World War Z – Abbiamo visto 40 minuti in anteprima, il nostro racconto

World War Z – Abbiamo visto 40 minuti in anteprima, il nostro racconto

Di laura.c


wwz 40 minuti footage

Per vedere l’opera completa bisognerà aspettare fine giugno, ma intanto il nuovo kolossal con  Brad Pitt diretto da Marc ForsterWorld War Z, comincia a svelarci qualcosa in più su di sé grazie ai 40 minuti in anteprima che sono stati presentati oggi a Roma alla stampa italiana. Si tratta in parte di scene già anticipate nei trailer, mentre di altre era già giunta descrizione dalla convention dell’industria cinematografica statunitense che si è da poco conclusa a Las Vegas, il CinemaCon. Ma anche di alcuni passaggi nuovi che possono fare un po’ di luce in più su come i realizzatori hanno deciso di adattare per il grande schermo il romanzo cult di Max Brooks.

Prima di passare alla descrizione del footage, cominciamo subito col dire che si è trattato di 40 minuti dal ritmo ultra serrato, volti esplicitamente a lasciare lo spettatore senza fiato. L’impressione, tutta però da confermare, è che ci sarà un’alternanza continua di scene plateali e di massa popolate da orde di zombie inferociti (vedi quella famosa della piramide che compare anche nel trailer), e altre più buie da horror classico, dove un’ottima gestione dello spazio disorienta lo spettatore lasciando anche lui preda delle letali creature pronte a sbucare da ogni angolo dell’inquadratura.

World War Z - Brad Pitt nella prima immagine ufficiale

Ora la descrizione, che conterrà molti dettagli della trama e che quindi vi consigliamo di non leggere nel caso non voleste rovinarvi la sorpresa.

La prima sequenza del footage, mostra Brad Pitt trasportato in barella in quello che all’inizio può sembrare un ospedale, ma anche un distretto di polizia. È ferito, e alla scena fa da sottofondo una musica mediorientaleggiante. In un secondo momento si capisce che il protagonista, Gerry Lane, è in realtà legato al suo giaciglio, come in stato di fermo, mentre due estranei lo interrogano con aria da detective sulla sua presenza su di un aereo poi precipitato (con ogni evidenza, l’aereo della sequenza che vi abbiamo descritto QUI, e che abbiamo rivisto anche nel footage). Vera chicca di oggi, è che uno di questi due potenziali investigatori, precisamente il capo, altri non è che il nostro bravo Pierfrancesco Favino, cui speriamo il film dedichi un bello spazio.  Altra possibile anticipazione, è che per come ci è stata presentata e per il modo un po’ lento ed ellittico in cui è montata, questa sequenza potrebbe benissimo essere quella di apertura: possibile che World War Z venga narrato in flashback a partire da quel momento del racconto? Per ora non ci è dato saperlo con certezza.

 wwz 40 minuti footage 2

La seconda scena presentata è quella della famiglia in macchina, allo scoppio dell’epidemia zombie nella città di Philadelphia, che tutti conoscono grazie al trailer. Su questa c’è poco da aggiungere, tranne che rispetto a qualche dubbio iniziale si capisce che le scene di massa in cui Lane, moglie e figlie sono in macchina e poi in un camper, appartengono a un’unica lunga sequenza molto ben girata, in cui si illustra per la prima volta anche il processo di zombificazione. Un processo che impiega 12 secondi per realizzarsi, e che inizialmente viene scambiato dai media per una violenta epidemia di rabbia. Come già ampiamente noto, ricordiamo che i non morti di World War Z fanno parte di quelli scattanti e veloci che si buttano sulle loro prede come animali impazziti, distruggendo ogni barriera che incontrano anche con la forza del loro incredibile numero.

Dopo uno stacco, si prosegue poi con la fuga di Lane & family su di un tetto, dove saranno tratti in salvo da un elicottero militare. Anche in questo caso, qualche anticipazione c’era già nei materiali diffusi fino a ora. Possiamo giusto dire che sicuramente ci sarà una parte non ancora mostrata tra la sequenza in strada e quella nell’edificio, in cui il personaggio di Pitt riuscirà a capire bene cosa sta affrontando e comincerà ad attrezzarsi di conseguenza. Tipo con armi modificate in modo rudimentale a mo’ di baionette e soprattutto con delle imbottiture di fortuna applicate alle braccia come fanno gli addestratori di cani, in modo da non farsi penetrare dai morsi degli zombie. Questa sequenza, girata in parte all’interno di un palazzo e illuminata solo da inquietanti luci rosse o verdognole, è da manuale, con personaggi che incespicano su scale labirintiche e il pericolo in agguato in ogni angolo.

