L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Game of Thrones, il commento a The Bear and the Maiden Fair

Di emanuele.r

Attenzione, contiene spoiler

game-of-thrones-charles-dance-e-jack-gleeson-nell-episodio-the-bear-and-the-maiden-fair-275153

Anche la stagione scorsa, la parte finale di Game of Thrones ha avuto qualche incertezza, che gli episodi finali hanno spazzato via con facilità. In questa 3^ annata però la questione è più complessa, perché il materiale narrativo dei libri di Martin è sempre più complesso e perché fin dagli inizi la stagione ha tentennato. Perciò, dopo gli scivoloni di The Climb, The Bear and the Maiden Fair ha un compito non semplice che non riesce a portare del tutto a compimento.

Ad Approdo del Re, Sansa viene consolata da Lady Margaery, che è venuta a conoscenza del matrimonio della Stark con Lord Tyrion. Lord Tywin ha un incontro con suo nipote Joffrey nella Sala del Trono. I due parlano del Consiglio Ristretto e Tywin consiglia al nipote di prestare più attenzione alle faccende del reame. Mentre navigano sulla Baia delle Acque Nere, Melisandre rivela a Gendry che il suo vero padre era Robert Baratheon. Jon Snow e il gruppo di Bruti guidati da Tormund Veleno dei Giganti continuano il loro viaggio verso sud intenzionati ad organizzare l’attacco di Castello Nero. Sulla strada per la Barriera, Bran parla spesso con Jojen Reed e questo allarma molto Osha. La donna dei Bruti, timorosa delle visioni di Jojen, dice a Bran che il ragazzo lo sta riempiendo di strane idee. Quando Osha accenna alla loro destinazione, il Castello Nero, Jojen rivela che il corvo con tre occhi è più a nord della Barriera ed è lì che sono diretti. Nelle Terre dei Fiumi, Re Robb, i suoi consiglieri e il suo esercito sono in ritardo per il matrimonio di Edmure Tully e Roslin Frey a causa delle forti piogge. Nelle caverne dove risiede la Fratellanza Senza Vessilli, Arya esprime la sua rabbia a Beric Dondarrion e Thoros di Myr per la vendita di Gendry a Melisandre. Quando Anguy informa gli uomini della presenza di una pattuglia Lannister a poca distanza, Beric ordina l’inseguimento. Ad Harrenhal, Brienne di Tarth riceve una visita da Jaime, che la informa della sua imminente partenza per Approdo del Re e che lei rimarrà ad Harrenhal sotto la custodia di Locke, per via della partenza di Lord Bolton per le Torri Gemelle. A Yunkai, la Città Gialla vicino ad Astapor, Daenerys, con i suoi cavalieri Ser Jorah e Ser Barristan e il suo esercito di Immacolati, ha un colloquio con uno dei padroni della città. Daenerys intende conquistare Yunkai e liberare i suoi 200.000 schiavi.

677936-game_of_thrones_season_3_episode_7_video_preview_the_bear_and_the_maiden_fair_622x349

Scritto da Martin in persona e diretto da Michelle McLaren, The Bear and the Maiden Fair è un tipico episodio di transizione e come tale ha meno responsabilità nell’economia di una serie, ma al tempo stesso sembra arrancare alla ricerca di un momento topico, di una scena a effetto che possa farsi ricordare.

Ovviamente in questo senso c’è la sequenza finale che dà il titolo all’episodio e vede combattere Brienne, ora di proprietà di Locke, contro un orso per la gioia del pubblico, armata solo di una spada di legno, prima dell’arrivo cavalleresco di Jaime che torna sui suoi passi per salvarli dagli sgherri di Bolton. E poi, l’ennesimo gioco sadico del torturatore di Theon, che lo fa sedurre da due prostitute che lo “liberano” e durante l’accoppiamento interviene castrando il povero Greyjoy. E continua la linea romantica, criticabile ma anche necessaria alla varietà dei toni, tra Jon e Ygritte sempre più vicini alla resa dei conti con l’assalto a Castello Nero e per questo sempre più innamorati (anche se i Bruti sono gelosi del rapporto “interrazziale”), come quando Jon si dice preoccupato per la fine che potrebbero fare Ygritte e la sua gente. Più lieve e sottile, almeno nei dialoghi, invece la descrizione del matrimonio futuro tra Sansa e Tyrion, con la prima afflitta che si confida a Margery che cerca di rincuorarla e il secondo alle prese con la gelosia di Shae.

game-of-thrones-the-bear-and-the-maiden-fair

Ma ciò che funziona di più, in un episodio che fatica a trovare un’identità, è il rapporto non detto ma toccante tra Jaime e Brienne, che cresce con le puntate e arricchisce il tratteggio dei personaggi, mentre interessanti – per il futuro – appaiono il dialogo tra Melisandre e Gendry e la cattura di Arya da parte del Mastino. A costo di sembrare incolti e impopolari, il problema di questa stagione è che non riesce a sfoltire la ricchezza dei libri in nome del racconto televisivo, non trova spesso la chiave giusta per stravolgere i romanzi. Mettere a fuoco ciò che conta e ciò che non, perché quando lo fa trionfa. Insomma carne al fuoco povera in questo episodio: quello che ci consola è che di solito il trittico finale regala sempre grandi soddisfazioni, come promette il promo.

Commentate la recensione e il video e restate con Screenweek.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Taylor Swift contro la serie Netflix Ginny & Georgia, ecco cosa è successo 1 Marzo 2021 - 19:59

Ginny & Georgia ha da poco fatto il suo debutto su Netflix ma ha già attirato l’attenzione di Taylor Swift e di tutti i suoi fan a causa di una battuta ritenuta sessista.

The Queen Mary: Alice Eve protagonista dell’horror di Gary Shore 1 Marzo 2021 - 19:30

Il film sarà ispirato alle storie di fantasmi che circondano l'omonimo transatlantico, "il posto più infestato al mondo"

Box Office Internazionale: Demon Slayer primo in Corea, Australia e Nuova Zelanda 1 Marzo 2021 - 19:27

Hi, Mom è il titolo di maggior incasso al box office internazionale e mondiale, mentre Demon Slayer si piazza al primo posto in Corea, Australia e Nuova Zelanda. Nuovi record in Cina e Giappone

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.