L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Gravity – L’astronauta Sandra Bullock nella prima foto

Di Valentina Torlaschi

Gravity - Sandra Bullock - Foto dal Film

Dopo l’ottima notizia di settimana scorsa che sarà Gravity ad aprire il prossimo Festival di Venezia il 28 agosto, è stata ora rilasciata in rete una nuova foto – qui sopra – del film fantascientifico del regista messicano Alfonso Cuaron (I figli degli uominiHarry Potter e il prigioniero di Azkaban) che vede nel cast due premi Oscar del calibro di Sandra Bullock e George Clooney.

Nella foto troviamo la Bullock – che nel film veste i panni di un medico-ingegnere che si perderà nel vuoto dello spazio insieme all’astronauta  Clooney – dentro la navicella spaziale in assenza di gravità. L’immagine è stata pubblicata daUSA Today che ha anche raccolto qualche dichiarazione del regista: Cuaron ha raccontato come abbia impiegato ben 5 anni per ricostruire questo effetto di “zero-gravity” nella maniera più realistica possibile. «Sono stati necessari diversi processi per mostrare questo effetto fluttuante: un elaborato lavoro di fili in modo da rinchiudere la Bullock in una questa sorta di cubo di nenache 3 metri quadrati, e poi c’è stata un’ulteriore passaggio in computer graphic» ha raccontato il regista. Che poi ha aggiunto: «Sandra viene messa di fronte al fatto che la Terra è così lontana. Riesce a vedere la Terra per intero da lontano, e non sente di appartenervi più. Quello che fa paura veramente alle persone è l’idea di perdersi ed essere da soli in mezzo al vuoto».

Gravity racconta le avventure spaziali di un ingegnere medico, Ryan Stone (Bullock), e di un astronauta veterano, Matt Kowalsky (Clooney) che durante una camminata di routine nello spazio rimangono vittime di un incidente. Lo shuttle viene distrutto e i due rimangono completamente soli, nell’oscurità dello spazio.

Il film dovrebbe sorprendere anche per lo stile di regia: Cuaron ha infatti girato Gravity con lunghissimi pianosequenza (si parla di una sequenza iniziale senza tagli di montaggio di 17 minuti e dovrebbero poi abbondare scene dalla durata di 6-8-10 minuti) e ha costruito solamente 156 inquadrature, davvero una rarità per un film della lunghezza di due ore (in media per un film di questa durata possiamo trovarci di fronte a duemila inquadrature). Siamo davanti a una delle pellicole più ambiziose del 2013 e già il trailer – che vi riportiamo sotto – ci ha dato un assaggio della sua grandezza.

Gravity uscirà nelle sale americane e italiane, in 3D, il 4 ottobre. Qui sotto il trailer italiano:

Fonte:  USA Today

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Black Widow – Nuovi poster per il cinecomic con Scarlet Johansson 12 Giugno 2021 - 21:00

Sono disponibili quattro suggestivi poster di Black Widow targati RealD 3D, Dolby Cinema, Screen X e IMAX. Inoltre, Cate Shortland parla dei riferimenti per il film.

It’a A Sin – Recensione della imperdibile serie LGBTQIA+ inglese divenuta già un cult 12 Giugno 2021 - 20:00

It's a Sin stupisce continuamente e rende di nuovo attuale una pagina di storia troppo raramente ricordata: ecco la nostra recensione della imperdibile (non solo per gli appartenenti al mondo LGBT+) serie inglese!

Loki – Una featurette dedicata al personaggio di Gugu Mbatha-Raw 12 Giugno 2021 - 19:00

La giudice Ravonna Renslayer di Gugu Mbatha-Raw è al centro di una nuova featurette di Loki, i cui episodi escono ogni mercoledì su Disney+.

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.