World War Z – Brad Pitt e Marc Foster parlano delle differenze tra il film e il romanzo e della scena girata a Budapest

World War Z – Brad Pitt e Marc Foster parlano delle differenze tra il film e il romanzo e della scena girata a Budapest

Di Marlen Vazzoler

Negli studi di Los Angeles della Paramount, la scorsa settimana è stato mostrato in esclusiva ad alcuni giornalisti del girato di World War Z, il film interpretato da Brad Pitt, basato sull’omonimo romanzo di Max Brooks, seguito da un Q&A con il regista Marc Foster.
Ecco la descrizione del girato, che riprende alcune scene mostrate nei due trailer. Attenzione spoiler:

“Il Gerry Lane di Pitt, insieme alla moglie Karen (Mireille Enos) e alle due figlie sono intrappolati in un’ondata di terrore quando l’epidemia di zombie colpisce Philadelphia nel bel mezzo dell’ora di punta. Nel filmato che abbiamo visto, ci si rende conto perché un poliziotto moto è schiacciato da un camion della spazzatura in fuga (con un zombie al volante!).
Il caos si espande rapidamente mentre delle creature apparentemente inarrestabili scorrazzano, saltano e cominciano a far fuori la gente urlante e schiacciandola nei veicoli come se fossero degli animali selvatici. Un motivo efficace è l’uso di un giocattolo per bambini, caduto, che conta alla rovescia in un modo divertente, che riflette gli oscuri 12 secondi necessari per qualcuno che è stato morso per trasformarsi in uno zombi dagli occhi inquietanti.
Taglio all’interno di una portaerei, a Gerry viene ordinato di dare una mano nella crescente crisi globale. Lui esita, la sua attenzione è sulla sua famiglia, ma gli viene dato un ultimatum a freddo: dare una mano o sua moglie e i suoi figli non potranno rimanere a bordo e fare affidamento sulla relativa sicurezza della nave. A malincuore (o, diciamo la verità, non ci sarebbe altrimenti un film che gira per il mondo) Lane accetta.
Uno dei suoi porti di scalo è Israele, dove la città ha costruito un gigantesco muro di protezione sulla sollecitazione di uno dei suoi funzionari che spiega il concetto del decimo uomo – in cui ogni idea, non importa quanto apparentemente folle, deve essere considerata anche quando nove persona che appartengono all’autorità l’hanno esclusa. Dopo aver sentito delle chiacchiere provenienti dalla Cina sugli zombie, la città è andata in isolamento completo, ma sta ancora ammettendo i sopravvissuti.
Poi lo sciame – non c’è davvero nessuna parola migliore per [descrivere] il modo in cui questi zombie agiscono in questa scena – comincia a rompere il muro e Lane viene portato rapidamente attraverso i tunnel e le catacombe, verso un elicottero in attesa… Ma non prima di incappare in altri non morti. C’è un momento in particolare, nonostante il rating PG-13, che vi farà battere ciglio. Coinvolge un braccio, ma non diremo di più”.

Naturalmente al Q&A è stato chiesto a Foster di commentare le voci sui problemi che hanno colpito la produzione, ma le ha prontamente negate:

“Non direi che è stata una produzione affrettata, non è il modo giusto per definirla. Stavamo sviluppando la sceneggiatura e quando si sta producendo un film su vasta scala da zero, su queste produzioni non si è mai del tutto preparati, perché si può preparare il film per un anno e ancora farsi venire in mente delle cose.
Non c’è mai abbastanza tempo per preparazione qualcosa su quella scala. Siamo entrati lì ed eravamo preparati. Abbiamo finito il film in tempo, non siamo andati oltre il calendario, questo è un segno per me che eravamo in tempo, in questo senso, e di solito è un segno che le cose sono fuori controllo. Abbiamo ricreato il finale, ma tutto il resto ha funzionato”.

Foster ha poi spiegato che questo momento di cambiamento, è un ottimo momento per raccontare un’altra storia sugli zombie:

“I film sugli zombie sembrano diventare popolari nei momento in cui c’è un cambiamento. Negli anni ’70 quando erano popolari, era un momento di cambiamento e adesso è la stessa cosa. Tante cose stanno cambiando nel mondo e penso che questo sia il motivo per cui le persone sono attratte dai film sugli zombie. Quindi, qualsiasi cosa possa essere questo cambiamento, ci sono segni ovunque e sono un ottimista e spero che sarà un cambiamento positivo. Ma ancora… il cambiamento può essere spaventoso!”.

