Condividi su

04 febbraio 2013 • 09:06 • Scritto da Leotruman

Lincoln vola in testa nel weekend e supera Django Unchained (che sfiora i 10 milioni)!

È Lincoln di Steven Spielberg il vincitore del weekend, che vola oltre i 4 milioni di euro totali superando Django Unchained di Tarantino (ad un passo dai 10 milioni). The Impossible si conferma la migliore nuova uscita del weekend, mentre seguono Looper e Les Misérables. Flop per The Last Stand con Schwarzenegger.
Post Image
16

Con la valanga di pellicole in sala ci si aspettava incassi complessivamente più elevati dalla classifica italiana, che ha raccolto circa 9.4 milioni di euro negli ultimi quattro giorni. Il dato è tuttavia inferiore solo dell’1% rispetto allo scorso anno, quando dominava Benvenuti al Nord.

Le sorprese del fine settimana sono poche, ma tra queste vi è senza dubbio Lincoln di Steven Spielberg. La pellicola candidata a 12 premi Oscar, dopo l’ottimo esordio da 2 milioni della scorsa settimana, ne ha approfittato per salire in vetta alla classifica e superare Django: ben 1.54 milioni l’incasso del weekend (media 3.400 euro in oltre 400 sale), in calo solamente del 25% rispetto allo scorso. Il totale dopo 11 giorni schizza oltre quota 4.1 milioni e pare proprio che continuerà a raccogliere anche nelle prossime settimane avvicinandoci verso gli Oscar. Tra l’altro Spielberg era molto tempo che in Italia non raggiungeva cifre simili con una pellicola non action.

Sarà stato anche detronizzato, ma  Django Unchained, il western scritto e diretto da Quentin Tarantino, non si lamenta visto che ieri ha raggiunto i 9.6 milioni di euro in totale! Altri 1.5 milioni incassati nel fine settimana (media 3.400 euro), in calo del 40 % circa, e il film ha già superato il precedente successo di Tarantino, Bastardi senza Gloria, che si era “accontentato” tre anni fa di 9.3 milioni.

La miglior nuova uscita del fine settimana è stata The Impossible, la pellicola diretta dal giovane regista spagnolo Juan Antonio Bayona e ambientata durante la tragedia dello tsunami che colpì il Sud-est asiatico nel 2004 (con Ewan McGregor e Naomi Watts). L’incasso del weekend è stato di 1.27 milioni di euro, con la miglior media per sala della classifica: circa 4.500 euro. Nel mondo la pellicola ha già incassato quasi 150 milioni, ma negli USA è stata un flop con solamente 15 milioni raccolti. Flight di Robert Zemeckis invece scende al quarto posto con un calo contenuto rispetto all’esordio: l’incasso è stato di 835mila euro, per un totale di oltre 2.5 milioni in 11 giorni.

Proseguendo troviamo due nuove pellicole di diverso genere e target, uscite nello stesso numero di sale e che hanno fatto registrare incassi simili. Looper, il thriller fantascientifico diretto da Rian Johnson e con protagonisti Joseph Gordon-Levitt e Bruce Wills è riuscito a raccogliere 723mila euro nel weekend, con una media di 2.600 euro, mentre Les Miserables, il musical che ha vinto 3 Golden Globes e ha 8 nomination agli Oscar, si è posizionato poco sotto con 720mila euro (media 2.500 euro per sala, circa 280). A causa della diversa durata Looper ha avuto però una media di 3 spettacoli al giorno, contro i 2.45 di Les Misérables (e i 3.24 di The Impossible). Aspettiamo qualche giorno per dare un’occhiata a passaparola e tenuta per entrambe le pellicole uscite in questo sovraffollato fine settimana.

Si ripete invece il flop americano anche nel nostro paese per  The Last Standil film d’azione diretto dal coreano Ji-woon Kim che segna il ritorno di Arnold Schwarzenegger come protagonista a dieci anni di distanza da Terminator 3 – Le Macchine Ribelli. Solo 344mila euro raccolti nel fine settimana, con la media più bassa dell’intera top-ten (solo 1.100). È la fine di Schwarzy come protagonista assoluto?

Pazze di Me di Fausto Brizzi cala del 45% e incassa altri 526mila euro, per un totale di 1.6 milioni in 11 giorni. Supera invece gli 8 milioni di euro La Migliore Offerta di Giuseppe Tornatore, che è riuscito ad aggiungere altri 382mila euro nel fine settimana.

Ottimo risultato per Quartet, la pellicola diretta da Dustin Hoffmann con Maggie Smith: incasso in crescita del 6% e altri 329mila euro incassati, con l’ottima media per sala di 3.300 euro (solamente 88 le copie a disposizione). Ghost Movie raggiunge i 3 milioni totali e può ritenersi più che soddisfatto.

Cosa succederà il prossimo fine settimana con Zero Dark Thirty, Warm Bodies, Broken City e Re della Terra Selvaggia?

Cliccate MI PIACE sulla nostra PAGINA FACEBOOK: troverete aggiornamenti costanti sugli incassi nei prossimi, come sempre anche nella nostra sezione dedicata al Boxoffice e sulla bacheca della nostra Box Office Cup!

Condividi su

16 commenti a “Lincoln vola in testa nel weekend e supera Django Unchained (che sfiora i 10 milioni)!