World War Z - Screencaps dal trailer - Foto 27

Nella sequenza successiva, il protagonista è in salvo coi suoi cari su una flotta delle Nazioni Unite. Oltre a mostrare l’accettazione dell’incarico da parte di Lane, la scena è interessante perché rivela un po’ del background di questo personaggio, che si capisce non essere più impiegato presso l’ONU ma avere un passato come esperto di zone affette da gravi epidemie quali ebola e simili. Ancora più interessante però è la scena successiva, che si svolge in Corea del Sud, dove Pitt arriva scortato per indagare su quello che appare il primo caso di contagio nel mondo. Sempre qui, si rivela uno dei nodi fondamentali della trama, cioè quel quadro geopolitico che era uno dei capisaldi anche del romanzo originale. Un uomo incarcerato presso la base USA del luogo, interpretato da David Morse, svela a Pitt la traccia da seguire: il muro che Israele costruisce da anni, potrebbe non essere contro gli attacchi palestinesi ma contro un previsto pandemonio zombie. Sempre in queste scene, diventano chiare due cose: primo, come uno dei fattori di maggior attrazione per questi non morti sia il rumore; secondo, che in questo film con tutta probabilità non ci sarà un solo spostamento che non sia ad altissima tensione.

Nella sequenza successiva ci troviamo a Israele: non ci è dato sapere cos’abbia scoperto il protagonista, perché lo schermo è tutto dedicato alla presa della città da parte degli zombie, con la famosa scena della piramide e molte altre girate in spazi ampi, soleggiati e pieni di folla. In una parola, ad alto contenuto spettacolare. In scena anche il drammatico salvataggio, da parte di Lane, di una soldatessa morsa dagli zombie. Un salvataggio che, come potete immaginare, non sarà affatto indolore. Altro tassello di trama rivelato dal footage, è il collegamento tra la famosa scena ad alta quota di cui sopra, e la parte israeliana del film. Lo scatenarsi del contagio su di un aeroplano, colpisce infatti il protagonista mentre sta lasciando una Gerusalemme ormai quasi perduta, ed è probabilmente destinata a sfociare nella prima sequenza mostrata oggi in anteprima (quella con Favino, per capirci).

Se, come immaginiamo, questa descrizione ha incuriosito tanto voi quanto noi, vi ricordiamo che World War Z uscirà nelle sale americane il 21 giugno e in quelle italiane il 27 giugno. Per essere sempre aggiornati, qui potete trovare la pagina Facebook del film.

LEGGI ANCHE

Gli studios ignorano le richieste sui protocolli sull’aborto dei creatori 11 Agosto 2022 - 18:03

Disney, Netflix, AppleTV+, NBCUniversal, Amazon, Warner Bros, Discovery e AMC Networks hanno risposto alla richiesta di rettificare il piano di sicurezza sull'aborto di più di mille creatori di Hollywood.

Cenerentola: il trailer del musical Amazon con Camila Cabello 3 Agosto 2021 - 20:20

La rilettura della classica fiaba arriverà su Amazon Prime Video il 3 settembre

Anche Zendaya reciterà nel Dune di Denis Villeneuve 30 Gennaio 2019 - 22:44

La giovane attrice lanciata da Spider-Man: Homecoming raggiungerà un cast davvero stellare!

Contest Scanner – Gioca e Vinci con L’estate addosso, Pets e Alla ricerca di Dory 11 Settembre 2016 - 17:00

Ecco i migliori concorsi / contest / giveaway legati al mondo del cinema e della televisione comparsi nel web negli ultimi giorni...

Dune – Parte Due, cosa e chi dovete ricordare prima di vederlo 27 Febbraio 2024 - 11:57

Un bel ripassino dei protagonisti e delle loro storie, se è passato un po' di tempo da quando avete visto Dune.

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI