L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
The Transporter, il commento alla serie di Luc Besson

The Transporter, il commento alla serie di Luc Besson

Di emanuele.r

320_1_3

Dopo aver scorrazzato in lungo e largo per il mondo a consegnare oggetti pericolosi e rischiare la vita, Frank Martin prende vita sul piccolo schermo grazie a Luc Besson che, in co-produzione con vari paesi d’Europa e gli Stati Uniti, crea The Transporter – The Series, serie che segue gli eventi dei 3 film con Jason Statham trasmessa in Italia da Mediaset, ora in replica sul digitale terrestre dopo il passaggio su Italia 1, ovviamente in ordine casuale, quasi in contemporanea con la Francia e HBO Canada.

La serie segue le imprese di Frank Martin, un autista freelance professionista che, per il giusto prezzo, consegna ovunque qualsiasi cosa gli venga affidata, il tutto senza fare domande. Durante le sue missioni Frank segue tre regole fondamentali: mai cambiare i patti, mai fare nomi e mai aprire i pacchi. Qualunque cosa accada l’uomo cerca sempre di seguire queste regole, ma nulla va mai come dovrebbe.

taglioAlta_00179-640x510

Creata da Besson assieme allo sceneggiatore dei film, Robert Mark Kamen, The Transporter è una serie d’azione tipicamente europea per struttura e location, ispirata a Squadra speciale Cobra 11, di cui un personaggio ascolta la sigla in auto, per il tipo di azione e riprese spettacolari, che però sembra più un tv-movie di 20 anni fa che un moderno episodi seriale.

La serie sostituisce Statham con Chris Vance e ha la paludata struttura seriale: una caso seguito da inizio a fine senza rotture della consuetudine, viaggio da punto a punto b con nel mezzo inseguimenti, botte, sparatorie e ovviamente belle donne che Martin non può non portarsi a letto. Non si chiede nient’altro a una serie del genere, certo, e sequenze come quella dell’auto in bilico sul ponte nel pilot soddisfano gli appassionati.

Transporter-the-series_h_partb

Ma l’abuso di cliché è davvero oltre il limite di guardia, lo spettacolo è sotto le aspettative e non c’è molto per cui uno spettatore debba scegliere di guardare 12 mini film tutti uguali. Vance funziona, ma non è che con un ruolo del genere possa fare molto, mentre male utilizzata e forse inadeguata Andrea Osvart.

Commentate la recensione e restate con Screenweek.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Blacula: in arrivo il reboot della saga horror Blaxploitation 18 Giugno 2021 - 21:30

Il cult di William Crain tornerà in vita in una versione moderna, ambientata in una metropoli dopo la pandemia di Covid

The Witcher: Henry Cavill in un nuovo teaser della stagione 2 18 Giugno 2021 - 21:07

Henry Cavill ha condiviso su Instagram un nuovo assaggio della seconda stagione di The Witcher.

Julia Stiles debutterà alla regia con Wish You Were Here 18 Giugno 2021 - 20:45

La star della saga di Bourne e di Save the Last Dance e 10 cose che odio di te dirigerà a partire da un romanzo di Renée Carlino

800 eroi e il successo delle Termopili cinesi 18 Giugno 2021 - 10:00

800 eroi, il film di guerra che racconta una fase particolarmente sanguinosa - e surreale - della battaglia di Shanghai. La morte per una speranza, in mezzo agli stranieri che fanno da pubblico.

Loki: ma quindi chi è la Variante e perché è così importante? 17 Giugno 2021 - 17:01

Chi è realmente il personaggio che appare nel secondo episodio di Loki? (Spoiler alert, ovvio)

Luca, la recensione (senza spoiler) del nuovo film Pixar 16 Giugno 2021 - 18:00

Luca e la vacanza di Pixar in Italia: un'estate al mare, in compagnia di amici, nemici e di una grande speranza per tutti.