Come abbiamo visto nel trailer, nel film compaiono degli zombie molto veloci, a differenza dei zombie lenti presenti nel romanzo originale. Ma questo non è stato l’unico cambiamento apportato nel film. La zombieficazione di un infetto avviene in appena 12 secondi. Foster ha spiegato che questa è stata una scelta narrativa necessaria.

“Ne abbiamo discusso a lungo e ho deciso che per motivi drammatici, abbiamo deciso che [doveva accadere in] 12 secondi. Vedrete nel film, che in diverse parti del mondo, a volte ci vuole un po’ di più [di tempo], è stato un numero che abbiamo percepito fosse la quantità necessaria per una narrazione drammatica”.

Il protagonista Brad Pitt, parlando invece con Entertainment Weekly, ha spiegato come i cambiamenti apportati, rispetto al libro, hanno una base scientifica.

“Il libro è incentrato sui zombie lenti. Abbiamo scelto di essere più dinamici, e abbiamo voluto basare tutto questo sulla scienza. Quindi ‘Se li facessimo muovere come delle formiche? O uno sciame di api? O uccelli o un banco di pesci che vengono inseguiti?’ Una delle prime [domande] che ci siamo chiesti era come rappresentare gli zombie e come farlo in modo diverso, perché sono stati rappresentati così tante volte e sono stati fatti dannatamente bene”.

L’attore ha anche anticipato, che la scena girata a Budapest, non verrà usata nel film.

“A quel tempo ero davvero interessato a un film più politico, usando il motivo degli zombie come una sorta di cavallo di Troia per chiedere: ‘Che cosa accadrebbe a livello socio-politico se ci fosse una pandemia come questa? Chi sarebbe in cima? Quali sarebbero i paesi potenti e quali sarebbe i più vulnerabili? Volevamo esplorare questo, ma era davvero troppo. Ci siamo impantanati, c’era troppo da spiegare. Sventrava il divertimento che questi film dovrebbero avere”.

Nel cast ci sono anche James Badge DaleJulia Levy-BoekenAnthony MackieDavid Morse e Matthew FoxWorld War Z uscirà nelle sale americane il 21 giugno e in quelle italiana il 27 giugno. Per essere sempre aggiornati, Qui potete trovare la pagina Fecebook del film.

Fonti Empire, The Playlist

LEGGI ANCHE

Jamie Foxx accusato di molestie sessuali a New York 23 Novembre 2023 - 10:00

L'attore è stato citato in giudizio per un caso di molestie di cui sarebbe stato protagonista a New York nel 2015

Home Education – Le Regole del Male in anteprima al Fantasticon, ci saranno Andrea Niada e Rocco Fasano 22 Novembre 2023 - 19:52

Home Education - Le Regole del Male sarà presentato in anteprima al Fantasticon, alla proiezione parteciperanno Andrea Niada e Rocco Fasano.

Angoulême 2024: Annunciati i primi ospiti, le mostre e le novità della 51a edizione 18 Novembre 2023 - 14:00

Dai vincitori dei Premi Goscinny alle mostre del Festival International de la Bande Dessinnéè d’Angoulême, agli annunci delle presenze di Hiroaki Samura, Moto Hagio, Shin'ichi Sakamoto e Rintarô.

Friends: anche Lisa Kudrow e Courteney Cox ricordano Matthew Perry 16 Novembre 2023 - 12:43

Anche Lisa Kudrow e Courteney Cox hanno pubblicato sui social i loro tributi a Matthew Perry, scomparso improvvisamente lo scorso 28 ottobre.

Justice League, la serie animata: i miei episodi preferiti 5 Dicembre 2023 - 12:50

I nostri episodi preferiti della prima stagione di Justice League, la serie animata, disponibile su Netflix.

Daisuke Jigen, il film: il Jigen di Lupin III come Léon 28 Novembre 2023 - 9:05

Le nostre impressioni sul film in solitaria di Jigen, il pistolero di Lupin III, disponibile su Prime Video.

Scott Pilgrim – La serie: non è lo Scott Pilgrim che conoscete 27 Novembre 2023 - 8:20

La serie animata Netflix riscrive la storia di Scott Pilgrim del fumetto e del film live action, con risultati sorprendenti.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI