Condividi su

20 maggio 2013 • 12:00 • Scritto da emanuele.r

Golden Boy, il commento alla serie poliziesca CBS

Cancellata dopo la prima stagione, Golden Boy è la nuova serie di Nicholas Wootton (tra gli autori di NYPD) che però non riesce a rilanciare il poliziesco "classico" in tv.
Post Image
2

CBS_GOLDEN_BOY_101_CLIP1_thumb_640x360

Con CSI e i vari NCIS, al limite Hawaii Five-O, il genere poliziesco è cambiato, diventando o più giallo o più action. Le indagini, i partner, la strada e quant’altro sono divenuti forse un po’ obsoleti. Così CBS ha dato a Nicholas Wootton, uno che di police drama se ne intende avendo scritto e prodotto varie annate del capolavoro NYPD, di rilanciare il genere. Ma con un prodotto medio e un po’ anonimo come Golden Boy la missione era fallimentare in partenza.

La serie segue la fulminea ascesa di un giovane e ambizioso agente, che passa da poliziotto a detective, diventando commissario di polizia e poi sovrintendente a soli 34 anni, dopo un intervento eroico quand’era in divisa. Un’ascesa rapidissima che non può non creare malcontento.

GoldenBoy-TheoJames

Prodotto dal creatore assieme a Greg Berlanti, Golden Boy prende il poliziesco tradizionale, il racconto di indagini, burocrazia e rapporto fra colleghi/rivali per metterlo sul doppio binario presente/passato, a suon di flashback come ormai va abbastanza di moda.

Così Golden Boy – già cancellato da CBS dopo la midseason – oltre che al racconto di una carriera fulminea diventa anche una storia sulla gestione del potere da parte di un “ragazzo”, del classico gioco più grande di lui che l’età e l’inesperienza rendono ancora più grande, dei sottili pericoli con cui si ha a che fare quando si è al comando e che possono fare molta più paura della strada. Wootton però, al lato politico, non sembra granché interessato (e invece possono venirne fuori grandi cose come The Shield) e preferisce concentrarsi sul procedurale, sull’ambiente della squadra omicidi.

goldenboy_rides

Ma compie l’errore grave, vista l’esperienza dell’autore, di infilare tutti i meccanismi di racconto e le dinamiche tra i personaggi in una volta sola, inzeppando la storia di luoghi comuni senza la possibilità di elaborarli e magari riscriverli. Sprecando in un solo colpo una struttura da cui cavare più di un interesse e attori interessanti, soprattutto il grande Chi McBride. Gli spettatori probabilmente non sentiranno troppo l’assenza di Golden Boy.

Commentate la recensione e restate con Screenweek.

Condividi su

2 commenti a “Golden Boy, il commento alla serie poliziesca CBS

  1. abbiamo rivisto l’ultima puntata e volevamo sapere quando sarebbe andata in onda la seconda…leggendo su qst blog abbiamo scoperto che nn ci sara’ nessun seguito!!!! come si fa dico io??? vogliamo anche noi le risposte a tutte le domande che ha fatto Cristian!!!!!!

  2. Non è possibile che sia stato cancellato. Una serie televisiva degna di tutto rispetto e non le solite serie troppo innovative che si vedono oggi in tv. Avrei veramente voluto vedere la seconda parte. Chissà un giorno, forse la produrranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *