L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Monday Mornings, il commento alla nuova serie di David E. Kelley

Di emanuele.r

monday-mornings-21

Il nome di David E. Kelley, oltre che per essere il marito di Michelle Pfeiffer, è famoso per la creazione di alcune delle serie legali più belle e di successo degli ultimi 20 anni: The Practice, Ally McBeal, Boston Legal. Dopo la chiusura immeritata di Harry’s Law con Kathy Bates, Kelley approda alla rete via cava TNT con un nuovo drama medico dal titolo Monday Mornings. Un ottimo prodotto che purtroppo le leggi del mercato hanno cancellato dopo la 1^ stagione.
La serie segue le vicende professionali e personali di cinque chirurghi del Chelsea General Hospital di Portland. Ogni lunedì mattina, nell’ospedale in cui lavorano, vengono indette delle conferenze su varie patologie e sulla loro mortalità, in cui i dottori affrontano temi spinosi come le complicazioni e gli errori nella cura dei pazienti: queste conferenze sono ritenute tra i più grandi segreti nella medicina.

???????????????

Creati e scritti da Kelley sulla basa del romanzo omonimo di Sanjay Gupta, i 10 episodi di Monday Mornings (il cui pilot è diretto da Bill D’Elia, sodale del creatore), sono un modo per depurare il genere medico dalle inflessioni crime e thriller degli ultimi tempi e soprattutto dalle zavorre sentimentali che il genere non riesce ad eliminare dopo Grey’s Anatomy.
Kelley infatti cerca di far tornare la serie tv a sfondo ospedaliero alla miglior forma narrativa possibile, quella in cui le malattie e le stesse procedure mediche non sono un pretesto per sfoggio di buoni sentimenti, ma diventano il cardine di una narrazione tesa, che in ogni episodio mette in discussione da vari di punti di vista l’operato dei dottori: per farlo, Kelley attinge alla sua esperienza nel genere legale, nelle battaglie tra avvocati, cosicché il momento clou dell’episodio, quello del “processo” del lunedì mattina al medico che ha sbagliato, è il cuore pulsante di una serie che si pone così un gradino al di sopra degli omologhi.

monday4tvf-1-web

Tono serio e accurato, senza eccessi sentimentali e sensazionalistici, senza scorciatoie narrative o semplificazioni, in cui è la medicina e la chirurgia a fare da volano alla suspense anche al di là di un montaggio un po’ eccessivo. Peccato che il pubblico non se ne sia accorto e così la serie è stata cancellata: nonostante un grande Alfred Molina come primario, nonostante storie di esemplare tensione, nonostante l’utilizzo di canzoni come quelle di Eddie Vedder o Rolling Stones (anche il dottor House amava la band di Jagger). Peccato, appunto.

Commentate la recensione e restate su Screenweek.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Love, Death + Robots – Volume 2: il nuovo red band trailer della serie Netflix 10 Maggio 2021 - 21:00

La serie antologica animata di David Fincher e Tim Miller tornerà con otto nuovi episodi il 14 maggio

Videogames News: Il Futuro di Google Stadia, I Problemi di Returnal, Xbox in Perdita 10 Maggio 2021 - 20:35

Ecco come ogni settimana la nostra rubrica riguardante tutte le più interessanti notizie in arrivo dal mondo dei videogiochi!

Solos: Dal 25 giugno su Prime Video la serie antologica Amazon Original 10 Maggio 2021 - 20:15

In Italia arriverà il 25 giugno su Prime Video: Solos la serie antologica Amazon Original creata da David Weil, con Anne Hathaway e Helen Mirren

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).