L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Made in Jersey, il commento alla serie trasmessa da FoxLife

Di emanuele.r

made in jersey

Negli ultimi anni, la tv americana sta cercando di rileggere il legal drama da punti di vista particolari, che ne arricchiscano la prospettiva. Leader indiscusso di questo filone contemporaneo è The Good Wife, ma anche Suits se la cava bene. Pecora nera, anche perché prodotta da CBS, stesso network che trasmette la serie con Julianna Margulies, è Made in Jersey, trasmessa in Italia da FoxLife e durata la miseria di 8 episodi.
Martina Garretti è una giovane ragazza del New Jersey, proveniente da una tradizionale famiglia italo-americana di colletti blu, che grazie alla sua intelligenza e caparbietà è riuscita a scalare la gerarchia sociale, diventando avvocatessa ed approdando in un prestigioso studio legale di New York. Le ricche scuole frequentate e l’educazione ricevuta non sono però riuscite a toglierle i suoi modi ed atteggiamenti da working class, motivo per cui gli altolocati colleghi di Manhattan mal vedono la nuova arrivata, accogliendola con molto scetticismo. Nonostante ciò, Martina riesce a tenere testa a tutti loro grazie alla sua tenacia e al sostengo della sua fin troppo ingombrante famiglia, rimanendo così fedele alle sue radici “da strada” in un ambiente spietato ed intimidatorio, e riuscendo al contempo a difendere nel migliore dei modi i suoi clienti.

Payday

Creata da Dana Calvo – che scrive anche il pilot diretto da Mark Waters, Made in Jersey è un legal drama leggero e al femminile, quasi dramedy, che potrebbe essere una versione processuale di Ugly Betty, con gli italo-americani al posto degli ispanici e dei latinos e la carriera legale al posto di quella nella moda.
Come in Ugly Betty, Made in Jersey racconta il sogno americano visto dagli occhi di un’americana di origini straniere, che deve sfidare le disagiate condizioni economiche e sociali e l’emarginazione per dimostrare il proprio talento e raggiungere il successo, vero dio del mito americano. E anche il tratteggio delle famiglie è simile, chiassose e inopportune, ma piene di vita e affetto. Peccato che la serie di Calvo soffra di due difetti fatali per una serie: il personaggio principale non ha spessore, non suscita interesse ed empatia nello spettatore e la serie, come sguardo, narrazione, ideazione, non ha alcuna particolarità né interesse.

MadeInJersey_620_092812

Per questo, peggio che in un brutto prodotto, Made in Jersey suscita indifferenza: dopo i rating del pilot (1.1, per CBS nulla malgrado il discreto numero di ascoltatori), il 2° episodio ha fatto anche peggio (0.8) decretando la sospensione e la cancellazione dello show. Che FoxLife ha avuto il merito perlomeno di proporre per intero, dando la possibilità allo spettatore di godersi l’ennesima prova di talento e professionalità del grande Kyle MacLachlan nel ruolo del boss dello studio legale. Per chi si accontenta.

Commentate la recensione e restate con Screenweek.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Ci sarà un revival di Nash Bridges, sarà un film e questo sarà il cast… 7 Maggio 2021 - 21:15

Ecco gli attori che affiancheranno Don Johnson e Cheech Marin nel film che potrebbe anche lanciare una nuova serie

Belle: Un dietro le quinte di cinque minuti del film di Mamoru Hosoda 7 Maggio 2021 - 21:08

Primo appuntamento con una serie di dietro le quinte dedicati al film Belle di Mamoru Hosoda. Annunciati quattro doppiatori tra cui Shōta Sometani. A fine mese si concluderanno le audizioni a livello mondiale per una piccola parte vocale nel film

Il regista di Tyler Rake dirigerà Idris Elba in Stay Frosty 7 Maggio 2021 - 20:30

Sarà un film nella vena degli action natalizi anni '80 come Arma letale e Die Hard

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.