Condividi su

11 febbraio 2013 • 09:08 • Scritto da Leotruman

BoxOffice – Warm Bodies vince un deludente weekend, nessun film supera il milione!

Nessun film ha superato il milione di euro nel weekend da quattro giorni, nessuna pellicola della top-ten ha raggiunto i 3mila euro di media per sala. Questo il biglietto da visita di uno dei più tristi weekend cinematografici degli ultimi mesi, vinto da Warm Bodies con meno di 900mila euro. Re Della Terra Selvaggia brilla invece con sole 24 sale a disposizione.
Post Image
11

Warm Bodies Nicholas Hoult foto dal film 2

È stato un fine settimana a dir poco deludente per il botteghino italiano. Gli incassi complessivi sono inferiori di oltre il 20% rispetto allo stesso weekend del 2012, ma il vero dato preoccupante è che nessuna pellicola in sala (esordienti e non) è riuscita a superare il milione di euro nei quattro giorni, o raggiungere una media per sala di almeno 3mila euro (solo Re della Terra Selvaggia ci è riuscito), qualcosa che normalmente vediamo solo d’estate. Tra l’altro l’offerta cinematografica era particolarmente varia, con pellicole per ogni genere e gusto.

Warm Bodies, la trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Isaac Marion diretta da Jonathan Levine e con Nicholas Hoult, vince questo triste weekend con solamente 898mila euro, e una media di 2.500 euro per sala (parliamo sempre di 4 giorni). Nella giornata di ieri è pure calato al terzo posto con solamente 315mila euro raccolti, segno di un passaparola già non particolarmente esaltante.

Perde il 34% e rimane in seconda posizione il drammatico The Impossibleil film ambientato durante lo tsunami del 2004, salito in testa alla classifica nella giornata di ieri. Altri 855mila euro per la pellicola, con una media di 2800 euro, la migliore della top-ten insieme a Zero Dark Thirty. Il totale è di 2.5 milioni di euro dopo 11 giorni, mentre quello di Lincoln di Steven Spielberg, sfonda il muro dei 5 milioni (5.2 milioni per la precisione) grazie agli 800mila euro incassati negli ultimi giorni.

Django Unchained di Quentin Tarantino scende al quarto posto ma aveva il potenziale di ritornare anche in testa alla classifica alla sua quarta settimana di programmazione: ha raccolto infatti 785mila euro, un dato non lontano da Warm Bodies, che permette al western di sfiorare gli 11 milioni di euro in totale, il miglior incasso di inizio 2013.

Proseguendo troviamo tre esordienti. Il thriller Broken City, che ha per protagonisti Mark Wahlberg (anche produttore), Russell Crowe e Catherine Zeta-Jones, incassa 605mila euro (media 2200 euro), poco più della commedia italiana Studio Illegale, con protagonista il comico Fabio Volo, che non supera i 598mila euro (media 1700 euro!). Insieme a The Impossible, la miglior media della top-ten (2800 euro) l’ha fatta registrare Zero Dark Thirty, la pellicola diretta dal premio Oscar Kathryn Bigelow sulla caccia a Bin Laden, che però ha raccolto 539mila euro.

Il musical Les Miserables regge e perde il 30%, incassando altri 487mila euro (totale 1.41 milioni), mentre Flight supera i 3 milioni. 11esima posizione per il cartoon in 3D Zambezia, con una media disastrosa di 1100 euro ed un incasso di 257mila euro. Cirque Du Soleil – Mondi Lontani non è distante con 152mila euro raccolti in un centinaio di cinema.

Concludiamo con un piccolo raggio di speranza. Re della terra selvaggial’acclamata pellicola (Sundance, Cannes) nominata a 4 Oscar (la piccola Quvenzhané Wallis è candidata come Miglior Attrice) in sole 27 copie ha fatto registrare la miglior media per sala della classifica (4700 euro), per un incasso di 128mila euro. Niente di sconvolgente, ma ci basta così.

Quali sono secondo voi i motivi che hanno tenuto lontano il pubblico italiano dalle sale in questo weekend dalla ricca offerta? Il prezzo del biglietto, in particolare di sabato e domenica, inizia ad essere un importante deterrente?

Cliccate MI PIACE sulla nostra PAGINA FACEBOOK: troverete aggiornamenti costanti sugli incassi nei prossimi, come sempre anche nella nostra sezione dedicata al Boxoffice e sulla bacheca della nostra Box Office Cup!