  1. Spielberg ritorna al top: con Lincoln conquista anche il pubblico e la critica italiani, cosa che mi rende molto felice!!
    Tarantino perde di poco la vetta, ma i risultati di Django Unchained sono più che soddisfacenti!
    Les Misérables era molto atteso anche da noi, peccato che non abbia incassato di più: è un musical straordinario che merita assolutamente la visione e soprattutto l’ascolto!
    Finalmente il prossimo weekend usciranno Zero Dark Thirty e Re delle terre selvagge: la maratona Oscar prosegue!!

  2. “Pazze di me”,nonostante una pessima distribuzione che ha fatto uscire il film,in mezzo a una valanga di Kolossal americani,candidati all’Oscar e una scarsa promozione,sono sicura che si rifarà alla distanza!E’ una commedia deliziosa e originale,che per due ore regala contagiosa allegria… Senza volgarità e battute pecoreccie! E con un cast di donne ,esilarante! L’unico “difetto”del film,è quello di non aver valorizzato al massimo,l’esplosivo talento comico della Goggi!Mandelli se la cava,ma se il film fosse stato costruito su un’attrice strepitosa come la Goggi,sarebbe stata tutta un’altra storia…

  3. Il vero scandalo è aver snobbato The Last Stand e, in parte, Looper. Invece non mi spiego come mai sia piaciuto così tanto Lincoln, film decisamente pesante e destinato più che altro a un pubblico americano, evidentemente il nome di Spielberg ha fatto la sua parte. Intanto dall’altra parte dell’Oceano si registrano risultati vergognosi che non mi va neanche di commentare…

  4. Se in italia è morto Brizzi, in america sono morti cinematograficamente Swarzy e Stallone, Bullett to the head e last stand a picco…

  5. @Giovi 88: Looper secondo me si sta difendendo benino, per un film di fantascienza. In quanto a Lincoln, mi sembra ovvio che, pur raccontando un vicenda americana, tocchi un tema universale e sempre attuale (purtroppo) come quello dell’uguaglianza… e poi Day Lewis da solo vale il prezzo del biglietto (ovviamente non doppiato da Favino ne vale almeno due!).
    Quali sono i risultati americani vergognosi a cui ti riferisci?

  6. @Anna Maria: al di là del fatto che il film ti sia piaciuto, non puoi non renderti conto di quanto stia andando male. Un film che al secondo weekend cala del 45% NON si rifarà sulla lunga distanza perché il passaparola non è buono. Queste non sono opinioni, sono dati numerici concreti che bisogna saper leggere.

  7. Giovi forse si riferisce a Warm Bodies per “risultati vergognosi”, credo per lo meno 🙂

  8. Ovvio che mi riferisco a Warm Bodies, ormai questo cinema di stampo adolescenziale sta soppiantando tutto il resto. E mi dispiace molto per Schwarzy e Stallone che avevano trovato dei film interessanti (girati da ottimi registi), che erano in grado di far ripartire il buon vecchio cinema di azione, ma evidentemente il pubblico non li vuole più. O meglio il pubblico li preferisce tutti assieme come ne I Mercenari, film che comunque non ha brillato in Usa. E non è solo discorso di età perché anche Statham ha recentemente floppato. Per non parlare di K.Urban con Dredd (che ha in comune il rated R con gli altri). E ora tocca a Bruce Willis, che a differenza degli altri punta su un suo mitico personaggio, riuscirà a invertire la tendenza che sta avvelenando l’America?

  9. “Nuovo cinema paradiso”secondo quello che ha raccontato Tornatore,quando uscì la prima volta nelle sale ,fu un mega flop…poi fu accorciato di oltre 20 minuti e di nuovo rimesso in circolazione e di nuovo toppò!Fu rimesso nelle sale per la terza volta e fu un trionfo,arrivando adirittura a conquistare l’Oscar!Questa è la prova che non sempre un film,anche per una serie di circostanze,va secondo le attese…chi non ama il genere ,può anche dire che “Pazze di me”è una schifezza e che Brizzi è “un cane “come regista!Chi invece si intende di commedia all’italiana,non può non riconoscere che è uno dei film più divertenti e originali visti al cinema ultimamente…Per quanto riguarda i “dati che bisogna saper leggere”cosa dovremmo dire del pluri pompato “Le Miserables”che ha incassato nella prima settimana ,solo 720 mila euro?

  10. @Anna Maria: de “I miserabili” dovremmo infatti dire che non sta andando bene. Comunque stai sicura che Brizzi è un disastro al botteghino anche senza fare confronti con altri film 🙂

  11. Ci sarebbero molte cose da dire su Les Miserables, tipo che è un musical e che dura molto di più di quella schifezza propinataci in 500 e più sale

  12. Giusta precisazione. Io ieri parlavo di film snobbati ingiustamente come The Last Stand, ma va anche detto che ci sono stati dei film pompati oltre ogni limite come Les Miserables. Nel suo caso sono contento che abbia floppato, o meglio che abbia raccolto molto di meno di quanto ci si aspettasse.

  13. Io sono ancora spiaciuto per l’esordio molto sotto le aspettative di Les Misérables: improbabile che recuperi terreno, ma non impossibile.
    Parlando di quest’ultima parola, spero di riuscire a vedere il film con Naomi Watts questo weekend.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *