L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Quattro notti di uno straniero, la recensione del film di Fabrizio Ferraro

Di Filippo Magnifico

Quattro notti di uno straniero foto dal film 3

Quello tra forma e sostanza è un connubio fondamentale, soprattutto nel mondo del cinema. Si tratta di due componenti che in un film devono essere dosate sapientemente, facendo in modo che siano in grado di compensarsi senza cercare di prevalere l’una sull’altra. Quando è la prima ad avere la meglio il risultato porta inevitabilmente a quella ridondanza tipica dello sterile esercizio di stile.

Con Penultimo paesaggio Fabrizio Ferraro era già andato incontro a questo rischio, confezionando un’opera tanto suggestiva dal punto di vista visivo quanto distaccata e fredda. Quattro notti di uno straniero, secondo capitolo di un dittico ambientato in Francia, prosegue quella strada, andando oltre e portando all’esasperazione quell’autorialità compiaciuta che aveva contribuito in maniera determinante al quasi fallimento della precedente pellicola.

Quattro notti di uno straniero foto dal film 2

Anche in questo caso abbiamo un uomo e una donna, protagonisti di una “storia d’amore” che trae la sua ispirazione dalle Notti Bianche di Dostoevskij. L’incomunicabilità e l’im-possibile contatto tornano a farla da padrone all’interno di un’opera avvolta da un suggestivo bianco e nero e caratterizzata da momenti di silenzio dilatati all’inverosimile. Seguiamo i protagonisti Marco Teti e Caterina Gueli Rojo mentre camminano per le strade di una Parigi quasi muta, il più delle volte inquadrati di spalle, pedinati da una telecamera che sembra voler mantenere le distanze da loro.

Molto probabilmente quella lontananza tra spettatore e storia, che si nota a partire dalla prima inquadratura, è voluta e da un certo punto di vista si potrebbe anche definire coerente con lo spirito intero di quest’opera e del dittico di cui fa parte. Resta il fatto che una scelta simile non aiuta questa pellicola, in alcun modo.

Vi ricordiamo che Quattro notti di uno straniero sarà in programmazione al Cinema Aquila di Roma a partire dal 14 febbraio. Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.cinemaaquila.com.

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Castlevania – Prime immagini della stagione 4 28 Novembre 2020 - 19:38

Trevor Belmont e Sypha Benades raffigurati nelle prime immagini della quarta stagione della serie animata Castlevania, prossimamente su Netflix

Soul – La nuova featurette celebra l’idea di comunità 28 Novembre 2020 - 18:00

La nuova featurette di Soul - da Natale su Disney+ - contiene svariate scene inedite, e celebra l'importanza della comunità in cui Joe è cresciuto.

Hawkeye – Le riprese dalla prossima settimana a New York 28 Novembre 2020 - 17:00

A Brooklyn sono apparsi dei cartelli che annunciano l'inizio delle riprese in esterni di Hawkeye a partire da mercoledì 2 dicembre.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.