due fratelli protagonisti, del loro legame di sangue e di musica uniti, infatti, è assai meno convincete. La sceneggiatura è a tratti didascalica, un po’ troppo verbosa e con dialoghi filosofeggianti che girano un po’ a vuoto.

Ma comunque, come ha anche detto il critico Enrico Ghezzi che era presente alla proiezione e all’incontro col pubblico e il cast nella sala Darsena qui al Lido, “questo è un film che spara alto”. Un film che non ha avuto paura di esplorare sentieri poco battuti, di sperimentare un genere nuovo per il nostro cinema come l’animazione per adulti. Poi sì il film è imperfetto, soprattutto a livello di scrittura e purtroppo non ha osato abbastanza (anche budget e tempistiche ristrette) , ma questa è la bellezza delle opere prime. Che devono essere coraggiose col rischio di essere imperfette. E L’arte della felicità è proprio coraggioso e imperfetto.

Di seguito il trailer del film:

Anche quest’anno ScreenWEEK è al Lido per seguire la 70. Mostra del Cinema di Venezia. Continuate a seguirci per tutti gli aggiornamenti dal Festival.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

What If…? – Marvel condivide il volantino del Gran Maestro per il party di Thor 26 Settembre 2021 - 20:00

Il Gran Maestro ci invita all'epocale party di Thor nel volantino tratto dal settimo episodio di What If...?, uscito questa settimana su Disney+.

Dalla mia finestra: il teaser trailer della serie teen spagnola Netflix 26 Settembre 2021 - 18:00

La serie, tratta dai romanzi di Ariana Godoy, arriverà su Netflix il 4 febbraio 2022

Eternals potrebbe essere uno dei film più lunghi del MCU 26 Settembre 2021 - 17:00

Pare che Eternals durerà 156 minuti, e in tal caso sarebbe il terzo film più lungo del Marvel Cinematic Universe, dopo Endgame e Infinity War.

Michael Jordan e la storia di Space Jam: tutto era iniziato da Spike Lee (FantaDoc) 23 Settembre 2021 - 18:00

Un cartone animato per adulti. Un cartone animato che si nutre di realtà. Se nell’immaginario comune l’animazione è l’universo dei bambini e della fantasia, è anche vero che negli ultimi anni abbiamo assistito a un fenomeno molto interessante in cui il disegno animato è stato utilizzato per raccontare vicende, pensieri, storie per grandi. Per adulti. […]

Ms. Marvel – La serie è stata rinviata all’inizio del 2022 23 Settembre 2021 - 12:30

Era ovvio, ma ora la conferma giunge da Variety: Ms. Marvel, inizialmente prevista per la fine dell'anno su Disney+, uscirà all'inizio del 2022.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.