Condividi su

27 agosto 2013 • 19:00 • Scritto da Valentina Torlaschi

Matthew McConaughey lotta contro l’Aids in The Dallas Buyers Club [TRAILER]

Ecco il trailer di The Dallas Buyers Club, il dramma diretto da Jean-Marc Vallée e ispirato alla vera storia di Ron Woodroof: un elettricista texano a cui viene diagnosticato il virus dell'AIDS. Protagonista un sorprendente e irriconoscibile Matthew McConaughey
Post Image
0

dallas-buyers-club-matthew-mcconaughey-trailer

In vista dell’anteprima al prossimo Festival di Toronto, Entertainment Tonight ha presentato il trailer di The Dallas Buyers Club: il dramma diretto da Jean-Marc Vallée e ispirato alla vera storia di Ron Woodroof, un elettricista texano a cui viene diagnosticato il virus dell’AIDS. Protagonista assoluto è un grande Matthew McConaughey qui più magro e irriconoscibile che mai, che in questi ultimi anni ci sta sorprendendo film dopo film per la sua versatilità e bravura (da queste parti si attende con ansia anche la sua prova attoriale – a quanto sembra immensa – di The Wolf of Wall Street).

Siamo nel 1986 e l’AIDS è una malattia ancora sconosciuta  per molti aspetti, ragione per cui i medici non danno a Woodroof (McConaughey) alcuna speranza di sopravvivere e gli dicono che l’unica cosa che può fare è andare a casa e aspettare di morire. Ma l’uomo non si arrende, inizia a documentarsi e ad assumere dei farmaci non approvati dal governo americano, procurandoseli attraverso il commercio illegale. Questa sua determinazione gli permise di vivere fino al 1992 e di aiutare anche molti altri malati a curarsi in maniera adeguata.

A seguire il video promozionale in cui si può già percepire come il film riesca a miscelare con perfetto equilibrio dramma e una certa involontaria dolcezza ed ironia:

A completare il cast troviamo Jennifer Garner, Steve Zahn, Dallas Roberts, Griffin Dunne, Denis O’Hare, e Bradford CoxThe Dallas Buyers Club uscirà nelle sale americane il 1° novembre; in Italia non è stata ancora fissata una data d’uscita.

Fonte: The Film Stage

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *