L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino, la recensione dal Festival di Cannes

Di Andrea D'Addio

La Grande Bellezza Toni Servillo foto dal film 1

Si doveva inizialmente intitolare L’apparato Umano, ovvero come il libro che il protagonista, Jep Gambardella, ha fantomaticamente scritto quando era ancora giovane e innamorato, il film che riporta Paolo Sorrentino a girare in Italia dopo la non felice esperienza di This Must Be the Place (che, dopo tanti rimandi, non è mai stato ufficialmente distribuito negli States). Budget (pare) di circa 10 milioni di euro, quattordici settimane di riprese, cast ricchissimo (c’è persino un non riuscito cameo di Antonello Venditti) ed una dedica al giornalista di Repubblica Giuseppe D’Avanzo, scomparso ormai due anni fa.

Roma, i suoi splendidi monumenti, l’ossessiva presenza della Chiesa e dei suoi rappresentati, i suoi tempi della capitale e, soprattutto, la sua vita mondana, fatta di ricchi cafoni e intellettuali con poco da dire. Sorrentino la mostra e la carica di immagini come ormai è diventato suo solito, aggiungendo grottesco al grottesco. Si respira aria di Il Divo, cambia solo, e di poco, la prospettiva, non più “solo” mondo politico, ma “anche” mondo politico. C’è davvero di tutto dentro questo film: poesia, satira, scene oniriche e momenti di grande drammaticità. Sorrentino lavora per eccesso, carica, carica e carica fino a sfiorare il limite del buongusto e poi, con una trovata narrativa (come l’introduzione del personaggio della suora santa) riesce ad uscire fuori vincente dalla situazione, dando un senso al tutto. Ci sono momenti splendidi (come la prima intervista all’attrice) e altri totalmente trascurabili e possibilmente da tagliare in un film da 2 ore e mezzo, così come appaiono kitch alcune scelte (il Toni Servillo da giovane sembra uscito da una pubblicità di un profumo Dolce e Gabbana), ma il totale è qualcosa che finisce con il rimanere negli occhi e nel cuore dello spettatore. Cosa è la grande bellezza? Cosa ci ispira nella vita se non l’amore?

La Grande Bellezza Sabrina Ferilli foto dal film 2
Se Servillo, alla quarta volta al servizio di Sorrentino, è sempre bravo anche se comincia a sembrare un po’ troppo simile a sé stesso, risultano perfetti i piccoli ruoli dati a Carlo Verdone, Roberto Herlitzka e Sabrina Ferilli. Nella scelta delle “facce” Sorrentino si rivela sempre bravissimo, anche se, nonostante  La Grande Bellezza sia senza dubbio un film bello e coraggioso, la sensazione finale è che qualcosa continui a mancare soprattutto in fase di scrittura, quasi che a forza di fare caricature di personaggi Sorrentino abbia perso di vista l’esigenza dello spettatore di trovare, anche solo per qualche secondo, un po’ di empatia con i personaggi della storia che stanno seguendo. Escludendo un film sui generis come Il Divo, lo potevano fare con L’Uomo in Più, Le Conseguenze dell’Amore ed anche un poco con L’Amico di Famiglia, film che sembrano lontani anni luce dalla poetica del Sorrentino di oggi, non lo possono fare con This Must Be the Place e La Grande Bellezza. Purtroppo.

Voto: 3.5/5

3 MEZZO

La Grande Bellezza esce oggi nelle sale italiane in contemporanea con la sua presentazione al Festival di Cannes, dove è in Concorso.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

TNT rinnova la serie Snowpiercer per una quarta stagione 29 Luglio 2021 - 21:30

La star Daveed Diggs ha annunciato il rinnovo dal set della stagione 3, le cui riprese si sono appena concluse

Brooklyn Nine-Nine: il trailer della stagione finale, in USA dal 12 agosto 29 Luglio 2021 - 21:00

"One last ride" per i poliziotti del 99° distretto di Brooklyn, che tornano con gli ultimi dieci episodi della serie

Breaking News a Yuba County, dal 9 agosto su Sky Cinema il film di Tate Taylor 29 Luglio 2021 - 20:30

Dal 9 agosto su Sky Cinema la black-comedy diretta da Tate Taylor Breaking News a Yuba County, con Allison Janney, Mila Kunis, Awkwafina e Regina Hall

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.