 

Condividi su

11 commenti a “BoxOffice – Warm Bodies vince un deludente weekend, nessun film supera il milione!

  1. i motivi possono essere tanti: troppi film che escono ogni settimana (7/8) (altrove ne escono 3-4, america compresa), prezzo elevato del biglietto, pochi soldi in circolazione, offerta abbastanza scarsa da parte del cinema italiano (a parte pochi rari casi). riuscirà chi si occupa di cinema in italia (in tutti i sensi) a imparare qualcosa da quanto accade sotto i nostri occhi in questo momento? io lo spero.

  2. Secondo i dati pubblicati pochi giorni fa, eccetto Germania e UK il pubblico è calato ovunque in Europa, e i paesi dove è calato più sono Spagna e Italia, guarda caso quelli dove si è sentita maggiormente la crisi economica. Non illudiamoci, sarà un pessimo 2013 per il cinema, d’altronde se tutti i settori economici hanno segno negativo perché il cinema dovrebbe fare eccezione?

  3. se non sapessi che siamo a febbraio direi che sembra un weekend da giugno inoltrato, numeri bassissimi … ! :S

  4. secondo me . Francesco Falciani . hanno incassato meno ..perchè c’è il Carnevale di mezzo . secondo me la settimana prossima per me fare meglio warm bodies . perchè certi bimbiminkia in questo fine settimana sono diverti al carnevale ok .

  5. les miserables disastroso, peggiore media per sala della top10 con appena 1.630 euro! peggiore persino di studio illegale con fabio volo. che disastro… e in questi articoli parlate di “buona tenuta”! dai siate leali. O.o
    pazze di me non è arrivato neppure a due milioni (fermo a 1,9) … “povero” brizzi … ahahah come ci godo.
    il carnevale non c’ entra proprio nulla.

  6. il carnevale centra per come i chimati vuoi i Bambiniminkia . Sabato o Domenica che uscivano tra il carnevale o Warm Bodies . uscivano pe divertisi e quidi il carnevale ha vinto in questo fine settimana .secondo me la settimana Prossima recupera qualcosina grazie ad bimbimikia che ci fanno dopo sono sicuro al 100% .Warm Bodies . che riempirano le sale di questo film .

  7. Secondo me il freddo e la febbre e l’influenza, potrebbero anche esse essere cause… o No??? :o)

  8. Concordo con federico. Non centra il carnevale. La questione è che per me fare questa sorta di film detti “post Twilight” economicamente è poco producente in quanto i fan di Twilight rimarranno fedeli all’originale e i cosiddetti bimbiminkia non saranno particolarmente attirati da un film che non ha un franchise alle spalle e che non ha avuto una pubblicità massacrante.

  9. The Impossible (visto ieri: bellissimo, Naomi Watts è straordinaria) non rimane in 2a posizione, ma sale di una posizione rispetto al weekend scorso.
    Spero che l’elevatissima media per sala spinga i distributori ad ampliare le sale per il fantastico Re della terra selvaggia.
    Contento che Django, Lincoln e Les Mis stiano reggendo bene, in attesa degli Oscar fra 13 giorni: risultati straordinari per il 1°, ottimi per il 2° e spero in maggiore crescita per il 3°.

  10. Il carnevale puo’ aver influito anche pesantemente. Non conosco il meteo del weekend scorso, ma se dovesse essere stato generalmente “bello”, sicuramente l’influenza sugli incassi ci sarà stata.
    Sul breve periodo e sulla scelta singola i fattori esterni influiscono pesantemente. Basta vedere le differenze dettate dal clima: dati weeekend sole, dati weeekend pioggia oppure quanto influisce la presenza o meno del campionato di calcio. Questo perchè ci si dimentica sempre che comuque al di là della qualità dei prodotti in sala il cinema in italia, nella maggior parte dei casi, è percepito come un divertimento di “seconda scelta”
    Vorrei anche dire qualcosa sul Prezzo del biglietto.
    Il prezzo pieno del biglietto(quello senza nessuna tipologia di sconti) secondo me è un falso problema, se si pensa che nel peggiore dei casi in italia il biglietto a prezzo pieno costa 8,5 euro mentre in Francia si arriva anche a 12 euro.
    In italia quindi il biglieto costa il 70% rispetto al prezzo francese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *