L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Gli amanti passeggeri, la recensione in anteprima

Di emanuele.r

A sentirselo ripetere per anni, spesso a torto, che le sue vecchie commedie erano più vitali, probabilmente ci ha creduto anche lui: così Pedro Almodòvar, dopo il bellissimo e incompreso La pelle che abito, torna alla commedia trasgressiva che lo fece conoscere nel mondo con Gli amanti passeggeri cercando di dirigerla col suo nuovo controllo formale.

Tutto o quasi si svolge in un aereo avariato, che non avendo un carrello, deve girare in tondo in attesa di un atterraggio di fortuna: sul velivolo vari personaggi e le loro storie, capeggiati da una crew particolarmente inusuale. Scritto come sempre dallo stesso Almodòvar, Gli amanti passeggeri sembra la versione farsesca di un film della serie Airport che al colore e alle estrosità sessuali tipiche dell’Almodòvar fino agli anni ’90 aggiunge il tocco stilistico e la vena melodrammatica del 21° secolo.

Aperto dalla dicitura “I fatti raccontati in questo film sono d’invenzione e non c’è alcun legame con fatti reali”, il film sembrerebbe fin da questo incipit – e dagli iniziali cameo di Antonio Banderas e Penelope Cruz – una satira o una metafora della Spagna attuale, aereo sciancato retto da pazzi, ma minato da scandali, assassini, truffatori che solo il sesso, seppure al sapor di mescalina, può liberare. Esattamente come la Spagna si liberò da Franco 30 anni fa. Al di là di questa lettura che se non forzata è senz’altro un po’ velleitaria, il film è un divertissement con cui Almodòvar rispolvera le gioie del sesso e della libertà contrapposte alle prigioni del cuore e del sentimento, in cui il colore ostentato, l’esternazione dell’identità gay e promiscua (“I musical hanno ucciso il vero cabaret”), l’umorismo sguaiato la fanno da padroni.

Certo gli inciampi, le sbavature, le grevità non mancano, anzi fanno parte del gioco e forse al regista si può imputare che la sua mano per la farsa si sia un po’ arrugginita. Ma agli Amanti passeggeri non mancano i momenti di gran gusto comico e le svolte narrative e i cambi di registro inattesi, che il cast rende efficaci grazie soprattutto alle trascinanti prove del solito Javier Càmara e della sensuale, nonostante l’età, Cecilia Roth. Gli amanti passeggeri è un film che come l’aereo in cui si svolge, sbanda e mostra quasi orgoglioso le sue avarie, ma che riesce anche ad atterrare e a far sorridere.

Commentate la recensione e restate con Screenweek.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Division: Rawson Marshall Thurber dirigerà l’adattamento del videogame per Netflix 26 Febbraio 2021 - 11:30

Il regista di Red Notice è stato scelto per sostituire David Leitch, che rimarrà a bordo come produttore

Titans 3 – Ecco Damaris Lewis con il costume di Blackfire 26 Febbraio 2021 - 10:45

HBO Max ha svelato le prime immagini che ritraggono Damaris Lewis con il costume di Blackfire nella terza stagione di Titans.

Tutti i film horror in tv dal 26 febbraio al 4 marzo 26 Febbraio 2021 - 10:13

ScreenWEEK è qui per proporvi una settimana all’insegna del brivido! Ecco la programmazione completa dei film horror in arrivo sul piccolo schermo nei prossimi sette giorni.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.