L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Arrested Development, il commento della 4^ stagione

Di emanuele.r

rs_560x301-130410152818-1024.adposter.cm_.41013

Morto su Fox dopo 3 stagioni, Arrested Development è uno dei rari casi di resurrezione su piccolo schermo. In questo caso ancora più curiosa se si pensa che da un network, la comedy di Mitchell Hurwitz è passata da un network a un portale di video on demand come Netflix. Il ritorno della serie con la 4^ stagione è il modo di abbracciare dei vecchi amici, e anche di capire come sono invecchiati.
La 4^ stagione segue una curiosa linea antologica: ogni episodio è dedicato a un personaggio diverso della numerosa e bizzarra famiglia Bluth, con il filo conduttore del ritorno di Michael dopo anni di lontananza, chiamato ancora una volta a sistemare i casini familiari, stavolta riguardanti il fallimento delle aziende di famiglia.

Arrested-Development-Season-4-Poster-2

Hurwitz stavolta si prende il controllo totale, scrive (non da solo) e dirige assieme a Troy Miller tutti i 15 episodi che Netflix ha messo a disposizione contemporaneamente ai propri utenti, cercando di dare più respiro alle storie senza per questo tradire lo spirito della serie.
L’apertura è sicuramente d’impatto, con Seth Rogen e Kristen Wiig nei panni dei coniugi Bluth da giovani, e il principale compito di questo ritorno di Arrested Development è quello di far tornare all’ovile gli spettatori – non abbondanti ma calorosi – che dal 2006 piangevano la scomparsa dello show. Stando al successo e alla possibilità di una 5^ stagione l’obiettivo è raggiunto: i personaggi bizzarri e completamente fuori di testa all’interno di un rispettabilissimo contesto borghese funzionano e le gag sono spesso folgoranti (come quella dell’aereo nella première). Quello che blocca la serie, almeno nei primi episodi, è proprio il passato, non solo perché Hurwitz e soci dovevano recuperare la mano con un certo tipo di humour, ma anche per ché riavvolgere continuamente i fili della narrazione per riportarla ad anni prima blocca il racconta e la vis comica.

tv-arrested-development-04078020c0f3d65a

Detto questo, Arrested Development è ancora una comedy dall’intelligenza sopraffina, dalla regia evoluta e con un cast davvero strepitoso, capitanato da un Jason Bateman semplicemente perfetto. Nonostante le difficoltà, i Bluth restano la famiglia che non possiamo non detestare mentre ne godiamo le gesta nefande. Lunga vita ad Arrested Development.

Commentate la recensione e restate con Screenweek.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Oscar 2021: niente mascherina per gli ospiti durante la trasmissione 20 Aprile 2021 - 18:15

La Notte degli Oscar sarà trattata come ogni produzione televisiva o cinematografica. L’Academy non chiederà ai partecipanti di indossare la mascherina durante la diretta ma sarà obbligatoria durante le pause pubblicitarie.

DOTA: Dragon’s Blood | Netflix annuncia la stagione 2, prima immagine 20 Aprile 2021 - 18:06

Luna e Pangolier nella prima immagine di DOTA: Dragon's Blood: Book 2, la seconda stagione della serie Netflix animata dallo Studio Mir

Venom: La furia di Carnage – Il primo teaser potrebbe uscire presto 20 Aprile 2021 - 17:30

Gli ultimi rumor sostengono che il teaser trailer di Venom: La furia di Carnage sarà pubblicato on-line molto presto da Sony Pictures.

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.