L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Creed – Il regista Ryan Coogler e Michael B. Jordan di Fruitvale Station di nuovo insieme per lo spin off di Rocky

Di Marlen Vazzoler

michael-b-joran-ryan-coogler

L’acclamato regista di Fruitvale Station, ovvero il regista Ryan Coogler è stato scelto dalla MGM per dirigere il film Creed che racconta la storia del nipote di Apollo Creed (Carl Weathers), il pugile battuto da Rocky Balboa in Rocky II. Balboa fu il più grande avversario di Creed e in seguito il suo migliore amico fino a quel momento fatidico in cui Balboa ascoltò il desiderio di Creed e non fermò il suo combattimento contro il pugile russo Drago (Dolph Lundgren), che lo colpì con un pugno che si rivelò fatale per Creed.
La sceneggiatura verrà scritta dallo stesso Coogler e dallo scrittore Aaron Covington. Michael B. Jordan è in trattative per la parte del protagonista mentre è confermata la presenza di Sylvester Stallone nei panni di Rocky Balboa, ora un combattente ritirato diventato allenatore.
L’idea di questo settimo film della franchise di Rocky, è un sogno nel cassetto di Coogler, rivelato dopo esser entrato a far parte dell’agenzia WME, che rappresenta anche Jordan e Stallone. Tramite l’agenzia Coogler è riuscito a mettersi in contatto con Stallone, che al momento sta lavorando al musical di Rocky. L’attore ha amato così tanto l’idea del film, e l’ha ritenuta così valida da voler partecipare con il suo iconico personaggio.
I due hanno ottenuto l’approvazione di Gary Barber e Jon Glickman della MGM, e sono riusciti ad avere a bordo i due produttori del film originale: Irwin Winkler e Robert Chartoff, che produrranno il film assieme a Stallone e a Kevin King.
Questa la sinossi del film:

Cresciuto in una casa d’élite grazie alle ricchezze guadagnati sul ring dal nonno, il nipote di Creed non ha bisogno di praticare la box e la sua famiglia non vuole che la pratichi. Eppure, ha l’istinto naturale, il talento e la potenzialità che ha reso suo nonno il campione dei pesi massimi, fino a quando Rocky Balboa ha preso il suo titolo nel 1979. Il nipote di Creed ha bisogno di un mentore e si rivolge a Balboa, che è uscito dalla boxe e non desidera tornarci.

Fonte Deadline

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Annunciate tre nuove produzioni originali del Regno Unito destinate a Disney+ e Star 20 Aprile 2021 - 16:45

Attraverso un comunicato stampa, The Walt Disney Company EMEA ha annunciato la sua prima lista di produzioni originali scripted del Regno Unito per Disney+.

Rebel Ridge: AnnaSophia Robb ed Emory Cohen nel film Netflix di Jeremy Saulnier 20 Aprile 2021 - 16:45

Affiancheranno John Boyega, Don Johnson e James Badge Dale nel thriller ad alta velocità del regista di Hold the Dark

After: la saga si espande, in arrivo un prequel e un sequel 20 Aprile 2021 - 16:00

La saga After, ispirata alle pagine di Anna Todd, si è rivelata una grande successo. Un terzo capitolo è pronto per arrivare nelle sale nel corso del 2021 ma i progetti per il franchise sono decisamente ambiziosi.

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.