L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Diario da Cannes: Capitolo 1 – Pioggia battente e le prime rivolte dei giornalisti

Di Andrea D'Addio

cannes 2013 diario 1

La prima rivolta dei giornalisti arriva già il secondo giorno. Alle 11 del mattino è prevista la proiezione stampa del film di Sofia Coppola, The Bling Ring. La sala è la Debussy, grande, ma non quanto quel Grand Théâtre Lumière in cui normalmente vengono proiettati i film di maggiore richiamo. E difatti molti giornalisti rimangono fuori. Ci sono quattro categorie di badge a Cannes. Dall’alto verso il basso sono bianco, rosa, azzurro e giallo. Se è vero che per i gialli è sempre un terno a lotto, file che durano anche un’ora per poi vedersi rimbalzare dall’esigenza di rispettare le priorità (che vengono spesso assegnate in maniera molto discutibile), normalmente per gli azzurri, e ancora di più per i rosa, non ci sono mai grossi problemi. Ed invece questa volta è stata data priorità a gente con inviti speciali, ospiti o della produzione del film o del festival stesso che sono passati davanti a tutti. Il risultato? Grida, buu, fischi e tanta irritazione per chi è rimasto anche un’ora in fila, ma che si è visto saltato da chi è arrivato all’ultimo con un invito che, normalmente, è all’ultimo posto nella scala delle priorità.

Qualche minuto dopo la chiusura dei cancelli, molti di quei giornalisti rimasti fuori si sono recati nella sala stampa. “Almeno nel frattempo lavoriamo”. Tempo mezz’ora e, improvvisamente, tutti i computer si spengono. Blackout. Dura pochi secondi, ma tanto basta a fare perdere il lavoro di quanti stavano impaginando un pezzo online o non hanno il salvataggio automatico dei documenti durante la loro redazione. Attimi di panico, ma nessuno fiata. Si riaccendono i computer e ci si rimette al lavoro.

2013-05-15 23.04.58Tempo cinque minuti e il blackout si ripete. Dal fondo della sala parte, logicamente in italiano, un bel bestemmione. Germano Mosconi dall’alto dei cieli ringrazia per la citazione.

Piove, piove moltissimo e ininterrottamente da due giorni ed altrettanto è previsto per i prossimi sette giorni. E così, nonostante in centro Africa la pioggia si presenti con la stessa frequenza con cui, la scorsa legislatura, Gabriella Carlucci si presentava in parlamento, ad ogni angolo di Cannes c’è almeno un grande e grosso ragazzo di colore che vende ombrelli. Il prezzo viene definito dal bisogno, e così, nonostante la qualità sia palesemente bassa, ecco che, nella contrattazione, si parte dai 15 euro che propongono loro. Ieri sera abbiamo assistito a questo (assolutamente vero!) paradossale dialogo tra un venditore ed un collega siciliano (che contrattava a nome di una sua amica milanese)

-15 euro
-no, troppo facciamo 8
-10 euro
-no, troppo facciamo 7
-facciamo allora 7,50
-ti offro 3
-7
-Ok, 7

Ombrello comprato. Il siciliano a questo punto si lascia andare ad una battuta rivolto alla collega che ha appena pagato. “Lo sai che questo ombrello ha un’autonomia di 5 minuti e 40 secondi?”. Si sbagliava. Passano trenta secondi, neanche il tempo di attraversare la strada, ed una folata di vento stacca il manico lasciando l’ombrello volare via in alto come un aquilone per qualche secondo.

Sulla Croisette ciò che si nota di più quest’anno è l’assenza di poster di film. Ce ne sono solo un paio di World War Z con Brad Pitt, un paio di pupazzi di Monsters University. e poco altro. Potrebbe essere la pioggia e la voglia di non sprecare soldi per qualcosa che non svetterebbe mai sulla skyline cittadina, ma anche la crisi e l’abbassamento generale delle spese di promozione per i film potrebbero aver contribuito. Solo una cosa non scende mai ed è il prezzo dei panini nella zona del mercato: almeno 6 euro per un pò di prosciutto e mozzarella. È comunque la cosa più economica e molti alla fine soccombono sperando che qualcuno più prima che poi, si faccia vedere con il panino portato da casa e sdogani questa tanta voglia di apparire ricchi e fichetti che, data la situazione generale, è chiaramente più una facciata che altro. A Cannes, come altrove.

2013-05-16 08.33.01

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il San Diego Comic-Con@Home si terrà dal 23 al 25 luglio 1 Marzo 2021 - 22:28

Questa estate tornerà il San Diego Comic-Con@Home, l'organizzazione sta progettando un mini evento in presenza per novembre, svelate le date del 2022.

La città incantata sbarcherà a teatro, lo spettacolo sarà diretto da John Caird di Les Mis 1 Marzo 2021 - 21:39

Il regista premio Tony e Olivier John Caird dirigerà il primo spettacolo teatrale ispirato a La città incantata di Hayao Miyazaki. Debutterà nel 2022 in Giappone e potrebbe arrivare all'estero

Spike Lee racconterà New York, tra 11 settembre e Covid, in una docuserie HBO 1 Marzo 2021 - 21:30

NYC Epicenters 9/11-2021½ racconterà vent'anni di vita e battaglie nella Grande Mela

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.