L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Host – Stephenie Meyer, Andrew Niccol e il cast parlano dell’adattamento del libro e del possibile sequel [spoiler]

Di Marlen Vazzoler

Dopo la saga di Twilight, il prossimo libro di Stephenie Meyer ad essere adattato per il grande schermo è L’ospite, diretto da Andrew Niccol. Chi ha letto il libro, sa che la struttura di questo romanzo presenta quella che può essere considerata una grossa difficoltà per l’adattamento cinematografico, ovvero la trasposizione delle scene in cui la protagonista Melanie Stryder parla all’interno della propria testa con l’aliena che ha occupato il suo corpo, Wanda.
L’autrice del romanzo ha confermato, parlando con THR, che questa situazione ha causato diversi dubbi a chi era coinvolto nel film.

“Tanta gente ha avuto delle difficoltà con questa parte. Credo che le uniche tre persone che non si sono mai preoccupate eravamo io, Nick Wechsler, il produttore, e Andrew Niccol, il regista, perché tutti erano, ‘No, è ovvio, del tutto evidente. Hai solo bisogno di avere l’attrice più brillante al mondo, e non avrai alcun un problema’. E l’abbiamo ottenuta, quindi siamo stati davvero fortunati. Saoirse è incredibile. Quando si dispone di una attrice di quel calibro, specialmente quando non tutti sanno chi è ancora, penso che sorprenderà la gente”.

Da parte sua Niccol ha spiegato come ha affrontato queste scene.

“Un sacco di gente ha detto che non si potevano fare, ma ho pensato, ‘In un certo senso, mi piace l’idea’. Naturalmente, nel libro, è facile scrivere sulla carta, ma i personaggi – stai ascoltando i pensieri di entrambe. Per renderlo più cinematografico, ho fatto parlare Viandante, e immediatamente è tutto migliorato, a mio avviso, dal punto di vista cinematografico”.

Prima di cominciare a girare, Niccol ha fatto registrare alla Ronan tutti i dialoghi di Melanie, il suo personaggio umano, che l’attrice poteva ascoltare in un auricolare, mentre recitava la parte di Wanda.

“Le ho fatto sentire la sua voce in modo che potesse avere una conversazione con se stessa. Nessun altro la poteva sentire sul set, nessuno degli altri attori, nessuno della troupe poteva sentirla. Così mentre l’ascoltavo, Saoirse riusciva a sentirsi, e alcune delle intense conversazioni che aveva con se stessa, erano come delle lotte disperate. È un’attrice fenomenale, perché interpreta due americane, due accenti americani – uno è Melanie, che è più del sud, e poi c’è Viandante. Naturalmente, Saoirse è irlandese, ed è incredibile come cambia con facilità. William Hurt l’ha sentita ed è rimasto colpito da lei”.

Niccol ha aggiunto che quando sentiremo la voce di Melanie, sarà come sentire la propria voce stranita, quando si tengono le orecchie sott’acqua dentro una vasca da bagno.
Ma per il regista la scena più difficile da adattare, è stata quella del campo di grano.

“Perché è così difficile creare qualcosa su quella scala. È letteralmente un campo di grano in una grotta, quindi logisticamente, realizzarlo era una cosa enorme. [Il bagno è] letteralmente un fiume in una grotta. È stata un’importante prodezza ingegneristica. Abbiamo dovuto pompare litri e litri d’acqua al minuto per versarla nello stesso modo. È stato facile mettere sulla carta una grotta, ma la sua creazione – un’altra cosa”.

Per la creazione della grotta e di altri elementi presenti nel film, sono stati usati per la maggior parte effetti speciali pratici, la computer grafica invece è stati usata per elementi per lo più estetici.
La Meyer ha lavorato a The Host nelle vesti di produttrice, durante le riprese ha fornito le sue opinioni su qualsiasi elemento del film, dal guardaroba al cast, ma ha lasciato agli attori la possibilità di sviluppare i propri personaggi, liberamente.
Durante le due settimane di prove a cui hanno partecipato il cast e il regista, a Baton Rouge, la Meyer aveva con se diverse note riguardanti i personaggi e il destino della Cercatrice, che potrebbe essere influenzato dalla realizzazione di un seguito letterario e forse cinematografico. Se la Ronan ha avuto per lo più completa libertà, la Kruger racconta che quanto dettole dalla Meyer, le ha permesso di mettere diverse in cose in prospettiva:

“La cosa principale [che mi ha detto] è [stata]: non credere che tutto è così bianco e nero. La giuria è ancora lì fuori a decidere chi è il cattivo, qui. Questo mette davvero molte cose in prospettiva”,

ha spiegato l’attrice.
La Meyer non ha fornito alcun dettaglio sul prossimo libro, ma una cosa è certa, la musica avrà un ruolo molto importante. Jake Abel doveva girare una scena in cui suonava una chitarra, ma Stephenie ha fermato le riprese spiegando che

“La musica ha un ruolo fondamentale nel prossimo libro, per favore puoi non suonare?”.

Ma nel film vedremo comunque nella caverna, una chitarra appoggiata contro il muro, un particolare che anticiperà il prossimo film, secondo Niccol.
L’autrice spiega che anche se non ha ancora scritto il nuovo libro, non significa che non sa quello che accadrà. Ha già delle idee molto precise, tanto che nelle sue bozze ci sono già dei dialoghi. La Meyer ha già parlato per la realizzazione di una serie di film, e ammette che l’unica cosa che sta rallentano il progetto è la sua lentezza nello scrivere.
Le 600 pagine del libro verranno condensate in un film di due ore, ma quali sono i cambiamenti maggiori realizzati in questa trasposizione? Le Anime che catturano gli esseri umani non saranno vestite di nero, ma di bianco, un colore che simboleggia la loro purità. Inoltre solo gli esseri umani useranno le pistole, le Anime invece si serviranno di altri mezzi per combattere i terrestri. La Meyer ha accettato questi cambiamenti, mentre in altri casi non ha dato l’ok ad alcuni suggerimenti del regista, come ad esempio far entrare le anime attraverso le palpebre e non un incisione nel collo. La Meyer è riuscita a convincere Niccol della fragile natura degli occhi, e a rimanere in questo caso, fedele al libro.
The Host uscirà in Italia il 28 marzo del 2013. Per rimanere informati sul film, seguite le nostre news dal blog.

Fonte THR

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La regina degli scacchi: in arrivo il musical di Broadway! 8 Marzo 2021 - 20:30

Il romanzo di Walter Tevis verrà adattato dalla compagnia Level Forward, che ha ottenuto 37 nomination ai Tony Awards

WandaVision: Le domande irrisolte dopo il finale della serie 8 Marzo 2021 - 20:00

WandaVision lascia dietro di sé moltissime domande: ecco tutte le trame rimaste aperte dopo la fine della serie!

Warner Bros. festeggia gli 80 anni di Wonder Woman 8 Marzo 2021 - 19:45

DC, Warner Bros. Global Brands and Experiences e WarnerMedia celebrano con un evento globale gli 80 anni della Paladina della Giustizia e Guerriera per la Pace dell’universo DC, Wonder Woman, in occasione della Giornata Internazionale della Donna.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.